Perchè anche il 2024 sarà un altro anno da “paralisi economica” per l’economia tedesca

L’economia tedesca si trova in una fase molto critica e anche il 2024 non andrà meglio: almeno questo è quello che pensano gli imprenditori intervistati dall’IW di Koeln ed è anche quello che emerge dai dati della Creditreform sulle insolvenze del 2023 fra le imprese e i consumatori tedeschi. Da Der Spiegel e Junge Welt

Anche per l’economia tedesca non si prevede una ripresa nel prossimo anno. Solo il 23% delle aziende fa previsioni positive per il 2024, mentre il 35% ha aspettative negative, secondo un sondaggio condotto su oltre 2.200 aziende dall’Institut der deutschen Wirtschaft, istituto di ricerca vicino ai datori di lavoro. Secondo lo studio, reso disponibile lunedì all’agenzia di stampa Reuters, l’indagine economica segnala “un proseguimento della paralisi economica in Germania”.

Le aspettative delle imprese sono tornate al livello dell’autunno 2022, caratterizzato da shock dei prezzi dell’energia, inflazione elevata e rischio di carenza energetica. “Il forte aumento dei prezzi dell’energia dovuto all’invasione russa dell’Ucraina, il relativo aumento generale dei prezzi, le incertezze geopolitiche e il significativo rallentamento dell’economia globale spiegano la stasi economica del Paese”, affermano i ricercatori guidati dal responsabile della ricerca economica dell’IW Michael Grömling.

Ciò si ripercuote sull’occupazione e sugli investimenti. Solo un’azienda su cinque prevede di aumentare il numero dei dipendenti nel prossimo anno, mentre il 35% prevede una riduzione dei posti di lavoro. “Ciò indica che il lungo boom del mercato del lavoro in Germania per il momento è probabilmente giunto al termine”, ha dichiarato. Solo il 27%, infatti, prevede di aumentare la spesa per gli investimenti rispetto all’anno che sta per concludersi, mentre il 36% prevede di ridurre i budget. “Il crollo degli investimenti non sarà superato nel 2024”, conclude l’IW.

L’indagine indica anche il perdurare della crisi dell’edilizia e dell’industria in Germania. Il 25% delle aziende industriali prevede un aumento della produzione nel 2024, mentre il 38% prevede un calo. Il 54% delle imprese edili prevede un calo della produzione e solo il 13% un aumento. Le prospettive di business per i fornitori di servizi restano invece equilibrate: il 26% prevede un miglioramento dell’attività, il 27% un peggioramento.

Da Junge Welt

Studio Creditreform: sempre più aziende in Germania sono illiquide.

Sempre piu’ consumatori non sono in grado di rimborsare i loro debiti

La direzione è chiara: la Germania sta scivolando sempre di più in un buco economico, numerose aziende sono alla fine, cioè fallite. Lo conferma lo studio sulle insolvenze pubblicato lunedì dall’agenzia di credito Creditreform. Secondo lo studio, il numero di aziende illiquide nel 2023 è aumentato rapidamente: dai 14.660 casi dello scorso anno si è passati a 18.100, con un incremento del 23,5%. “Sempre più aziende stanno collassando sotto la costante pressione dei prezzi elevati dell’energia e dell’aumento dei tassi di interesse”, ha dichiarato Patrik-Ludwig Hantzsch, responsabile della ricerca economica di Creditreform, in un comunicato stampa dello stesso giorno. La “tendenza all’insolvenza” si era già invertita l’anno precedente dopo undici anni di cifre in calo.

Secondo Hantzsch, le previsioni restano fosche: nei prossimi mesi ci sarà un numero significativamente maggiore di imprese insolventi a causa dell’attuale “sbandamento della politica economica”. L’elevato numero di casi si è normalizzato in una certa misura. Soprattutto perché gli “effetti speciali” legati alla pandemica, come le risorse finanziarie dei fondi per gli aiuti di Stato, si sono esauriti da tempo. Inoltre, i segni di stanchezza sono molto evidenti in tutti i settori. Secondo gli autori dello studio, le aziende che ora sono insolventi “hanno trascorso anni a combattere contro crisi multiple come il coronavirus, l’inflazione e la carenza di manodopera qualificata”.

Aumentano le insolvenze e i fallimenti anche fra le piccole e medie attività

Tuttavia, non tutti i settori economici sono ugualmente colpiti. Per le grandi aziende con più di 250 dipendenti, il numero di casi è aumentato del 50% rispetto all’anno precedente. Tra i fallimenti nel commercio al dettaglio spiccano Peek & Cloppenburg e Real GmbH. In testa i grandi operatori del settore delle costruzioni. Primo fra tutti c’è il fallimento di Signa Real Estate Germany e della holding Signa del proprietario principale e squalo immobiliare René Benko. Secondo Creditreform, il fallimento dei grandiosi progetti miliardari in numerosi e prestigiosi centri urbani tedeschi potrebbe avere “enormi conseguenze per i dipendenti, gli appaltatori e i creditori”.

La situazione nel settore delle PMI è ancora peggiore. Tra le aziende con 51-250 dipendenti, le insolvenze sono aumentate di circa il 76%. Le piccole imprese con un massimo di dieci lavoratori sono rimaste relativamente stabili. “Solo il 19 % delle piccole e micro imprese è inciampato e ha dovuto rivolgersi al curatore fallimentare”.

Logicamente, non sono solo i capitalisti, i dirigenti e i proprietari delle aziende a essere stati colpiti dalla crisi dell’insolvenza; prima di tutto sono i dipendenti. Secondo le stime di Hantzsch, quest’anno sono 205.000 i posti di lavoro minacciati o persi (2022: 175.000). A ciò si aggiunge: le insolvenze dei consumatori sono tornate a crescere. La vistosa “tendenza verso il basso” dell’anno precedente (meno 16,5%) non è continuata. In totale sono stati registrati 66.200 consumatori insolventi (2022: 65.930 casi). Non c’è da stupirsi, ha dichiarato lunedì a jW Christian Görke, portavoce per la politica finanziaria del gruppo parlamentare della Linke: “Manca la domanda interna, la gente è in difficoltà e frena gli acquisti e i consumi”. E quando le imprese chiudono in massa, il reddito delle famiglie crolla.

Cosa fare o non fare? Aumentare l’IVA per il gas, il teleriscaldamento e la ristorazione sarebbe una “follia senza precedenti”, ha sottolineato Görke. Sono invece necessari programmi di stimolo economico finanziati dallo Stato. Il suo ex collega Leye si esprime in modo analogo. È necessaria una sorta di triade: maggiori investimenti nel futuro, costi energetici accessibili e condizioni quadro affidabili. “L’imminente programma di austerità della Ampel peggiorerebbe ulteriormente la situazione”. E accelererebbe ulteriormente l’ondata di fallimenti.

About the author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *