Pistorius: “Rendere la Germania idonea alla guerra”

boris pistorius

Il Ministro della Difesa, Boris Pistorius, ribadisce l’obiettivo di preparare la società tedesca per eventuali situazioni di conflitto, sottolineando la necessità di un “cambio di mentalità”. Per il ministro le eventuali critiche rivolte alla NATO o all’Unione Europea dovrebbero essere considerate una minaccia per la sicurezza nazionale. Ne scrive German Foreign Policy

Boris Pistorius

“Guerra in Europa”


Ieri, martedì, il Ministro della Difesa Boris Pistorius ha tentato ancora una volta di convincere la popolazione tedesca sulla possibilità di una nuova guerra. Domenica sera il Ministro aveva già dichiarato al programma della ZDF “Berlin direkt”: “Dobbiamo riabituarci all’idea che il pericolo di una guerra in Europa potrebbe essere imminente” [1] e ieri, in un’intervista alla Deutschlandfunk, ha aggiunto, a proposito della guerra in Ucraina, che attualmente esiste “un pericolo di guerra in Europa… da parte di un aggressore”; la popolazione non è “mentalmente preparata” a questo. La situazione deve cambiare. [2] “Dobbiamo essere in grado”, ha sottolineato Pistorius, “di fare una guerra … di essere in grado di fare la guerra”. In questo intervento ha ridotto la sua richiesta a “una guerra difensiva, una guerra di difesa”.

Nuovi debiti speciali


Domenica sera Pistorius ha commentato anche il riarmo della Bundeswehr. Secondo lui, due terzi del cosiddetto fondo speciale da 100 miliardi di euro, che il cancelliere Olaf Scholz aveva messo a disposizione subito dopo l’inizio della guerra in Ucraina, sono già vincolati contrattualmente in progetti concreti. Ciò significa che c’è denaro sufficiente fino al 2027/28 circa. Dopodiché, però, “il fondo speciale sarà esaurito”, ha sottolineato Pistorius in un discorso tenuto venerdì ad Amburgo presso l’Accademia di comando e stato maggiore delle forze armate tedesche. Se vogliamo continuare a riarmare la Germania in modo completo – nel quadro dell’obiettivo del due per cento della NATO – ciò significa che il volume del bilancio militare da quel momento in poi dovrà contenere “un totale del 20 per cento in più” rispetto a quello attuale. [3] Poiché l’attuale bilancio della Bundeswehr è di poco sorpa i 50 miliardi di euro e si prevede che cresca fino a 51,8 miliardi di euro nel 2024, si tratterebbe di circa dieci miliardi di euro all’anno. Il Ministro dell’Economia Robert Habeck sostiene che, invece di un aumento regolare del bilancio ufficiale della difesa, si dovrebbe creare nuovamente un “fondo speciale” per la Bundeswehr. [4] Il termine “fondo speciale” è stato nel frattempo rimproverato anche dalla Corte dei Conti federale, che ha sottolineato che si tratta in realtà di un “debito speciale”. [5]

“Prendere l’iniziativa”


Lo stesso Pistorius ha sollevato dubbi sul fatto che la Bundeswehr debba essere riarmata solo per la difesa nazionale. Venerdì scorso, infatti, ha dichiarato all’Accademia di comando e di stato maggiore delle forze armate tedesche ad Amburgo che il cosiddetto ordine internazionale basato sulle regole viene sempre più messo in discussione “in tutto il mondo”: “Gli sviluppi delle crisi si verificano a intervalli più ravvicinati e spesso non prevedibili, colpo su colpo” [6] Per questo motivo, la Germania deve “assumere un ruolo guida a livello internazionale”. Questo dovrebbe essere fatto “non come potenza leader, ma come partner leader”; dopo tutto, più che mai, “le nostre alleanze formano il quadro delle nostre azioni”. Attualmente, ad esempio, la Bundeswehr sta assumendo posizioni nel Mediterraneo orientale. Sebbene si sostenga che ciò avvenga solo per poter attuare eventuali misure di evacuazione, [7] i politici berlinesi hanno già fatto sapere che la Germania non si tirerà indietro se Israele dovesse avere bisogno di sostegno militare [8]. La partecipazione a una guerra in Medio Oriente, eventualmente nel quadro dell’UE o della NATO, non avrebbe più nulla a che fare con la difesa nazionale. Inoltre, lo stesso vale per la continua partecipazione della Bundeswehr alle manovre dell’alleanza contro la Cina nella regione Asia-Pacifico. [9]

Lo spettro di opinioni accettato


Secondo Pistorius, l’importanza delle alleanze per la Germania non consente più di criticare l’UE o la NATO. Il ministro ha dichiarato infatti venerdì: “I partiti che ora chiedono la fine dell’UE e che la Germania debba lasciare la NATO… mettono in pericolo la sicurezza della Germania” [10] Pistorius ha lasciato aperte le conseguenze di una presunta messa in pericolo della “sicurezza della Germania” per coloro che presumibilmente causano la “messa in pericolo” con critiche alla NATO o all’UE. In ogni caso, questo restringe ulteriormente lo spettro delle opinioni pubblicamente accettate in Germania. Al più tardi dall’inizio della guerra in Ucraina, infatti, le dichiarazioni sulla Russia che contengono qualcosa di diverso da un duro rifiuto vengono sistematicamente emarginate. [11] La situazione è simile per quanto riguarda le opinioni sulla Cina. Dopo il massacro di Hamas del 7 ottobre e l’inizio della guerra israeliana nella Striscia di Gaza, anche le posizioni palestinesi sono ormai costantemente ostracizzate dalla sfera pubblica tedesca. [12] La condanna di Pistorius per le critiche alla NATO e all’UE aggiunge ulteriori elementi alla zona tabù, la cui rottura porta a temere sanzioni informali in pubblico.

“Riposizionare la società”


Pistorius ha chiesto domenica sera, riassumendo le sue richieste: “Dobbiamo diventare idonei alla guerra. Dobbiamo essere adatti alla difesa. E posizionare la Bundeswehr e la società a questo scopo” [13] La società tedesca non ha sperimentato né la guerra né una reale minaccia di guerra nel proprio Paese dal 1990. Ma ora dobbiamo abituarci: “Si tratta di un vero e proprio cambiamento di mentalità”. Christian Mölling, esperto di sicurezza del Consiglio tedesco per le relazioni estere (DGAP), è d’accordo in un’intervista rilasciata lunedì alla ARD. Ciò che serve è “la comprensione della popolazione per sostenere effettivamente un’eventuale guerra”, ha spiegato Mölling: “Penso che questa sia la cosa più difficile”. Dopo tutto, la Repubblica Federale è stata “svezzata dalla guerra” dal 1990. [14] Abituarla di nuovo ora richiederebbe “un grande sforzo”. Mölling propone quindi la proclamazione di un “decennio di politica di sicurezza”. In questo quadro, l’esperto chiede che “non solo la Bundeswehr, ma la Repubblica federale nel suo complesso sia resa idonea alla guerra”.

[1] S. dazu „Ein verlässlicher Partner“ und Nach uns der Flächenbrand.

[2] Heiner Hoffmann, Carmen Abd Ali: „Wir müssen uns vom Würgegriff Frankreichs lösen“. spiegel.de 27.08.2023.

[3] S. dazu Das Reisemandat der Afrikanischen Union.

[4] Francesco Sassi: Nigeria’s Gas Ambitions in the European Energy Crisis: High Goals and Practical Realities. ispionline.it 28.10.2022.

[5] Germany reviewing procedures to speed up visa process – Chancellor Scholz. punchng.com 29.10.2023.

[6], [7] Helene Bubrowski, Jochen Buchsteiner: Die zarten Pflänzchen der Migrationspolitik. Frankfurter Allgemeine Zeitung 31.10.2023.

[8] S. dazu Nach uns der Flächenbrand (II) und Gewalt und Sanktionen.

[9] Pressestatement im Rahmen der Pressekonferenz von Bundeskanzler Scholz und dem Präsidenten der Kommission der Westafrikanischen Wirtschaftsgemeinschaft, Touray, am 29. Oktober 2023 in Abuja.

[10] Chris Ewokor, Wedaeli Chibelushi: Nigeria Supreme Court dismisses election challenges by Atiku Abubakar and Peter Obi. bbc.co.uk 26.10.2023.

[11] Corinna Päffgen: Neuer Präsident treibt Wirtschaftsreformen voran. gtai.de 08.08.2023.

[12] Nathaniel Bivan, Hauwa Saleh Abubakar: Now Many Nigerians Will Be In Poverty Because Of Cost Of Living Crisis? humanglemedia.com 13.09.2023.

Un pensiero su “Pistorius: “Rendere la Germania idonea alla guerra”

  1. Gli americani non permetteranno mai una militarizzazione della Germania.
    Il primo passo che questo buffone deve attuare è di ELIMINARE OGNI BASE USA / NATO in Germania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *