L’ondata di fallimenti si sta allargando

La crisi economica in Germania si fa sentire e in ottobre ha fatto aumentare il numero delle insolvenze del 22%. Potrebbe essere solo l’inzio di una lunga ondata di fallimenti. Ne scrive Junge Welt

Il numero dei fallimenti aziendali in Germania sta aumentando sensibilmente. Secondo quanto comunicato martedì dall’Ufficio federale di statistica, a ottobre è stato registrato il 22,4% in più di fallimenti societari rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. A settembre si era già registrato un aumento del 19,5% e da giugno i tassi di crescita su base annua sono sempre stati a due cifre.

L’autorità statistica ha attribuito lo sviluppo alla crisi economica in corso. L’economia tedesca si è contratta dello 0,1% in estate e probabilmente nel trimestre in corso entrerà in una cosiddetta recessione tecnica, con molti istituti che prevedono un rallentamento.

Secondo i risultati finali, i tribunali locali hanno registrato in agosto 1.556 insolvenze aziendali, con un aumento del 35,7% in un anno. La giudici stimano che le richieste dei creditori per le insolvenze registrate ammontano a circa 1,8 miliardi di euro, rispetto ai circa 0,8 miliardi di euro di un anno fa.


Secondo l’Associazione professionale tedesca dei curatori fallimentari (VID), alcuni settori sono particolarmente sotto pressione a causa della crisi economica. Oltre alle aziende manifatturiere ad alta intensità energetica e alle organizzazioni sanitarie, sono particolarmente colpite le imprese del settore edilizio e immobiliare. “L’aumento dei tassi di interesse e un significativo calo della domanda non solo metteranno sotto pressione i grandi promotori di progetti e gli immobiliaristi, ma presto colpiranno anche le imprese artigiane”, ha dichiarato martedì il presidente del VID Christoph Niering all’agenzia di stampa Reuters.

Ogni 10.000 imprese, ad agosto si sono verificati in totale 4,6 fallimenti aziendali. Secondo l’Ufficio federale di statistica, la maggior parte delle insolvenze ha riguardato il settore dei trasporti e del magazzinaggio, con 9,9 casi. Seguono gli altri servizi alle imprese, che comprendono anche le agenzie di lavoro interinale, con 7,7 casi. La frequenza più bassa di insolvenze, pari a 0,6 casi ogni 10.000 aziende, si è registrata tra i fornitori di energia. Le insolvenze dei consumatori sono aumentate dell’8,6% rispetto all’anno precedente, raggiungendo i 5.843 casi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *