DGAP – Il riarmo della Germania è una corsa contro il tempo

“Il governo tedesco vuole che la Germania disponga dell’esercito più forte d’Europa e diventi la spina dorsale della difesa dell’alleanza. Per raggiungere questo obiettivo, dovrà fare un salto di qualità nella ricostruzione della Bundeswehr, nel rinnovamento della base industriale della difesa e nel rafforzamento della resilienza sociale” scrive la prestigiosa DGAP (Deutsche Gesellschaft für Auswärtige Politik), un think tank berlinese molto influente e vicino agli ambienti governativi. Dal sito della DGAP una riflessione su di un possibile piano di riarmo della Germania in tempi rapidi e soprattutto in chiave anti-russa.

riarmo della germania

Le ambizioni imperiali della Russia la rendono la minaccia più grande e urgente per gli Stati della NATO. Dopo la fine degli intensi combattimenti in Ucraina, Mosca avrà bisogno di sei-dieci anni per ricostruire le sue forze armate. In questo periodo, la Germania e la NATO dovranno mettere le loro forze armate in grado di scoraggiare e, se necessario, combattere la Russia. Questo è l’unico modo per ridurre il rischio di una futura guerra in Europa.

  • La Germania e la NATO possono solo influenzare in modo affidabile le proprie capacità di deterrenza e di difesa, ma non se la Russia vuole scatenare un’altra guerra e costruire le capacità militari per farlo.
  • Il tempo necessario alla Russia per ricostituire il proprio esercito dovrebbe determinare il ritmo della NATO. Essa deve essere in grado di respingere un attacco russo entro dieci anni al massimo, o meglio ancora entro sei.
  • Una strategia che favorisca la deterrenza piu’ rapida è la più adatta a ridurre il rischio di guerra. Il rischio aumenta con ogni alternativa. La NATO è quindi sottoposta a un’immensa pressione temporale per migliorare le proprie capacità di difesa.
  • Il riarmo della Germania deve fare un salto di qualità: il governo federale deve rafforzare la Bundeswehr in termini di personale, espandere la produzione di armi e migliorare la resilienza nel più breve tempo possibile. Il prerequisito per questo è un cambiamento di mentalità nella società.

Rivalutazione strategica della Russia

Nel suo nuovo concetto strategico, la NATO descrive la Russia come la minaccia più grande e urgente per la sicurezza dei 31 alleati e per la pace e la stabilità nell’area euro-atlantica. A differenza delle analisi precedenti, l’Alleanza non esclude più un attacco da parte della Russia. La questione non è quindi se la Germania e la NATO debbano essere pronte alla guerra, ma quando.

La Russia stabilisce i tempi grazie a una combinazione di motivazioni di lunga data e di una crescente capacità bellica. La finestra per un possibile attacco russo si apre non appena la Russia avrà l’impressione che un attacco, ad esempio negli Stati baltici, possa avere successo.

Elevata motivazione

Il Presidente Vladimir Putin è da tempo motivato a ripristinare la grandezza della Russia e a respingere l’influenza della NATO e dell’UE. Lui e altri importanti funzionari hanno di recente ripetutamente descritto questi obiettivi. Le loro categorie storiche di pensiero si basano su analogie con l’impero zarista e l’Unione Sovietica dell’era di Stalin. La Russia continua quindi a esistere al di là dei suoi confini – ovunque i russi abbiano vissuto o dove hanno governato l’Impero russo o l’Unione Sovietica. Putin non considera vincolanti i confini applicati dopo il crollo dell’Unione Sovietica. Con la Polonia e gli Stati baltici, la NATO include Paesi che in passato facevano parte della Russia o dell’Unione Sovietica.

L’ideologia e la comprensione della storia di Putin hanno già portato alle guerre in Cecenia e in Georgia. La reintegrazione della Bielorussia nell’impero russo è prevista dalla Costituzione russa ed è attualmente in fase di attuazione. Putin ha iniziato la sua guerra in Ucraina nel 2014. Mosca l’ha trasformata nella più grande guerra in Europa da 75 anni a questa parte, anche se finora non è riuscita a raggiungere tutti i suoi obiettivi bellici. Mosca ha anche ripetutamente minacciato singoli Stati della NATO e la NATO nel suo complesso di voler usare armi nucleari.

rheinmetall
Officine Rheinmetall

Aumento della capacità bellica

Anche dopo quasi due anni di guerra in Ucraina, la capacità bellica della Russia è maggiore di quanto si possa pensare. Le forze di terra hanno subito le maggiori perdite in termini di personale e di materiale e saranno il fulcro della ricostruzione. Anche le forze aeree hanno perso personale qualificato, ma hanno subito solo perdite materiali minori (circa il 10-15%). Allo stesso tempo, entrambi i rami delle forze armate hanno dimostrato la loro capacità di adattamento. La Marina ha subito pesanti perdite nella Flotta del Mar Nero. Tuttavia, le flotte del Baltico, del Pacifico e del Mare del Nord sono ancora operative. Sia le forze missilistiche strategiche che le forze cibernetiche e spaziali dell’esercito russo saranno probabilmente in gran parte intatte.

La Russia può addestrare circa 280.000 reclute all’anno. In sei anni, si tratta di circa 1,7 milioni e in dieci anni di circa 2,8 milioni di militari. Addestrandosi presso le unità che attualmente combattono in Ucraina, potranno beneficiare della loro esperienza di combattimento.

La Russia sta attualmente trasformando la sua industria della difesa in un’economia di guerra, utilizzando i proventi delle esportazioni di petrolio e gas. Ha aumentato la produzione in alcuni segmenti e ha mantenuto i dipendenti chiave nella produzione. Le sanzioni sui componenti bellici, come i microchip o i cuscinetti a sfera e le materie prime, sono state aggirate in molti settori. Inoltre, la Russia importa equipaggiamenti per la difesa da paesi terzi.

La finestra di opportunità: da 6 a 10 anni

Gli esperti e le agenzie di intelligence stimano che la Russia impiegherà dai sei ai dieci anni per ricostruire il proprio esercito al punto da poter osare un attacco alla NATO. Il tempo inizia a scorrere non appena gli intensi combattimenti in Ucraina si arresteranno. A quel punto la Russia potrà riorientare la sua produzione attuale e produrre armi per la ricostituzione dell’esercito.

LA RISPOSTA DELLA NATO

La NATO ha modificato i suoi piani di difesa: se la Russia dovesse attaccare la NATO, le sue truppe sarebbero fermate al confine del territorio dell’Alleanza. Questo per evitare atrocità contro la popolazione civile. L’alleanza vuole anche eliminare il rischio del “fatto compiuto”: se la Russia riuscisse a conquistare un territorio più vasto, potrebbe proporre agli Stati della NATO un accordo territoriale che potrebbe dividere politicamente l’alleanza.

Per essere in grado di difendere “ogni metro di territorio della NATO”, secondo la formula scelta dal presidente statunitense Joe Biden, dal cancelliere tedesco Olaf Scholz e da altri, la NATO ha completamente riorganizzato la sua pianificazione della difesa in occasione dei vertici di Madrid del 2022 e di Vilnius del 2023. Al centro:

Il nuovo modello di forza della NATO: 300.000 soldati ad elevata disponibilità.

Piani di difesa regionali: specificano quale membro dell’Alleanza ha la responsabilità della difesa in quale regione e deve fornire forze militari a tale scopo.

panzer leopard rheinmetall
Leopard II

NATO: la velocità determina la rilevanza degli sforzi

La NATO ha rivisto i suoi piani di difesa. Tuttavia, non c’è accordo sul fattore decisivo: la velocità. Entro quando dovrebbero essere attuati i piani? Per evitare una possibile guerra, non deve aprirsi una finestra di opportunità nelle considerazioni della Russia. Un conflitto con la NATO deve essere riconosciuto da parte della Russa come senza speranza fin dall’inizio e in ogni momento. A tal fine, la NATO deve aumentare rapidamente la propria capacità bellica e comunicarlo in maniera visibile alla Russia. Ciò è tanto più importante in quanto le possibilità di cambiare le motivazioni del regime russo o di attivare la società sono considerate scarse.

Corsa contro il tempo

Esiste una tempistica chiaramente definibile per la realizzazione di questi piani. È definita dal tempo di cui le forze armate russe avranno bisogno per la loro ricostituzione, ossia da sei a dieci anni, calcolati a partire dalla fine dei combattimenti ad alta intensità in Ucraina.

Dal punto di vista della NATO, la propria riorganizzazione deve essere completata al massimo un anno prima del raggiungimento della capacità militare russa. Solo allora il Cremlino avrà la possibilità di riconoscere in tempo che la finestra di opportunità russa non si è aperta. Analogamente al periodo di ricostituzione militare russo, la NATO dovrà quindi essere pronta alla guerra tra cinque-nove anni per poter dissuadere la Russia dall’entrare in guerra.

Tutto ciò che gli Stati della NATO riusciranno ad avere a disposizione solo poco prima della ricostituzione della Russia non potrà più impressionare la Russia nelle sue considerazioni. La Russia sottovaluterebbe la capacità di combattimento della NATO e potrebbe essere tentata di iniziare una guerra.

Percorsi strategici: sicurezza o rischio

Un’attuazione rapida consente di ottenere un effetto deterrente maggiore e più precoce. D’altro canto, vi sono i costi politico-economici e le conseguenze militari e industriali di un armamento accelerato. Questa tensione definisce lo spazio dei possibili percorsi strategici che la NATO può intraprendere. La tabella illustra cinque opzioni con i loro vantaggi e svantaggi. Esse si differenziano fondamentalmente per il fattore tempo.

Se partiamo dal presupposto che la NATO ha ancora un decennio prima di essere in grado di dissuadere la Russia, lo sforzo necessario per farlo è politicamente più facile da digerire: l’onere sui bilanci pubblici è distribuito su più governi. Le strutture delle forze e gli acquisti già pianificati possono essere portati avanti. L’industria può mantenere i suoi piani di produzione. I Paesi della NATO avrebbero anche più tempo per costruire la loro difesa globale.

Tuttavia, se Mosca riuscirà a riformare le sue forze armate in soli sei anni, per la NATO diventerà sempre più impossibile vincere la competizione. Ciò è dovuto ai lunghi tempi necessari perché i piani in Europa diventino realtà: ci vogliono almeno due anni per mettere in piedi nuove linee di produzione di missili o carri armati, così come quelle di formazioni militari più grandi. Quanto più velocemente si procede, tanto più sarà necessario modificare gli standard per l’addestramento o le armi, ad esempio. Un esercito creato entro cinque anni sarà diverso da uno che dovrà essere disponibile solo tra nove anni. In termini di qualità, sarà al livello di oggi, ma in termini di quantità, le strutture saranno riempite e saranno necessarie forze di riserva.

Opzioni estese

Indipendentemente dal percorso strategico scelto, ci sono quattro aree in cui la NATO può migliorare la sua posizione nei confronti della Russia attraverso azioni aggiuntive:

Opzione I: guadagnare tempo

La NATO deve utilizzare il tempo che le rimane fino alla fine dell’intensa guerra in Ucraina e la Russia può iniziare a ricostituire le sue forze armate. Ciò significa aumentare il sostegno all’Ucraina in modo tale che le forze armate ucraine abbiano la possibilità di infliggere alla Russia una sconfitta sul territorio ucraino con la loro prossima offensiva. Questo non solo ridurrebbe ulteriormente la potenza di combattimento della Russia. In questo modo, la NATO potrebbe dimostrare la sua determinazione e sperare che una sconfitta russa cambi la strategia del Cremlino. Tuttavia, la NATO deve valutare se conviene sostenere l’Ucraina o rafforzare la propria potenza di combattimento.

Opzione II: Integrare l’Ucraina nel settore della difesa europea.

L’Europa dovrebbe iniziare immediatamente a lavorare con l’Ucraina per pianificare e attuare l’integrazione di lungo periodo del Paese nella difesa e negli armamenti occidentali. L’Ucraina fa già parte del sistema di difesa occidentale. L’annunciata adesione all’UE e alla NATO rafforzerà questo legame. In vista del conflitto con la Russia, che probabilmente continuerà per decenni, la posizione dell’Ucraina al confine con la Russia e la Bielorussia fa sì che il Paese mantenga la sua straordinaria importanza geostrategica per la sicurezza dell’Europa.

Opzione III: raggiungere un rapporto più equilibrato con gli USA

Su tutta la pianificazione aleggia come una spada di Damocle la preoccupazione secondo la quale gli Stati Uniti possano ridurre il loro sostegno alla difesa dell’Europa. Gli europei dovrebbero quindi fare gli sforzi necessari per raggiungere una propria capacità bellica per ottenere un rapporto più equilibrato con gli Stati Uniti. Il momento è favorevole: gli Stati Uniti si aspettano una maggiore indipendenza dall’Europa e se l’Europa riuscisse a respingere l’accusa di un’ingiusta condivisione degli oneri, ciò aiuterebbe il Presidente Biden nella sua campagna elettorale.

Opzione IV: ostacolare la produzione russa

Le speranze riposte nelle sanzioni sono state in molti casi deluse. Tuttavia, le restrizioni commerciali offrono l’opportunità di ostacolare la crescita dell’economia di guerra russa. Per raggiungere questo obiettivo, tuttavia, le misure devono essere pienamente attuate ed estese a una gamma molto più ampia di beni, poiché gli armamenti russi sono attualmente incentrati sulla produzione di massa piuttosto che sull’alta tecnologia. Una tecnologia che può sembrare obsoleta per l’Occidente è sufficiente per la guerra russa.

boris pistorius
Ministro della Difesa Boris Pistorius

La Germania ha bisogno di un salto di qualità

Il governo tedesco vuole che la Germania disponga dell’esercito più forte d’Europa e diventi la spina dorsale della difesa dell’alleanza. Per raggiungere questo obiettivo, dovrà fare un salto di qualità nella ricostruzione della Bundeswehr, nel rinnovamento della base industriale della difesa e nel rafforzamento della resilienza sociale.

Un decennio di politica di sicurezza

Il tanto richiesto cambiamento di mentalità avverrà solo se la difesa globale entrerà a far parte della vita quotidiana della politica, dell’economia e della società civile. L’attuale restringimento del dibattito alla guerra classica è sbagliato. Da un lato, oltre a un possibile attacco da parte della Russia, esistono numerosi altri rischi per i quali la Germania deve prepararsi con urgenza. D’altra parte, un attacco russo non sarebbe rivolto solo a obiettivi militari, ma anche all’intero spettro di debolezze delle società occidentali. Si pone quindi la questione non solo di come la politica e la società si occuperanno dei morti e dei feriti in caso di guerra, sia dal punto di vista pratico che mentale, ma anche di come si possa migliorare la protezione contro gli attacchi informatici e la disinformazione, come si può già vedere oggi nella guerra di aggressione russa e nel conflitto Israele-Hamas.

Il governo tedesco potrebbe stabilire un punto di partenza per il cambiamento nella vita quotidiana proclamando un decennio di politica di sicurezza insieme ai governi e ai parlamenti statali: un contratto sociale decennale per preparare la Germania a possibili conflitti futuri. Questo ridefinirebbe il quadro strategico delle azioni della Germania. Allo stesso tempo, l’orizzonte temporale in cui gli attori chiave, cioè i ministeri, i parlamenti, la Corte dei Conti e altri esperti, analizzano e valutano i compiti e le spese dello Stato si estenderebbe oltre il periodo legislativo. Affinché possa emergere una nuova politica, per questo decennio devono essere messi a disposizione anche fondi aggiuntivi.

Il cambiamento nella vita di tutti i giorni potrebbe essere proposto e comunicato in tutto il Paese, ad esempio con il motto: “Meno regolamenti, piu’ investimenti”. Una moratoria di dieci anni, ad esempio, sulle normative non strettamente necessarie e una preferenza per gli investimenti nella difesa generale. Oltre alle forze armate e all’industria, ciò include anche la protezione civile e tutto ciò che rende i sistemi complessi più resistenti. Ciò richiede investimenti a tutto campo.

Forze armate

È già chiaro che il rafforzamento della Bundeswehr al ritmo attuale arriverà troppo tardi per la NATO, anche se la Russia si riarma lentamente. Dopo lo shock causato dalla prima invasione dell’Ucraina da parte della Russia nel 2014 e i nuovi piani del 2016, la Bundeswehr voleva raggiungere gli obiettivi della NATO in circa 15 anni – all’inizio del 2030. La metà di questo periodo è trascorsa senza alcun miglioramento sostanziale. La prima delle tre divisioni destinate al nuovo dispiegamento di deterrenti non sarà pronta per l’impiego nel 2025 come previsto. La divisione prevista per il 2027 ha un destino simile.

Nuova pianificazione: il governo tedesco deve adattare il sistema di approvvigionamento e la struttura delle forze armate all’obiettivo di essere in grado di adempiere ai propri impegni in modo tempestivo – indipendentemente dal fatto che si parli di capacità bellica o di capacità di difesa. È importante identificare chiaramente ciò che sarà fattibile nei prossimi anni. La priorità dovrebbe essere data agli investimenti che aumentano direttamente la capacità bellica, come l’approvvigionamento di munizioni, pezzi di ricambio e logistica, nonché capacità rapidamente schierabili come i piccoli droni.

fregata bayern
Fregata Bayern

Sulla base dell’esperienza acquisita con l’addestramento dell’esercito ucraino, l’addestramento militare dovrebbe essere adattato alla realtà del campo di battaglia moderno. L’addestramento dovrebbe includere anche attività apparentemente banali che attualmente sono eccessivamente regolamentate o addirittura proibite, come il volo di droni tattici sopra il personale in esercitazione o lo scavo di trincee. Una moratoria sui regolamenti che non sono direttamente necessari per la protezione della vita e dell’incolumità fisica può generare maggiore libertà nell’approvvigionamento e nell’addestramento, ma solo se le possibilità vengono effettivamente utilizzate nella vita quotidiana.

La più grande sfida a lungo termine per la Bundeswehr è quella di avere personale sufficiente, comprese le riserve. Attualmente la Bundeswehr ha troppo poco personale nuovo. Allo stesso tempo, ci sono molti soldati che fanno fatica a dare un senso al loro lavoro o si scontrano con la mancanza di possibilità di sviluppo. Una strategia per il personale dovrebbe concentrarsi sulla creazione di un senso di scopo e creare l’opportunità di congedare con onore una generazione di ufficiali anziani prima del tempo. Questa strategia dovrebbe essere collegata al rafforzamento della resilienza dell’intera popolazione. Si dovrebbe prendere in considerazione la possibilità di abbreviare l’addestramento delle riserve. L’addestramento dell’esercito ucraino da parte delle forze armate tedesche offre spunti anche in questo senso.

Appalti e industria della difesa

Tradizionalmente, la Germania non dispone di un quadro di politica della difesa che definisca la cooperazione tra il governo federale e l’industria. Tuttavia, il governo federale dovrà creare rapidamente le condizioni politiche per garantire in maniera credibile la sicurezza degli approvvigionamenti delle forze armate.

La quantità prima della qualità: quando si tratta di equipaggiamenti, la Bundeswehr dovrebbe concentrarsi su sistemi collaudati e testati che possano essere prodotti rapidamente e in grandi quantità. La qualità tecnologica dei sistemi d’arma esistenti dovrebbe essere in genere sufficiente a tenere testa alla Russia. Tuttavia, essi possono – e devono – essere ulteriormente sviluppati in modo incrementale. Allo stesso tempo, questo crea un percorso di innovazione alternativo ai rischiosi progetti su larga scala e fa guadagnare del tempo per continuare a portarli avanti. In considerazione dei pericoli concreti, tuttavia, il sistema di carri armati principali MGCS e il sistema di combattimento aereo FCAS arriveranno troppo tardi se non potranno essere prodotti per altri 12-15 anni.

Espansione della capacità produttiva: ci vorranno almeno due anni per creare nuove linee di produzione per i carri armati o i missili. La Germania ora dovrebbe poter ordinare tutto il materiale di cui ha bisogno per equipaggiare completamente le sue forze armate, comprese le riserve e i materiali di consumo come le munizioni o i pezzi di ricambio. Questo crea sicurezza negli investimenti per le aziende e consente di ottenere prezzi migliori per la Bundeswehr. L’industria e, soprattutto, i suoi numerosi fornitori hanno bisogno di questi segnali oggi, se vogliono produrre molto di più tra due anni. Inoltre, il governo e il parlamento dovranno fornire alle aziende un accesso più facile al credito e accelerare notevolmente il processo di autorizzazione per le nuove fabbriche. Un altro modo per aumentare la quantità è quello di rimettere a nuovo il vecchio materiale ancora utilizzabile. La Germania e i suoi alleati dovrebbero anche costituire una riserva strategica di materie prime, a livello nazionale o europeo.

Cooperazione: la Germania potrebbe proporre ad altri Stati della NATO di effettuare pagamenti anticipati, ad esempio nella produzione di veicoli blindati, per aumentare le economie di scala e l’interoperabilità. Gli Stati NATO potrebbero poi noleggiare o acquistare i sistemi da un pool.

La resilienza

Per quanto riguarda la resilienza della società tedesca, in particolare, i segnali puntano verso lo smantellamento. Sebbene i governi federali e statali stiano pianificando una nuova direttiva sulla protezione civile, non hanno stanziato alcun fondo a tal proposito. La protezione civile viene addirittura tagliata.

Iniziativa di resilienza: la resilienza è sostenuta a livello micro da cittadini, autorità locali, istituzioni pubbliche, associazioni e imprese. È importante coinvolgere intensamente la popolazione nella definizione del decennio delle politiche di sicurezza, poiché la partecipazione rafforza l’empowerment e la motivazione alla resilienza. Si tratta anche di questioni come la pianificazione urbana, l’approvvigionamento energetico, le vie di trasporto e molto altro ancora, che riguardano comunque direttamente la popolazione. Le persone possono essere coinvolte attraverso concorsi, formazione continua, campi di addestramento e molti altri formati interattivi.

Più risorse per la difesa civile: i governi federali e statali devono aumentare sensibilmente i loro investimenti nella protezione civile, ossia nella protezione civile e dalle catastrofi, nella sicurezza degli approvvigionamenti e nella protezione delle infrastrutture critiche. Per finanziare ciò, si potrebbe adottare un obiettivo nazionale di spesa per il rafforzamento della protezione civile. Nell’assegnazione degli appalti pubblici si dovrebbe dare priorità all’equipaggiamento della protezione civile e delle infrastrutture critiche. Questo varrebbe, ad esempio, per la costruzione di strade e ponti e per la fornitura di energia. Parte integrante della difesa globale è la ridefinizione del rapporto tra Stato, economia e società, dato che molte infrastrutture sono in mano a privati.

Tirocinio di resilienza: invece del servizio militare obbligatorio, dovrebbe essere previsto uno stage obbligatorio per tutte le persone di età compresa tra i 18 e i 65 anni che vivono in Germania nei settori rilevanti per la difesa globale. In questo modo si creerebbe un incentivo a identificare le aree del settore privato e della società che sono importanti per la difesa generale. Inoltre, chiarirebbe quali attività sono necessarie per mantenere la capacità di funzionamento del Paese. In questo campo, ogni persona può definire il ruolo che può svolgere in modo significativo in caso di crisi.

About the author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *