Migration compact: cosi’ la migrazione dettata dalla povertà viene ribattezzata immigrazione di manodopera qualificata

“Con la nuova legge sull’immigrazione di manodopera qualificata, il governo tedesco sta attuando il Migration compact in modo esemplare. Sta persino etichettando come lavoratori qualificati le persone che vogliono lavorare per salari significativamente inferiori alla media in qualsiasi professione, dando loro il diritto a trasferirsi in Germania con le loro famiglie allargate” scrive il giornalista e scrittore tedesco Norbert Haering. Con la nuova legge sull’immigrazione, secondo l’autore, il governo tedesco spalanca le porte alla cosiddetta “immigrazione di manodopera qualificata”, anche se in realtà si tratta della solita immigrazione dettata dalla povertà. Da norberthaering.de

IA


Il governo tedesco finge di aver capito che la popolazione è insoddisfatta della politica dei confini aperti. Per pacificare l’umore popolare, vuole accelerare le espulsioni (per l’ennesima volta) e consentire solo parzialmente che i pagamenti dei sussidi per il mantenimento vengano fatti in contanti. Allo stesso tempo, però, sta ridisegnando l’immigrazione di manodopera qualificata in modo che diventi sempre più un’immigrazione legale dettata dalla povertà nel sistema sociale e un programma per deprimere i salari. Il migration compact è un impegno in tal senso.

Nel 2018, tutti i membri delle Nazioni Unite, tranne una manciata, hanno firmato il patto migratorio (migration compact) delle Nazioni Unite, negoziato con pochissime discussioni pubbliche, in gran parte guidate dalla grande lobby aziendale del World Economic Forum.

Firmando il patto, la Germania si è impegnata, tra le altre cose, a

  • riconoscere che la migrazione è una fonte di prosperità, innovazione e sviluppo sostenibile nel nostro mondo globalizzato
  • creare una percezione positiva dei migranti tra la popolazione,
  • promuovere la migrazione di manodopera a tutti i livelli di competenza
  • promuovere il ricongiungimento familiare per i migranti di tutti i livelli di competenza, riducendo i requisiti di reddito, conoscenza della lingua, durata del soggiorno e permesso di soggiorno.

E questo è esattamente ciò che sta accadendo, anche con la nuova legge sull’immigrazione qualificata, che riduce drasticamente i requisiti di qualifica e di reddito per gli immigrati che entrano nel mercato del lavoro tedesco e rende molto più facile il ricongiungimento familiare.

Prima di entrare nel merito, è importante che io chiarisca da quale parte non voglio applausi: da coloro che considerano i tedeschi con la pelle chiara migliori e che guardano dall’alto in basso le persone con la pelle più scura, con una fede diversa, con una nazionalità diversa, con famiglie più numerose e con usanze diverse e pensano di essere autorizzati a sminuirle.

Soprattutto quando cercano di migliorare la loro situazione di vita venendo in Germania. Tutte le persone sono ugualmente buone e preziose, indipendentemente da dove e da quali genitori sono nate e concepite. Per me, però, questo non significa che si debbano spalancare le frontiere, a scapito dei membri più deboli della nostra società e a vantaggio dei datori di lavoro e delle persone più abbienti che amano approfittare di servizi a basso costo. Se il governo tedesco vuole davvero fare qualcosa per le persone nei Paesi d’origine, allora smetta di partecipare al bombardamento di Stati funzionanti ma guidati da governi che non gli piacciono che precipitano nel caos, smetta di sostenere regimi cleptocratici e autocratici amici e si batta per una politica commerciale e fiscale internazionale più equa nell’UE.

L’esempio estremo degli autisti di autobus

Si dice che gli autisti di autobus scarseggino. Non è una sorpresa. Solo se si trova un lavoro presso un’azienda municipale di autobus la retribuzione è ragionevole. Altrimenti, è spesso vicina al salario minimo con condizioni di lavoro poco attraenti. Secondo le statistiche dell’Agenzia federale del lavoro, nel 2022 i conducenti di tram e autobus guadagnavano in media circa 2.700 euro lordi al mese. Per poter lavorare in queste condizioni poco allettanti, è necessario superare un esame per il trasporto passeggeri in conformità alla legge sulla qualificazione dei conducenti (BKrFQG). Il solo esame, che consiste in una prova teorica di poco meno di tre ore e in una prova pratica di tre ore e mezza, costa 1.600 euro. L’autoscuola, che di solito dura 140 ore, costerà probabilmente molto di più.

Ciò significa che molti stranieri provenienti dall’UE guidano gli autobus qui da noi, alcuni dei quali con conoscenze linguistiche molto limitate. Ma questo non basta a colmare il divario. Per questo motivo, anche gli autisti di autobus formati al di fuori dell’UE possono immigrare se trovano lavoro come autisti di autobus. Con la nuova legge sull’immigrazione di manodopera qualificata non sarà più richiesta la conoscenza della lingua tedesca. Il controllo di priorità sarà cancellato; non sarà più necessario dimostrare che non ci sono candidati nazionali per svolgere il lavoro. Oltre al salario minimo fissato dalla legge, non sembra esserci un salario minimo che gli autisti di autobus che desiderano immigrare devono guadagnare con il lavoro che hanno in prospettiva. In ogni caso, i limiti di guadagno più bassi per la Carta blu dell’UE per autisti di autobus elencati di seguito non si applicano.

Questo fa sì che i salari degli autisti di autobus rimangano così bassi che quasi nessuno di coloro che già vivono qui affronterà le spese e i problemi per qualificarsi come autista di autobus.

IA

In quanto lavoratore qualificato immigrato, l’autista di autobus può portare con sé la propria famiglia o farsi raggiungere. Prima che una moglie e – poniamo – quattro figli potessero unirsi a loro, dovevano dimostrare di avere un alloggio adeguato. In futuro, questo requisito non si applicherà più a tutti i “lavoratori qualificati” immigrati. Quindi, se un autista di autobus proveniente dal Ghana, dal Marocco o dall’Afghanistan immigra in Germania con i suoi cinque parenti per trasportare passeggeri per un salario da dumping, con qualifiche minime e vivendo in un appartamento troppo piccolo, come vogliamo chiamarlo? Migrazione di manodopera qualificata o migrazione di povertà? Ora sarà possibile portare con sé anche i genitori e i suoceri.

Tutti i requisiti sono stati abbassati

Secondo la legge approvata in agosto sull’ulteriore sviluppo dell’immigrazione di manodopera qualificata, in particolare le nuove sezioni 18a e b della legge sulla residenza, i lavoratori qualificati con formazione professionale o titoli accademici devono ottenere un permesso di soggiorno per svolgere un lavoro qualificato. In altre parole, qualsiasi formazione professionale o laurea è sufficiente per poter svolgere qualsiasi “lavoro qualificato” e ottenere il diritto di soggiorno (con ricongiungimento familiare). Per lavoro qualificato si intende qualsiasi cosa che vada al di là di un lavoro puramente ausiliario e che in genere richiede una formazione professionale o degli studi.

Chiunque sia in possesso di una qualifica professionale o di un titolo di studio del proprio Paese d’origine non riconosciuto come equivalente in Germania, potrà comunque ottenere un visto se ha maturato almeno due anni di esperienza professionale nel proprio Paese d’origine. Le uniche eccezioni sono le professioni regolamentate, ad esempio nel settore sanitario, che non possono essere esercitate senza determinate qualifiche. Come già detto, l’impiego in Germania può avvenire in qualsiasi professione che vada oltre l’attività ausiliaria, indipendentemente dalla formazione posseduta.

Chiunque dichiari in modo credibile di aver svolto attività informatiche nel proprio Paese non ha nemmeno bisogno di una laurea o di una formazione formale. Se qualcuno gli fornisce un contratto di lavoro, l’unico ostacolo all’immigrazione è la burocrazia. E questa sarà notevolmente ridotta.

Il governo tedesco scrive candidamente nella relazione al progetto di legge:

“Il margine di manovra previsto dalla Direttiva (UE) 2021/1883 per la strutturazione delle soglie salariali per la Carta Blu UE sarà utilizzato in modo favorevole all’immigrazione, riducendole in modo significativo per le occupazioni regolari e per quelle che presentano strozzature”. Inoltre, sarà introdotta una soglia salariale minima bassa per i nuovi ingressi con un titolo accademico”.

La già citata “Direttiva (UE) 2021/1883 sulle condizioni di ingresso e soggiorno di cittadini di Paesi terzi che intendano svolgere lavori altamente qualificati”, che stabilisce i requisiti per i governi degli Stati membri al fine di promuovere l’immigrazione per motivi di lavoro, deve essere intesa come l’attuazione del mandato del Patto ONU per la promozione dell’immigrazione. Il governo federale ha utiizzato in pieno la portata di questa direttiva di promozione dell’immigrazione decisamente “favorevole all’immigrazione”.

IA

La direttiva stabilisce che il visto europeo per i lavoratori qualificati, la Carta blu UE, sarà rilasciato solo se si raggiunge un salario minimo compreso tra il salario lordo medio nazionale e 1,6 volte tale importo. All’interno di questo intervallo, gli Stati membri devono stabilire un salario minimo per il proprio Paese. L’idea è ovviamente quella di classificare come specialisti altamente qualificati solo coloro che guadagnano almeno al di sopra della media.

Secondo Statista, nel 2021 lo stipendio medio lordo dei dipendenti a tempo pieno in Germania era di circa 4.100 euro al mese o poco meno di 50.000 euro all’anno. Se si considerano anche i lavoratori part-time e marginali, nel 2022 la media era di soli 3.333 euro al mese o poco meno di 40.000 euro all’anno.

Il governo federale favorevole all’immigrazione ha abbassato la soglia per tutte le occupazioni a rischio e per i nuovi assunti al 45,3% della soglia di reddito per i lavori soggetti all’assicurazione pensionistica. Nel 2023, tale soglia era di 39.682,80 euro. Si tratta di una cifra inferiore di circa un quarto rispetto alla media di tutti i lavoratori dipendenti a tempo pieno e anche di poco rispetto alla media di tutti i lavoratori dipendenti, compresi quelli a tempo parziale e marginali.

In base alla massima secondo la quale le persone altamente qualificate non dovrebbero guadagnare al di sotto della media, il parametro di riferimento appropriato non sarebbe il salario medio di tutti i dipendenti, ma solo il salario più alto dei dipendenti a tempo pieno. Dopo tutto, non può essere intenzione dei lavoratori qualificati immigrare (con le loro famiglie) per accettare un lavoro part-time o a tempo parziale qui.

Per tutte le altre professioni, la soglia è pari al 50% della soglia assicurativa obbligatoria, che nel 2023 ammonta alla modesta cifra di 43.800 euro, molto al di sotto della media dei lavoratori a tempo pieno in Germania.

Migrazione per povertà o immigrazione di manodopera qualificata?

È dubbio che sia davvero “una fonte di prosperità, innovazione e sviluppo sostenibile” quando persone presumibilmente altamente qualificate immigrano con le loro famiglie e guadagnano poco più di 2.000 euro netti. Se la famiglia è numerosa, come spesso accade per i lavoratori qualificati provenienti da Siria, Iraq o Africa, non è possibile ospitare e nutrire adeguatamente una famiglia con uno stipendio del genere.

IA

Ma il legislatore ha previsto anche questo. In futuro non sarà più necessario verificare la disponibilità di spazio abitativo sufficiente. Secondo l’articolo 18g della legge sulla residenza, il sostentamento di una persona è considerato sicuro anche se è stato rilasciato un permesso di soggiorno sulla base di una formazione professionale o di studi e della prova di un lavoro qualificato.

È probabile che lo Stato dia un aiuto considerevole. Se interpreto correttamente la legge, hanno diritto agli assegni familiari e all’indennità di alloggio. Un lavoratore qualificato migrante e la sua famiglia non hanno normalmente diritto al reddito di cittadinanza. Questo perché se non sono (o non sono più) occupati con un salario superiore alla soglia minima, il loro permesso di soggiorno può essere revocato.

Tuttavia, la direttiva UE stabilisce che devono trascorrere tre mesi di disoccupazione prima che la Carta blu UE possa essere ritirata. La persona interessata deve quindi avere almeno altri tre mesi per cercare un nuovo lavoro in Germania. Questo vale per le persone che si trovano nel Paese da meno di due anni. Se lavora qui da più di due anni, i termini passano a sei mesi di disoccupazione e sei mesi per trovare un nuovo lavoro.

Ciò significa che un immigrato “lavoratore qualificato” e la sua famiglia possono probabilmente ricevere fino a un anno di sostegno prima di perdere il permesso di soggiorno. Inoltre, l’UE stabilisce che la proporzionalità deve sempre essere mantenuta. Posso immaginare – senza rendermene conto – che questo spesso ostacoli la revoca del permesso di soggiorno se anche la famiglia è entrata nel Paese.

Migrazione per l’assegno di cittadinanza

Secondo l’Agenzia federale per il lavoro, nel giugno 2023 circa 5,5 milioni di persone in Germania beneficeranno dell’assegno di cittadinanza. Ciò corrisponde a circa il 6,5% della popolazione.

Il 52,7% dei beneficiari dell’assegno di cittadinanza è di nazionalità tedesca. Il restante 47,3% è composto da non tedeschi. I gruppi più numerosi di beneficiari del sussidio di cittadinanza straniera provengono da

Ucraina: 703.933 persone
Siria: 501.806 persone
Turchia: 198.666 persone
Afghanistan: 182.672 persone
Iraq: 114.964 persone

Tenendo conto del fatto che molti immigrati dell’ondata migratoria del 2015 hanno poi potuto ottenere la cittadinanza tedesca (vedi sotto), ciò significa che circa la metà o più del reddito di cittadinanza viene ora utilizzato per sostenere gli immigrati, due terzi dei quali provengono dai cinque Paesi sopra citati. Naturalmente, ciò non è dovuto prevalentemente al reclutamento di manodopera qualificata, ma alla richiesta di asilo.

Naturalizzazione più facile

In relazione alla sua proposta di legge sulla cittadinanza, approvata dal gabinetto il 30 novembre, il governo di coalizione ama anche parlare molto di lavoratori qualificati e di dipendenti altamente qualificati, da attrarre in numero sempre maggiore verso il Paese. Nancy Faeser (SPD), ministro degli Interni responsabile del progetto di legge, ha dichiarato:

“Siamo nel bel mezzo di una competizione globale per i migliori cervelli. Abbiamo urgentemente bisogno di manodopera qualificata in molti settori della nostra economia. Tuttavia, attireremo le menti migliori solo se potranno entrare a far parte a pieno titolo della nostra società nel prossimo futuro”.

L’autrice non menziona il fatto che tra i lavoratori qualificati altamente qualificati ci saranno anche persone che poi qui lavorerano per salari molto inferiori alla media.

In futuro, potranno naturalizzarsi dopo soli tre anni, nel migliore dei casi, mantenendo la loro vecchia cittadinanza. Se la conoscenza della lingua tedesca e il volontariato non sono troppo distanti dagli obiettivi, si potrà diventare cittadini tedeschi dopo cinque anni anziché otto.

Con 168.000 persone, nel 2022 sono state naturalizzate più persone che in qualsiasi altro momento degli ultimi 20 anni. Nel 2020 erano solo 110.000. 30.000 dei nuovi cittadini provenivano dalla sola Siria. Seguono a distanza ucraini, iracheni e turchi.

Il potenziale di frode è probabilmente molto alto

Se le regole sono già estremamente permissive quando si tratta di rispettare la lettera e lo spirito della legge, e hanno poco a che fare con ciò che gli annunci pubblici dicono che dovrebbero riguardare – l’immigrazione di lavoratori altamente qualificati – le cose rischiano di peggiorare notevolmente se si considera il potenziale di frode e di sfruttamento delle scappatoie della legge.

I controlli seri vengono effettuati solo all’inizio per garantire che il contratto di lavoro soddisfi i requisiti minimi.

Senza pensarci troppo, mi vengono in mente diversi modi in cui la nuova legislazione potrebbe essere utilizzata per portare in Germania un gran numero di “lavoratori qualificati” per contratti di lavoro brevi o fittizi in cambio di denaro o gratitudine. Una volta arrivati nel Paese, possono portare con sé le loro famiglie o farsi raggiungere e poi presumibilmente approfittare dei controlli pieni di scappatoie e della lunghezza e difficoltà delle procedure di espulsione.

Chi ne beneficia

La promozione dell’immigrazione della cosiddetta manodopera qualificata ci viene venduta come una necessità inevitabile per far fronte ai cambiamenti demografici e alla “carenza di lavoratori qualificati”. Ho analizzato da vicino questa carenza di competenze e le sue cause. Ho raccolto le 15 occupazioni con la maggiore carenza di “lavoratori qualificati” dalle statistiche sull’occupazione dell’Agenzia Federale del Lavoro (BA) nell’Handelsblatt e ho analizzato i salari medi dei lavoratori qualificati impiegati in queste occupazioni.

Il BA distingue tra lavoratori non qualificati, lavoratori qualificati, specialisti ed esperti. I lavoratori qualificati sono quelli che svolgono professioni per le quali è generalmente richiesta una formazione professionale formale.

Il risultato impressionante dell’analisi: in due terzi delle 15 occupazioni con le maggiori carenze, i lavoratori qualificati guadagnano meno della media dei lavoratori qualificati in tutte le occupazioni, cioè non solo in quelle con carenze, e di solito molto meno. In media, per tutte le occupazioni, i lavoratori qualificati guadagnano 3.380 euro, e in media per le occupazioni con maggiori carenze analizzate 3.160 euro. I commessi di panetteria, gli addetti ai servizi di ristorazione e gli assistenti medici si collocano agli ultimi posti con stipendi lordi inferiori a 2.400 euro.

Inoltre, negli ultimi cinque anni le occupazioni con carenza di manodopera hanno continuato a perdere terreno in termini di retribuzione, nonostante la carenza di lunga data. Mentre i salari sono aumentati del 14,1% in tutte le occupazioni qualificate, questa cifra è stata solo dell’11,4% per le occupazioni con carenza di manodopera prese in esame. Solo in due delle 15 principali occupazioni con carenza di manodopera gli stipendi sono aumentati significativamente al di sopra della media. La prima è l’infermieristica geriatrica, dove è stato imposto per legge un forte aumento delle retribuzioni, seguita dai servizi di ristorazione.

Ciò suggerisce che la carenza di manodopera qualificata è semplicemente una conseguenza del fatto che sono proprio i lavori difficili con orari di lavoro poco attraenti a essere mal pagati. È per questo che i giovani si stanno invece riversando sui più comodi lavori d’ufficio, che sono anche meglio retribuiti e spesso in forte crescita.

Potremmo lasciare che le forze di mercato e i sindacati forniscano un equilibrio, rendendo più attraenti le occupazioni carenti, prima poco attraenti, attraverso aumenti salariali significativamente più elevati. Questo costerebbe ai datori di lavoro e agli azionisti molto denaro. Sarebbe giusto, dopo che negli ultimi decenni è stato ridistribuito sempre di più dalle masse dei lavoratori ai capitalisti. Invece, per il bene dei datori di lavoro e dei detentori di capitale, il governo sta facendo del suo meglio per rimediare alla carenza di manodopera facendo immigrare lavoratori disposti a svolgere questi lavori a bassi salari.

E per la CDU/CSU, il più grande gruppo di opposizione, questa legge non è ancora abbastanza favorevole al capitale. Il 7 gennaio, Alexander Dobrindt, presidente del gruppo parlamentare della CSU al Bundestag, ha chiesto al notiziario Tagesschau di obbligare i rifugiati a lavorare, compresi esplicitamente quelli provenienti dall’Ucraina. Se rifiutano ostinatamente un lavoro ragionevole, dovranno essere rimandati in aree sicure nell’Ucraina occidentale. Ma se ci sono aree sicure nell’Ucraina occidentale, perché gli ucraini possono cercare “protezione” in Germania? Se la CSU ha la sua strada, solo coloro che mettono la loro manodopera a disposizione (a basso costo) dei datori di lavoro tedeschi saranno autorizzati a farlo.

IA

Per saperne di più sulla storia precedente

Il drastico allentamento delle norme sull’immigrazione è giustificato dalla necessità di attrarre manodopera qualificata e, talvolta, anche da motivi umanitari. Ma già nel 2013 il World Economic Forum ha pubblicato uno studio dal titolo schietto “The Business Case for Migration”, che si traduce in “Perché la migrazione fa bene agli affari”. Questo è normale per una lobby aziendale. Ciò che non è normale, tuttavia, è chi vi ha contribuito. Oltre alle aziende che traggono profitto dalla migrazione, come Western Union, Jeeves Group, Univision e Oracle, sono stati coinvolti anche rappresentanti dell’UE, dei governi e delle organizzazioni internazionali. Hanno partecipato anche il commissario europeo per gli Affari interni, un rappresentante della Banca mondiale e un direttore generale del ministero delle Finanze svedese, dove i problemi della migrazione dominano ormai le elezioni.

Questo partenariato pubblico-privato per promuovere la migrazione ha concordato le seguenti dichiarazioni:

  • La migrazione è un bene per gli affari.
  • I partiti politici che promettono di limitare e controllare l’immigrazione sono un problema. Sono dannosi per l’economia.
  • Le agenzie di sviluppo promuovono la migrazione.
  • Le aziende si trattengono sull’argomento perché temono di attirare il risentimento dell’opinione pubblica pubblicizzando l’immigrazione.
  • La migrazione non dovrebbe più essere vista come una relazione tra l’individuo e lo Stato, ma come una relazione tra l’individuo e il datore di lavoro, mediata dallo Stato.
  • Lo Stato e la società civile dovrebbero creare una cultura dell’accoglienza in collaborazione con il settore privato.

Il Migration compact, che la grande coalizione ha firmato e contribuito a negoziare nel 2018, ha riversato lo stesso obiettivo in parole ben scritte e dal sapore umanitario.

Conclusione

Con la nuova legge sull’immigrazione di manodopera qualificata, il governo tedesco sta attuando il Migration compact in modo esemplare. Sta persino etichettando come lavoratori qualificati le persone che vogliono lavorare per salari significativamente inferiori alla media in qualsiasi professione, dando loro il diritto di trasferirsi in Germania con le loro famiglie allargate.

Come richiesto dal Migration compact, il governo finge che tutta la migrazione sia “una fonte di prosperità, innovazione e sviluppo sostenibile nel nostro mondo globalizzato” e crea una percezione positiva dei migranti tra la popolazione. Promuove la migrazione per motivi di lavoro a (quasi) tutti i livelli di competenza e il ricongiungimento familiare per i migranti a (quasi) tutti i livelli di competenza.

Tuttavia, se il governo rappresenti gli interessi della popolazione che già vive qui, soprattutto dei meno privilegiati, che vorrebbero avere salari più alti e la possibilità di avere un alloggio sociale, oltre a una buona sicurezza sociale con contributi onesti e un ambiente residenziale non degradato, anche nei quartieri più poveri, è un’altra questione.

Le tre relazioni che seguono:

Dicembre 2022: sotto il titolo: “Scholz fa i conti con 90 milioni di abitanti”, il Cancelliere viene citato per aver detto: “Abbiamo ben più di 80 milioni di abitanti, ma continueranno a crescere, L’Ufficio federale di statistica ha presentato un calcolo che è abbastanza plausibile che continuerà a crescere verso i 90 milioni”.

Gennaio 2023: “Carenza di alloggi in Germania superiore a quella degli ultimi 30 anni”: secondo uno studio, mancano 700.000 appartamenti.

Luglio 2023: Il numero di alloggi sociali è sceso di 14.000 unità nel 2022 a circa 1,09 milioni. Sono state costruite solo 22.545 nuove case invece delle 100.000 unità abitative sociali promesse dal governo ogni anno.

Quando un governo spalanca le frontiere a lavoratori stranieri presumibilmente qualificati (con salari ridotti) e alle loro famiglie allargate, ma allo stesso tempo non fa nulla per affrontare il peggioramento della carenza di alloggi e contrastare il forte aumento degli affitti: Si tratta ancora di una normale politica di lobbying o già di una aperta forma di disprezzo per chi si trova al di fuori della bolla rosso-verde-gialla di benessere e prosperità?

Continua: Il patto migratorio e gli autisti di autobus stranieri come soppressori di salari: un rapporto di esperienza

About the author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *