Harald Kujat – L’Ucraina in un vicolo cieco

Il Generale Harald Kujat, ex comandante della Bundeswehr ed ex dirigente della NATO, in una recente intervista afferma che l’Ucraina si trova in una situazione senza via di uscita, una tragica realtà sanguinaria ancora negata dai media occidentali. Kujat sostiene che sia giunto il momento di sedersi al tavolo dei negoziati, poiché è evidente che gli ucraini stanno perdendo la guerra. Invita a imparare dalla tragica decisione di marzo 2022, quando l’Ucraina rifiutò l’offerta di pace russa, rifiuto basato sulla promessa di un sostegno militare illimitato da parte degli Stati Uniti e degli occidentali. Questo sostegno, però si è poi rivelato completamente insufficiente per contrastare l’avanzata russa. Un intervista da non perdere da zeitgeschehen im Fokus

General-a.D.-Harald-Kujat

Intervistatore: La situazione in Ucraina sembra essere in una fase critica. I politici e i media occidentali hanno a lungo propagandato che l’ampia offensiva ucraina avrebbe portato alla vittoria contro la Russia. Ora le cose sembrano essere andate diversamente. Come stanno affrontando i media questa situazione?

Generale Harald Kujat: Questa consapevolezza sta emergendo solo lentamente. Il governo federale sembra determinato a continuare la sua strategia di “As long as it takes” di sostegno militare e finanziario. I rapporti dei media americani sulle ragioni del fallimento dell’offensiva e sulle possibili conseguenze vengono ripresi solo sporadicamente. In questa situazione, definita dal segretario generale della NATO come “critica”, il presidente Biden ha fatto un appello emotivo per ottenere l’approvazione di un pacchetto finanziario da 110,5 miliardi di dollari, sottolineando il rischio di una guerra tra Russia e NATO e la perdita della “leadership globale” in caso di mancata approvazione. Questo pacchetto includeva 61 miliardi di dollari per il sostegno militare e finanziario all’Ucraina, oltre a fondi per Israele, Taiwan e la protezione del confine con il Messico. Questo pacchetto avrebbe dovuto essere approvato prima della fine della sessione parlamentare di quest’anno per evitare un ulteriore peggioramento della situazione in Ucraina. Inoltre, il pacchetto di aiuti dell’Unione Europea, del valore di 50 miliardi di euro, è bloccato. Tuttavia, il Congresso ha approvato in tempo il bilancio della difesa per il 2024, che ammonta a 886 miliardi di dollari e include centinaia di milioni di dollari per la fornitura di armi a Israele e all’Ucraina, dando così all’Ucraina un po’ più di tempo. Tuttavia, il presidente Biden ha concluso il suo incontro con Zelensky con una dichiarazione deludente: “Forniremo all’Ucraina armi critiche e attrezzature finché potremo… ma senza ulteriori fondi, non saremo in grado di aiutare l’Ucraina a far fronte alle sue urgenti esigenze operative.” Quindi, la strategia americana di “As long as it takes” potrebbe diventare una strategia di “As long as we can”?

Intervistatore: Selenskyj è stato invitato da Biden a recarsi a Washington per convincere il Senato a dare un parere positivo sul pacchetto di aiuti.

Generale Harald Kujat: Sì, ha cercato di farlo il 12 dicembre, ma senza successo. I senatori repubblicani che hanno respinto il pacchetto di aiuti si lamentavano del fatto che né il governo americano né Selenskyj potevano dire come l’Ucraina potesse vincere la guerra contro la Russia e quale piano avesse il governo per il futuro dell’Ucraina. In questo contesto, la “AsiaTimes” scrive: “Il problema dell’Ucraina per il governo Biden va oltre il finanziamento. I deputati si rendono ora conto che la guerra non può essere vinta e si chiedono se il governo non sia caduto in trappola sostenendo Selenskyj. Nessun serio leader militare ha mai sostenuto che l’Ucraina possa vincere contro la Russia, anche se Kiev e il governo hanno assicurato per mesi che ciò fosse possibile. I deputati che hanno ascoltato questi argomenti negli ultimi due anni ora riconoscono che il governo li ha ingannati.”

Intervistatore: Eppure, non sembra che ci sia un “cambio di rotta” nei media riguardo alla situazione reale?

Generale Harald Kujat: Almeno in Germania e probabilmente anche in altri paesi europei, la vera situazione delle forze armate ucraine, le ragioni del mancato raggiungimento degli obiettivi desiderati e le conseguenze per lo svolgimento futuro della guerra non vengono ancora affrontate con la necessaria chiarezza. Molti sono ancora disposti a far combattere l’Ucraina fino alla fine, ignorando le grandi perdite umane e la distruzione del paese. Si sostiene ancora che l’Ucraina difenda la libertà e la sicurezza dell’Occidente e dovrebbe quindi ricevere maggior sostegno per continuare la guerra. Altri chiedono ulteriori forniture di armi per consentire alle forze armate ucraine di liberare i territori occupati dalla Russia, costringendo così la Russia a negoziare e migliorando le condizioni per un risultato positivo nei negoziati. Ma più a lungo dura la guerra, più si inclina a favore della Russia, come dimostra chiaramente il fallimento dell’offensiva.

Intervistatore: Alla luce dello svolgimento della guerra, non sarebbe ora di affrontare finalmente la verità?

Generale Harald Kujat: È ovviamente difficile farlo quando la verità è stata negata per quasi due anni. Ma alla fine questo accadrà, non tanto perché i sostenitori della guerra riconosceranno il loro errore, ma perché l’opinione pubblica effettivamente cambierà, come stiamo già vedendo in parte.

Intervistatore: Le cause della rappresentazione distorta della realtà sembrano essere l’acritica accettazione della disinformazione, soprattutto l’incompetenza e l’oscuramento ideologico. Quando ho parlato all’inizio di novembre della critica situazione del personale delle forze armate ucraine e ho spiegato che l’obiettivo strategico dell’offensiva non era stato raggiunto, ciò è stato criticato come un giudizio sbagliato dovuto alla mia presunta ignoranza dell’obiettivo. In realtà, l’obiettivo strategico di tagliare le forze armate russe dalla loro piattaforma logistica in Crimea era noto fin dall’autunno del 2022. Poiché l’attentato al ponte di Kerč non ha avuto successo, all’inizio del 2023 è iniziata la pianificazione dell’offensiva con l’intenzione di rompere le posizioni difensive russe, la linea Suworow, e avanzare fino a collegarsi via terra con la Russia e la Crimea. Che l’offensiva fosse fallita, l’alto comandante ucraino, il generale Saluschnyj, lo aveva ammesso già pochi giorni prima della mia intervista in un articolo sull’Economist.

Intervistatore: Saluschnyj, in quanto comandante in capo dell’esercito, è responsabile del fallimento.

Generale Harald Kujat: Recentemente, il Washington Post ha pubblicato un dettagliato rapporto sull’offensiva. Secondo questo rapporto, il piano operativo è stato sviluppato congiuntamente da ufficiali americani, britannici e ucraini nella “Security Assistance Group-Ukraine”, uno staff americano a Wiesbaden. Gli ufficiali americani ritenevano possibile una rottura con un attacco frontale concentrato delle forze meccanizzate delle truppe addestrate e equipaggiate con materiale occidentale nel sud del fronte in direzione di Melitopol. Tuttavia, l’esercito ucraino ha attaccato su tre assi, riducendo notevolmente la potenza di fuoco. Gli americani hanno anche chiesto di iniziare l’offensiva molto prima, per non dare ai russi il tempo di rinforzare le posizioni difensive. Tuttavia, l’Ucraina aveva bisogno fino all’inizio di giugno per la preparazione. I limitati progressi delle forze armate ucraine e le gravi perdite subite all’inizio dell’offensiva hanno portato a grandi frustrazioni in meno di due settimane. Ad agosto, il comando operativo è stato nuovamente regolato congiuntamente, ma senza successo. Dal punto di vista di Saluschnyj, si è creato uno stallo con il risultato che il tempo sta lavorando a favore della Russia. È vero che la guerra di movimento è in gran parte cessata. Ma non vedo uno stallo, perché le forze armate russe sono chiaramente superiori e sono passate all’offensiva da un po’ di tempo.

guerra in ucraina

Intervistatore: Come è stata recepita la mancata riuscita in Ucraina?

Generale Harald Kujat: Il fallimento dell’offensiva ha portato a un conflitto tra Zelensky da una parte, e Saluschnyj e Klitschko dall’altra. Zelensky nega energicamente uno stallo, e Saluschnyj accusa Zelensky di aggirarlo e di comunicare direttamente con i comandanti di fronte. Il fatto che Klitschko abbia preso le difese di Saluschnyj mostra che c’è resistenza contro il governo di Zelensky e che è già iniziata la lotta per la sua successione.

In retrospettiva, Zelensky sembra essere una figura tragica. Prima della guerra, aveva dichiarato la sua disponibilità a rinunciare all’adesione alla NATO e ad accettare la neutralità. Ancora il 28 marzo dello scorso anno, aveva elogiato i progressi negoziali a Istanbul e i risultati ottenuti, facendo sottoscrivere il progetto di contratto al suo negoziatore. Tuttavia, è stato convinto a non firmare il trattato di pace insieme a Putin. Doveva apparentemente ricevere tutto il sostegno necessario dall’Occidente per vincere la guerra.

Oleksyj Arestowytsch, un ex stretto consigliere di Zelensky che è uscito a causa di divergenze con il team di Zelensky e ha lasciato l’Ucraina, sta ora dicendo la verità amara, ovvero che l’Ucraina è in una situazione senza via d’uscita: “La situazione è senza via d’uscita, ed è una situazione senza via d’uscita sanguinaria, è ovvio. È tempo di sedersi al tavolo dei negoziati. Sono convinto che continuare la lotta non ha senso. Ciò significa solo dozzine e centinaia di morti ogni giorno, nessuna delle parti può essere interessata a questo.” Il leader del partito di Zelensky e ex capo della delegazione ucraina nei negoziati di Istanbul lo scorso marzo, David Arachamia, ha addirittura parlato di una rivolta nella Verkhovna Rada, il parlamento ucraino. Aveva recentemente ammesso che la Russia era pronta a fare la pace se l’Ucraina avesse assunto uno status neutrale.

Intervistatore: Perché la leadership ucraina non ha seguito la tattica americana che hai menzionato in precedenza?

Generale Harald Kujat: Sia da parte occidentale che da parte dell’Ucraina ci sono state valutazioni sbagliate cruciali. Nel 2023, Zelensky ha dichiarato l’anno della vittoria decisiva. L’ampia offensiva doveva cambiare la situazione strategica a favore dell’Ucraina. Tuttavia, è emerso molto rapidamente che le aspettative e i risultati lungo l’intero fronte erano molto divergenti. Le forze armate russe erano state a lungo rappresentate come deboli, la loro morale bassa, la leadership incompetente e l’equipaggiamento obsoleto. Al contrario, la potenza di combattimento delle forze armate ucraine è stata notevolmente sopravvalutata. A proposito, i media occidentali hanno una notevole responsabilità per questa disinformazione e le sue conseguenze. Adesso si è raggiunto un punto in cui è chiaro che l’Ucraina non può ottenere una vittoria militare. Le alternative sono che la Russia raggiunga gli obiettivi della sua “operazione speciale militare”, una lunga guerra distruttiva o un armistizio seguito da negoziati di pace. Quest’ultimo, almeno finché i successi della Russia sono limitati e ci sono ancora possibilità per l’Ucraina di raggiungere un accordo accettabile per l’interesse comune. Tuttavia, la finestra temporale per una pace negoziata con un risultato che tiene conto degli interessi dell’Ucraina sta lentamente chiudendosi.

Intervistatore: Era illusoria un’offensiva di successo e quindi una vittoria militare dell’Ucraina fin dall’inizio?

Generale Harald Kujat: Selenskyj è stato citato qualche tempo fa dicendo: “Nessuno crede così fermamente nella nostra vittoria come me. Nessuno”. Il suo comandante in capo aveva richiesto più di mille carri armati moderni occidentali, veicoli blindati e cannoni come condizione per il successo dell’offensiva, anche se era chiaro che l’Occidente non poteva fornire un così grande numero di armi e non c’erano abbastanza soldati ucraini addestrati per il loro impiego. Da ciò si può dedurre che Saluschnyj avesse già dei dubbi prima dell’inizio dell’offensiva se gli obiettivi desiderati fossero raggiungibili nelle circostanze date.

Da parte nostra, gli “esperti” erano invece fermamente convinti che l’Ucraina avrebbe avuto successo. Potevo immaginare che gli ucraini avrebbero potuto penetrare nelle linee di difesa russe con grandi perdite, ma senza una vera rottura. Se le forze armate ucraine avessero seguito il consiglio americano di impiegare tutte le brigate addestrate e equipaggiate in occidente in modo concentrato in un punto operativo, le prospettive di successo sarebbero sicuramente state maggiori. Tuttavia, questo avrebbe richiesto di schierare queste forze in una zona di concentrazione, il che sarebbe stato estremamente rischioso data la superiorità aerea russa. Soprattutto i vasti campi minati, la superiorità aerea russa che consentiva l’uso illimitato degli elicotteri da combattimento e l’efficace integrazione di sistemi di ricognizione costante del campo di battaglia attraverso vari sistemi e la distruzione quasi istantanea degli obiettivi da parte delle forze armate russe hanno fatto fallire le forze armate ucraine. La mancanza di un efficace supporto aereo, la mancanza di attrezzature per la rimozione delle mine che rallentavano il movimento degli attacchi e il fatto, a cui ho spesso fatto riferimento, che non padroneggiavano la battaglia di armi combinate hanno anche contribuito in modo decisivo al fallimento.

Intervistatore: Ha menzionato che gli Stati Uniti hanno criticato il fatto che l’offensiva dell’Ucraina è iniziata troppo tardi. Sarebbe stato davvero un vantaggio se l’offensiva fosse iniziata prima?

Generale Harald Kujat: Se le posizioni di difesa russe non fossero ancora state completate, questo avrebbe sicuramente aumentato le possibilità di successo. Tuttavia, gli altri aspetti che hanno impedito il successo pesano molto di più. Posso anche capire che la leadership militare dell’Ucraina stesse cercando il massimo della sicurezza del successo e quindi avesse bisogno di un lungo periodo di preparazione.

Fondamentalmente, gli Stati Uniti stanno conducendo la guerra. “Se avessero spinto Selenskyj a iniziare l’offensiva, avrebbe certamente avviato questa offensiva prima, specialmente considerando che gli Stati Uniti erano coinvolti nella formazione e nell’equipaggiamento delle forze armate. Senza il sostegno finanziario e materiale degli Stati Uniti, l’Ucraina non potrebbe resistere in questa guerra.” Inoltre, le forze armate americane hanno un ruolo decisivo nella guerra dell’Ucraina. A questo scopo, ufficiali americani e ucraini lavorano strettamente insieme presso lo staff statunitense di Wiesbaden, come già menzionato, per pianificare tutti gli aspetti dell’operazione militare ucraina. Questa collaborazione causa spesso fraintendimenti e irritazioni, ma viene considerata necessaria per familiarizzare l’esercito ucraino con le moderne operazioni occidentali. Questa cooperazione è integrata da formazione su sistemi d’arma occidentali e addestramento di unità meccanizzate su scala di brigata.

Date le critiche condizioni delle forze armate ucraine, secondo quanto riportato dai media, gli Stati Uniti sono costretti a schierare in modo permanente a Kiev il comandante dello staff americano per l’Ucraina, il generale Antonio Aguto, con un team di consulenti per supervisionare i comandanti ucraini. È facile prevedere che la missione dei consulenti crescerà. Questo ricorda molto l’inizio della guerra del Vietnam.

Il generale Aguto è stato brevemente imprigionato in Russia per un breve periodo di tempo in una delle guerre nel Caucaso settentrionale e quindi conosce il fronte russo. Conosce anche le forze armate russe dal suo periodo di servizio in Europa.

coscritti ucraini

Ha menzionato che il presidente Biden ha spinto i membri del Congresso a sostenere il pacchetto di aiuti per l’Ucraina, sostenendo che altrimenti si correrebbe il rischio di una guerra tra Russia e NATO. Secondo lei, è un pericolo reale?

Generale Harald Kujat: Il rischio di espansione della guerra esiste fin dall’inizio. Più a lungo dura la guerra, più questo rischio cresce, a meno che non si cerchi seriamente una tregua e una soluzione pacifica. Tuttavia, sia gli Stati Uniti che la Russia finora hanno fatto tutto il possibile per evitare una diretta confrontazione. Il rischio descritto dal presidente Biden potrebbe, secondo la sua opinione, sorgere se la Russia dovesse battere militarmente l’Ucraina e il sostegno occidentale diminuisse. Ciò potrebbe incoraggiare la Russia a continuare la sua guerra anche contro altri stati, inclusi membri della NATO. Tuttavia, ci sono argomenti significativi contro questa prospettiva. All’inizio della guerra, la Russia non aveva evidentemente l’intenzione di conquistare l’intera Ucraina, dato che il dispiegamento delle forze armate russe era molto inferiore rispetto alle forze armate ucraine. Inoltre, l’occupazione dell’Ucraina avrebbe richiesto un numero enorme di truppe russe, avrebbe legato risorse e causato enormi costi. Inoltre, la Russia sta cercando di stabilire una “zona cuscinetto” tra le forze armate russe e la NATO.

Tutto indica piuttosto che la leadership russa abbia inizialmente creato una minaccia militare per spingere gli Stati Uniti e la NATO a negoziare i loro accordi del 17 dicembre 2021. Se la Russia, di fronte alla concentrazione di gran parte delle forze armate ucraine nell’est del paese, volesse rapidamente conquistare Kiev e insediare un governo filo-russo, o se intendesse aumentare la pressione per ottenere una maggiore disponibilità al dialogo, non è ancora chiaro. In ogni caso, la situazione creata ha portato entrambe le parti a intraprendere colloqui di pace. Durante i negoziati, le forze armate russe sono state ritirate dalle aree conquistate come segno di buona volontà, ma come sappiamo ora, una soluzione pacifica è stata ostacolata principalmente dagli Stati Uniti e dal Regno Unito.

Ma non esclude il rischio di un diretto confronto tra la NATO e la Russia?

Generale Harald Kujat: Tutto indica che l’obiettivo della Russia sia consolidare i territori conquistati e forse occupare anche Charkiv e Odessa. Ma lo sviluppo della guerra è determinato dagli interessi e dagli obiettivi di entrambe le parti, che possono cambiare. Ovviamente, la Russia si tiene aperta l’opzione di attraversare il Dnepr verso ovest, poiché non ha distrutto i ponti.

Le forze armate russe sono ora significativamente più forti rispetto all’inizio della guerra, ma secondo la mia opinione, non sono abbastanza forti per sconfiggere la NATO in una guerra convenzionale limitata all’Europa. D’altra parte, anche la NATO non è abbastanza forte per infliggere una sconfitta convenzionale alla Russia nelle attuali condizioni. Ci sono solo poche truppe da combattimento americane in Europa, e il trasferimento di rinforzi umani e materiali richiederebbe molti mesi. Inoltre, la pianificazione e la preparazione per un possibile conflitto con la Cina hanno la massima priorità. Il bilancio della difesa del 2024 lo dimostra in modo inequivocabile. Tuttavia, se una delle due parti dovesse valutare diversamente la situazione, cosa improbabile, una tale decisione errata potrebbe avere conseguenze catastrofiche per il continente europeo. In base alle attuali dottrine, entrambe le parti cercherebbero di evitare una imminente sconfitta convenzionale mediante il primo utilizzo di armi nucleari.

Gli alleati europei degli Stati Uniti condividono questa visione, come delineato dal presidente Biden?

Generale Harald Kujat: Questa è la mia impressione. Pertanto, in generale, si chiede un rafforzamento convenzionale delle forze armate europee. In particolare, si vuole che la Bundeswehr rafforzi significativamente la sua capacità di difesa nazionale e dell’Alleanza o, come ha formulato il ministro della Difesa, diventi “pronta per la guerra”.

Nei media tedeschi si legge che la Bundeswehr non è in grado di difendere il proprio paese o gli alleati della NATO. Dopo l’attacco russo all’Ucraina, è ora necessario che la Germania rimetta al centro la difesa dell’Alleanza e del paese.

Generale Harald Kujat: Da dodici anni ho sottolineato più volte che la Bundeswehr non è in grado di contribuire in modo significativo alla difesa nazionale e dell’Alleanza. La nostra Costituzione è chiara: “Il Bund dispone di forze armate per la difesa.” E ancora: “Il Bund può, per preservare la pace, aderire a un sistema di sicurezza collettiva reciproca”, ossia la NATO. Ciò significa che il compito principale delle forze armate tedesche è la difesa nazionale e dell’Alleanza all’interno della NATO, in conformità con il loro mandato costituzionale di proteggere e preservare la pace, la libertà, la sicurezza e l’integrità territoriale. Tutti gli altri compiti derivano da questo mandato. Di conseguenza, la Costituzione obbliga ogni governo federale a mantenere costantemente forze armate tedesche con un personale, una struttura espandibile, equipaggiamento e armamento adeguati, rendendole in grado di adempiere al comando costituzionale di proteggere il nostro paese insieme ai nostri alleati e, se necessario, di difenderlo.

Perché la Bundeswehr è in uno stato del genere?

Generale Harald Kujat: La cosiddetta riorientazione della Bundeswehr nel 2011, insieme alla sospensione del servizio militare obbligatorio, è stato il passo decisivo per allontanarla dalla difesa nazionale e dell’Alleanza verso le missioni all’estero. Quella svolta nella politica estera e di sicurezza di allora fu non solo una violazione della Costituzione, poiché fu giustificata dicendo che “una minaccia territoriale diretta alla Germania con mezzi convenzionali resta improbabile”. Pertanto, le “più probabili attività di prevenzione dei conflitti internazionali e gestione delle crisi dovrebbero determinare i tratti distintivi della nuova struttura della Bundeswehr”. Chiunque capisse qualcosa di quella materia valutava già allora la giustificazione geostrategica che aveva avviato il cambiamento sbagliato come non sostenibile. Poiché le condizioni quadro politiche e strategiche rispettive non possono e non devono annullare il mandato costituzionale.

Ma non c’è stata negli ultimi tempi una richiesta di maggiore armamento a causa della presunta minaccia russa…

Generale Harald Kujat: Dal momento in cui la vera situazione militare in Ucraina non può più essere negata e le informazioni appropriate prevalgono sulla disinformazione e la dissimulazione, ora si profetizza “la fine del mondo come lo conosciamo”. Si dice che se la Russia vince la guerra, “nessuno in Europa sarà più al sicuro”. Capisco che coloro che finora hanno battuto indisturbati i tamburi di guerra vogliano assicurarsi ulteriormente il sostegno militare all’Ucraina. Il fatto che la Russia intenda attaccare i paesi della NATO dopo una vittoria militare sull’Ucraina, e che sia in grado di farlo entro pochi anni, ovviamente non è una conclusione qualificata e responsabile di uno staff militare competente dalla complessa valutazione della situazione strategica complessiva, ma una supposizione di “esperti militari”. Non abbiamo bisogno di scenari bellici speculativi e poco informati per giustificare la necessità di abilitare finalmente la Bundeswehr a contribuire in modo adeguato alla difesa nazionale e dell’Alleanza. Basta rispettare il mandato costituzionale. Tra l’altro, nell’interesse della Costituzione “per la preservazione della pace”.

Dice che gli Stati Uniti stanno chiedendo all’Ucraina di passare alla difensiva. Non sarebbe la cosa migliore che potrebbe accadere?

Generale Harald Kujat: Ho già menzionato la strategia “Hold and Build”. Lo sviluppo della guerra finora mostra dal punto di vista americano che gli obiettivi e i mezzi dell’Ucraina devono essere allineati, il che significa abbandonare l’obiettivo di conquistare l’intero territorio ucraino nei confini del 1991. Questo significa continuare il conflitto in linea con il fronte e passare alla difensiva per ridurre le grandi perdite. Il modello coreano della divisione del paese al 38° parallelo serve da esempio. Tuttavia, ci sono grandi differenze rispetto alla soluzione coreana, che dura da settant’anni. Nella guerra di Corea, le potenze maggiori – Cina, Stati Uniti e indirettamente l’URSS – erano coinvolte su entrambi i lati con truppe proprie nei combattimenti. Questi stati avevano quindi un interesse proprio nel porre fine alla guerra. Questo non è il caso qui. La guerra è iniziata e si è conclusa al 38° parallelo. Al contrario, le forze armate russe hanno occupato circa il venti per cento del territorio ucraino. Infine, la tregua è stata negoziata due anni parallelamente alle operazioni militari. Questa è anche una critica che si può muovere all’Occidente. Anche in una guerra di difesa legittima, la politica non deve essere sospesa, ma deve cercare di porre fine alla guerra in condizioni politiche accettabili. Alla fine di una guerra, c’è sempre un risultato politico. O è stato negoziato con il nemico attraverso un accordo di interessi e quindi è valido, oppure è il risultato di una sconfitta militare di una parte, e il vincitore impone le condizioni politiche.

Quali sono le possibilità di giungere a una soluzione sostenibile?

Generale Harald Kujat: Era prevedibile che durante lo svolgimento della guerra la situazione si sviluppasse sempre più a favore della Russia. Nelle limitate capacità delle forze armate ucraine di continuare la guerra di terra, attualmente non è nell’interesse della Russia interrompere la dinamica delle superiori operazioni offensive, ma piuttosto sfruttare questo vantaggio il più a lungo possibile, cioè fino al raggiungimento dei suoi obiettivi militari.

Probabilmente occuperanno completamente le quattro oblast…

Generale Harald Kujat: L’obiettivo sembra essere di occupare completamente queste quattro regioni e, eventualmente, anche Charkiv e Odessa. Per i russi, Odessa è vista come una città russo-urssica. Se la leadership ucraina accetta il piano sostenuto dagli Stati Uniti, il paese sarà diviso nelle regioni fino ad allora occupate dalla Russia e in una “Ucraina ridotta” nell’area di influenza occidentale. Le visioni americane sullo sviluppo futuro sembrano andare oltre la consolidazione di personale e mezzi delle forze armate ucraine. Influenti politici americani propongono che gli Stati Uniti e altri paesi della NATO si impegnino non solo in un sostegno economico e militare a lungo termine, ma anche a garantire l’indipendenza dell’Ucraina. Secondo il modello dell’articolo 4 del trattato della NATO, dovrebbero essere avviate consultazioni immediate se l’integrità territoriale, l’indipendenza politica o la sicurezza sono minacciate. Inoltre, l’Unione europea dovrebbe accelerare l’adesione dell’Ucraina.

Ha menzionato il negoziatore nei colloqui di pace, che ha detto che per i russi si trattava soprattutto della neutralità?

Generale Harald Kujat: in sostanza, si trattava di due punti. Neutralità dell’Ucraina – nessuna adesione alla NATO – e nessuna presenza di truppe o installazioni militari occidentali sul territorio ucraino. Questo è e rimane senza dubbio la “conditio sine qua non” per la Russia per tutte le future regolamentazioni. La forza delle forze armate ucraine è stata fissata in un allegato. Inoltre, si trattava di pari diritti per i cittadini ucraini nelle regioni orientali, che si considerano russi o parlano russo. Questo sarebbe l’attuazione dell’accordo di Minsk II, a cui l’Ucraina si era impegnata con una modifica costituzionale entro il 2015. Tuttavia, il 30 settembre 2022, la Russia ha dichiarato quattro regioni come parte del territorio russo. Ciò ha creato una situazione diversa, anche perché la Costituzione russa vieta la cessione di territorio russo.

Quali sono le possibilità di pace?

Generale Harald Kujat: Da quando le trattative dello scorso marzo, entrambe le parti hanno aumentato le sfide per una soluzione negoziata. Perciò, e in particolare a causa della situazione militare attuale, le condizioni quadro di allora per un equo equilibrio degli interessi non sono più completamente presenti. Soprattutto perché le forze armate ucraine non sono in grado di cambiare la situazione militare a loro favore per ottenere una posizione negoziale più forte. Che anche gli Stati Uniti la vedano così è dimostrato dal cambio di strategia che hanno proposto.

Ma all’epoca delle trattative a marzo dell’anno scorso, le regioni non erano ancora state completamente conquistate…

Generale Harald Kujat: È vero. Gli insorti nel Donbass non erano separatisti nel vero senso della parola, come erano soliti essere chiamati. Non volevano separarsi dallo stato ucraino, ma ottenere gli stessi diritti di tutti gli altri cittadini ucraini.

Ha menzionato che gli obiettivi negoziati nelle trattative di marzo 2022 non sono più possibili, e anche il suo piano di pace dello scorso agosto, che offriva una seria possibilità, lo ritiene superato in molti punti. Cosa pensa che sia necessario oggi per raggiungere una pace duratura?

Generale Harald Kujat: Non consideriamo la nostra proposta un piano. Volevamo piuttosto mostrare una strada verso una tregua come primo passo e come condizione per i negoziati di pace. Volevamo dimostrare, contrariamente all’opinione prevalente, che la pace e la sicurezza per l’Ucraina sono possibili. Una tregua, come l’avevamo proposta, sarebbe ancora oggi realizzabile. Soprattutto, sarebbe una base solida per i negoziati di pace. Una tregua senza successivi negoziati di pace non porta pace e sicurezza né all’Ucraina né a un ordinamento europeo della pace e della sicurezza stabile. Che i dettagli di una soluzione di pace possano essere chiariti solo nei negoziati è ovvio. Tuttavia, abbiamo almeno descritto cosa fosse raggiungibile, nel rispetto degli interessi della Russia e dell’Ucraina, nonché del risultato negoziale di fine marzo 2022, al momento della nostra pubblicazione. Per me, la linea guida decisiva per una soluzione di pace e per evitare ulteriori tensioni intorno all’Ucraina è ciò che Henry Kissinger scrisse nel 2014 in un articolo del New York Times: “Troppo spesso la questione ucraina è presentata come uno scontro: se l’Ucraina si unisce all’Est o all’Ovest. Ma se l’Ucraina vuole sopravvivere e prosperare, non deve essere il avamposto di un lato contro l’altro ma fungere come un ponte fra le 2 parti”

About the author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *