Daniel Stelter – La Germania presto come l’Italia, ma senza il mare, il sole, le spiagge e il buon cibo

Per l’economista tedesco Daniel Stelter, intervistato dalla Schwaebische Zeitung, il futuro della Germania in assenza di riforme drastiche rischia di essere simile a quello dell’Italia: emigrazione di massa, deindustrializzazione, crisi economica e impoverimento generalizzato. Daniel Stelter animato dal suo abituale pessimismo non le manda a dire e dalla Schwaebische Zeitung ci spiega perchè il rischio di italianizzazione della crisi economica in Germania è concreto.

crisi economica germania

Herr Stelter, come sarà la Germania a fine 2023? È preoccupato?

Chi non è preoccupato per la Germania di questi tempi? I fallimenti degli ultimi decenni, le priorità sbagliate della politica attuale e il difficile contesto internazionale hanno creato una situazione mista che ci fa preoccupare per la Germania.

Cosa sta andando storto?

Gli ultimi risultati PISA sono un ottimo, anzi pessimo esempio. Un tempo il Baden-Württemberg, in particolare, era un leader nel settore dell’istruzione. Ora anche qui si registra il calo maggiore tra gli Stati federali. La Germania nel suo complesso sta precipitando in termini di istruzione.

Altri problemi?

Abbiamo molte difficoltà a integrare gli immigrati. Abbiamo infrastrutture carenti, troppa burocrazia, alti prezzi dell’energia e molti altri problemi. È evidente che ci mancano la forza e la volontà di affrontare i nostri problemi in modo radicale.

daniel stelter

Come si è arrivati a questo punto, soprattutto per quanto riguarda l’istruzione?

Nel nostro sistema scolastico abbiamo avuto a lungo grandi difficoltà a integrare e sostenere i bambini provenienti da contesti educativamente svantaggiati. La risposta politica a questa situazione è stata quella di abbassare continuamente gli standard di rendimento nel corso degli anni. Questo sviluppo è stato accelerato dall’altissimo livello di immigrazione degli ultimi dieci anni. A differenza di altri Paesi, non abbiamo una procedura di selezione degli immigrati. Sono gli immigrati a scegliere noi. Se si presta attenzione a un’immigrazione qualificata, in seguito si avranno figli e lavoratori più qualificati. Se, come noi, accogliamo immigrati prevalentemente non istruiti, il problema aumenta.

Che cosa si dovrebbe fare?

Dobbiamo investire molto di più nell’istruzione. Tutti i bambini immigrati dovrebbero andare subito all’asilo e imparare il tedesco. Non è stato fatto nulla di tutto ciò. Ora vediamo il risultato di questi fallimenti. Questi errori sono molto difficili da correggere.

I politici capiscono la necessità di agire?

Se si legge l’accordo di coalizione del governo di coalizione, vengono affrontati i temi giusti: Digitalizzazione, immigrazione intelligente e molto altro. Ma le risposte del governo federale a queste sfide sono spesso troppo ideologiche. Dicono che dobbiamo ridistribuire di più, aumentare il debito o organizzare la politica climatica in un certo modo. Quasi nessuno riconosce che la Germania è un caso di ristrutturazione.


Perché è così?

Non c’è alcuna pressione. Quando le aziende chiudono o delocalizzano la produzione fuori dalla Germania, questo non viene percepito come un fatto negativo, perché c’è comunque una carenza di manodopera a causa della demografia. Ciò significa che la disoccupazione in Germania non aumenta. Inoltre, copriamo tutti i problemi con il denaro e facciamo finta che tutto vada bene.

Ma la situazione è così grave se la disoccupazione non aumenta affatto?

Sì, perché stiamo sistematicamente distruggendo le basi della nostra prosperità. Un altro problema fondamentale è che in passato le cose sono sempre andate bene. Ma non ci rendiamo conto che questa volta la situazione è completamente diversa da quella di 20 anni fa. All’epoca i baby boomer avevano circa 40 anni, ora ne hanno 60, il che significa che all’epoca erano in grado di lavorare davvero, ora stanno tutti per andare in pensione. Inoltre, la concorrenza globale è diventata molto più intensa.

Stiamo vivendo al di sopra delle nostre possibilità?

Se si guarda solo al livello di indebitamento della Germania, no. Siamo molto meno indebitati della maggior parte dei nostri vicini europei. Ma abbiamo grandi passività nascoste che non abbiamo previsto: Promesse per le pensioni future, per le rendite future, per l’assistenza sanitaria futura. Se si tiene conto di tutto questo, negli ultimi decenni abbiamo vissuto ben oltre le nostre possibilità.

crisi economica germania 2023

Dobbiamo risparmiare ora?

Neanche questo ha senso. Perché gli altri Paesi con cui condividiamo la nostra moneta hanno vissuto ancora più al di sopra delle loro possibilità. Se noi risparmiamo ora, questi Paesi continueranno a non risparmiare. Ecco perché non ha senso avere un bilancio solido se gli altri – compresa la BCE – continuano a buttare soldi.

Si tratta di un appello ad allentare il freno all’indebitamento?

Sì, dovremmo allentare il freno al debito, perché nell’eurozona nessuno sta risparmiando. Quelli che risparmiano da soli sono gli stupidi. La cosa amara è che i politici hanno avuto abbastanza soldi negli ultimi 20 anni. Ma non li hanno investiti nella digitalizzazione, nell’istruzione e nelle infrastrutture, bensì sono stati spesi in regali elettorali e in assistenza sociale. Se guardiamo allo stato sociale, è evidente che abbiamo vissuto al di sopra delle nostre possibilità – e continuiamo a farlo. Soprattutto, lo Stato ora deve ristrutturarsi, abbandonando la spesa sociale per dedicarsi a investimenti importanti. Ma questo non sarà sufficiente, ed è per questo che probabilmente si dovrà ricorrere a un ulteriore indebitamento.

Qual è la fregatura?

Se si permette ai politici di contrarre altro debito, probabilmente spenderanno altri soldi per le cose sbagliate, per i sussidi sociali e per una politica climatica che ha poco senso. Non appena allenteremo il freno al debito, vedremo di nuovo i politici sperperare il denaro.

Il nostro ricco Paese non può permettersi di spendere di più?

Siamo sempre inebriati dal fatto di essere un Paese così ricco. Ma la verità è che non siamo così ricchi come pensiamo di essere. Né abbiamo il successo che pensiamo di avere. In molti settori, siamo addirittura un esempio da evitare per altri Paesi.

Per esempio?

La nostra politica energetica porta ad alti costi dell’elettricità e ad alte emissioni di CO2, nonostante investimenti per un totale stimato di 1000 miliardi di euro. Le nostre infrastrutture analogiche e digitali sono in cattivo stato, nonostante le entrate statali record e i tassi di interesse a zero fino alla crisi del coronavirus. Il nostro sistema educativo sta lasciando indietro troppe persone, nonostante gli insegnanti siano pagati molto più della media.

Lei ha recentemente affermato che abbiamo ancora tre anni per riorganizzare la Germania al fine di salvare la prosperità. Cosa intende dire?

Ha a che fare con la demografia. Più i baby boomer si avvicinano alla pensione, più le riforme diventano difficili. Inoltre, l’industria, che presto si trasferirà a causa dei costi energetici, non tornerà. Se non riformiamo radicalmente il sistema educativo in tempi brevi, avremo anche una giovane generazione che non sarà più in grado di contribuire a uno sviluppo economico positivo. La finestra di opportunità è estremamente stretta e probabilmente si chiuderà senza che sia stata attuata alcuna riforma.


Cosa significa questo per il nostro Paese?

La Germania non crollerà con un grande botto. Al contrario, vivremo un declino costante, come accade in Italia da circa 20 anni, con una crescita quasi nulla e un esodo di persone ben istruite. La nostra prosperità continuerà a diminuire. Siamo già crollati rispetto agli Stati Uniti, ad esempio. Siamo sempre più indietro in termini di benessere. Uno studio dice che tra 20 anni, se le cose continuano così, il divario tra noi e gli Stati Uniti sarà pari a quello che c’è oggi tra noi e l’India.

Un altro governo potrebbe fare meglio?

Va detto che il Cancelliere Angela Merkel già non aveva fatto un buon lavoro – e la Ampel sta ora peggiorando ulteriormente le cose. Tuttavia, non è solo colpa dei politici, ma anche, in larga misura, di noi stessi. Noi cittadini sopportiamo tutto questo, annuiamo. I politici vogliono essere eletti e quindi fanno promesse poco sensate, alle quali poi crediamo.

Anche noi cittadini siamo diventati troppo pigri, troppo indolenti? Se pensiamo alle idee della Generazione Z o alle richieste di alcuni sindacati…

Non direi necessariamente pigri. Ma molti non si rendono conto di quanto sia grave la situazione nel nostro Paese e di quali enormi cambiamenti di comportamento sarebbero necessari per mantenere la nostra prosperità.

Il reddito di cittadinanza (Buergergeld) aumenterà presto di ben il dodici per cento. Per molte persone che lavorano duramente è difficile da capire. Questa politica non rende troppo attraente non lavorare?

Sì, dovremmo fornire incentivi molto più forti per l’accesso al lavoro. Si vuole sostenere il reddito di cittadinanza per motivi di pace sociale. Io sono più convinto che la pace sociale venga messa a repentaglio se chi lavora ha l’impressione di essere sovraccaricato. I politici hanno ancora una volta accantonato tutti gli aspetti ragionevoli delle riforme Hartz di Gerhard Schröder – purtroppo.

Cosa bisogna fare con urgenza per invertire la tendenza?

Dobbiamo aumentare gli standard di rendimento del sistema educativo, non abbassarli. Ciò riguarda le “competenze di base”, ossia matematica, matematica, matematica e tedesco, tedesco, tedesco. Dovremmo anche migliorare la formazione professionale. Non tutti devono conseguire il diploma di maturità al liceo. Dobbiamo anche considerare l’efficienza e l’efficacia della politica climatica e smettere finalmente di pensare che possiamo permetterci tutto. Dobbiamo adottare misure che facciano davvero la differenza.

Dobbiamo anche migliorare le condizioni quadro riducendo la burocrazia. Per ogni un nuovo regolamento, cinque vecchi devono essere cancellati. Dobbiamo anche investire con urgenza nelle infrastrutture e nella digitalizzazione e gestire meglio l’immigrazione, in modo che le persone qualificate vengano da noi. Dobbiamo incoraggiare coloro che sono già qui a partecipare al mercato del lavoro.

Come sarà la Germania nella migliore delle ipotesi tra cinque anni?

Nel migliore dei casi, avremo una politica che implementa coerentemente le riforme. Ancora una volta, la nostra performance nelle classifiche Pisa sarà significativamente migliore. Abbiamo prezzi dell’energia favorevoli. Abbiamo messo fine alla politica radicale di approvvigionamento energetico. Idealmente, avremmo due o tre centrali nucleari di nuovo in funzione. Abbiamo investito massicciamente nelle infrastrutture e nella digitalizzazione, abbiamo ridotto la burocrazia e riformato le tasse, riuscendo così a mantenere nel Paese un’industria importante.

E lo scenario negativo?

Purtroppo è più probabile che si verifichi. In questo scenario non è successo molto. Abbiamo grandi conflitti di distribuzione e enormi problemi di integrazione nel Paese. Le industrie chiave che un tempo erano importanti non sono più rappresentate. La Germania è quindi diventata ancora più simile all’Italia – solo senza il buon umore degli italiani e senza il buon cibo, il sole, le spiagge e il Mediterraneo.

About the author

Comments

  1. economista di destra che pensa che lo stato sociale sia un lusso…vorrei dirgli che a vivere al di sopra delle nostre possibilità di certo non sono state le classi meno abbienti…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *