Rheinmetall protagonista del riarmo tedesco

panzer leopard rheinmetall

Come sempre in guerra c’è chi piange e chi vende fazzoletti e Rheinmetall dall’inizio della guerra in Ucraina sta facendo affari d’oro grazie alla nuova centralità dell’azienda di Duesseldorf nei piani di riarmo tedesco. Ne scrive il Tagesschau, ne parla la ARD

panzer leopard rheinmetall

A prima vista, sembra una bancarella verde oliva da fiera. Un tettuccio di carro armato da cui spunta una testa e che gira come una giostra con la canna del cannone a volte a sinistra, a volte a destra, come se volesse testare la resistenza dell’occupante. In realtà, l’uomo sta controllando le torrette delle armi riparate dei carri armati “Leopard” prima che vengano spedite dallo stabilimento Rheinmetall di Unterlüß, in Bassa Sassonia, all’assemblaggio finale e infine all’Ucraina.


Segue le notizie sulla guerra? “Ci si pensa più di prima”, conferma, “quando ancora si diceva: “State solo facendo le vostre cose per la Bundeswehr” e così via. Il suo superiore Marius Meyering, responsabile dei “veicoli tattici”, definisce l’hangar “Leopard” il “cuore” dell’azienda. Anche se i telegiornali dovessero mostrare dei “Leo” crivellati di colpi, lui non è preoccupato.


“La questione è se il carro armato ha abbattuto cinque T72 russi prima che il sesto lo prendesse”, dice con distacco. “E la mia convinzione è che la probabilità di sopravvivenza dell’equipaggio sia molto più alta nei carri armati occidentali”.

Mai prima d’ora un team televisivo ha avuto modo di conoscere così da vicino la più importante fabbrica di armi tedesca come ha fatto quello di ARD: dal sito di Unterlüß con il suo poligono di tiro per carri armati alla sala riunioni di Düsseldorf, da dove l’amministratore delegato Armin Papperger ha guidato l’azienda fino all’elite del DAX tedesco. “I dipendenti sono sempre stati convinti di fare la cosa giusta”, dice Papperger mentre si reca alla Borsa di Francoforte all’inizio di marzo di quest’anno, la mattina del suo più grande successo. “È bello essere visti così anche in un modo diverso”.

rheinmetall stock
Azioni Rheinmetall andamento a 5 anni


In effetti, la forza lavoro ricorda bene tutti quegli anni in cui le dimostrazioni anti-riarmo si svolgevano davanti ai cancelli della fabbrica e gli attivisti prendevano d’assalto il palco dell’assemblea annuale degli azionisti. “Armi tedesche, denaro tedesco, assassini in tutto il mondo”, scandivano finché la polizia non li trascinava fuori. Il primo a far sentire il cambio di epoca berlinese a Unterluess è stato il ministro della Difesa Boris Pistorius, quando lo scorso febbraio ha dichiarato davanti alle telecamere, accanto a Papperger all’ingresso della fabbrica: “Non temo contatti con l’industria delle armi, siamo partner”. L’ha detto senza che nessuno glielo chiedesse, quindi ha pensato lui stesso che fosse notevole. Papperger ha aggiunto subito pathos. Ha promesso che anche Rheinmetall “ora deve servire la Germania”.


L’inversione di tendenza ha raggiunto anche la forza lavoro? “È successo qualcosa all’esterno”, conferma il caporeparto Marco Cordes. “Non ti senti più un estraneo, come uno che lavora solo nel settore degli armamenti. Le persone che conosci ora sono interessate e chiedono: cosa c’è di nuovo in Rheinmetall?

Nuova linea di produzione per le munizioni Gepard

In una delle officine locali sono state recentemente prodotte nuove munizioni per il carro armato Gepard. Rheinmetall ha dovuto sviluppare una nuova munizione appositamente per il Gepard, poiché il vecchio carro armato sembrava essere stato abbandonato da tempo.

E oggi fornisce preziosi servizi di difesa aerea all’Ucraina. Nel giro di pochi mesi, l’azienda ha messo a punto la nuova linea di produzione. I tiratori testano le cartucce al poligono di tiro su larga scala, anche in condizioni di freddo estremo. A tal fine, un campione viene appositamente congelato a meno 46 gradi e poi sparato. Nel frattempo, nella sala di controllo, i computer registrano dati sulla velocità di uscita dei proiettili oppure sulla lunghezza del tracciante.


Nello stesso poligono, Papperger si presenta talvolta con i suoi cosiddetti “clienti A”. Si tratta di persone particolarmente importanti per lui. In aprile ha ricevuto Kristóf Szalay-Bobrovniczky, il Ministro della Difesa dell’Ungheria, che probabilmente sarà il primo Paese ad acquistare il nuovo carro armato principale “Panther” di Rheinmetall.

Proiettili con impatto speciale

I clienti salgono personalmente sui veicoli e sparano, si fanno mostrare droni e attrezzature high-tech per i soldati. Papperger spiega a questi clienti anche la nuova “famiglia di munizioni” che Rheinmetall ha sviluppato. I loro proiettili contengono un dardo di metallo pesante circondato da un propellente solido, che alla fine colpisce il suo bersaglio da solo, come un’arma a impatto puramente cinetico. “Se lo si spara contro una casa, non succede molto”, spiega il direttore dello stabilimento Harald Weismüller. “Fa un buco e poi un altro buco dall’altra parte”. Ma se il proiettile colpisce un serbatoio, la storia è diversa. “In definitiva, l’impatto sprigiona un’energia immensa. Il proiettile si fa strada attraverso il materiale e nel veicolo si verifica un effetto scheggia, un effetto calore, insomma tutto ciò che si può immaginare”.

“Weismüller lo spiega con la stessa piacevole semplicità con cui probabilmente spiegherebbe il funzionamento dei tasselli speciali in un negozio di bricolage. È molto diverso dal suo collega Meyering, con il suo linguaggio semplice da ex soldato. Eppure entrambi lavorano con una passione riconoscibile per soddisfare i nuovi requisiti, anche nei turni in cui i trasporti ferroviari verso Kiev sono all’ordine del giorno. Ed entrambi, come i loro team, sono felici del nuovo riconoscimento. “Nonostante la tragedia della guerra in Ucraina, ora si sentono più apprezzati dalla società”, riassume Weismüller. “Non passano più sulla stampa come degli spauracchi, ma vengono trattati in modo più neutrale”.


La visione più onesta della vita all’interno di una fabbrica di armi viene data da Meyering alla fine, quando guarda nel portello aperto di un carro armato Marder di fronte alla telecamera, che i suoi uomini stanno preparando per il fronte. Lui stesso ha trascorso molto tempo nel carro armato in Afghanistan. “Onestamente”, ammette, “è un vero piacere. Sembra stupido ora, lo so, perché si tratta di guerra. Ma prima di tutto è come guidare una scavatrice o qualcosa del genere”. Hai un grosso veicolo cingolato con cui puoi passare sopra a qualsiasi cosa, dice. “La serietà della storia inizia solo quando si entra effettivamente nella mischia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *