René Benko e i suoi numerosi amici nella politica tedesca

“L’inopportuna vicinanza tra l’imprenditore e i decisori politici faceva parte del suo modello di business ” scrive Wirtschaftswoche a proposito di René Benko e del crac finanziario di Signa Group, il gruppo immobiliare guidato dal giovane immobiliarista tirolese che anche in Germania era stato in grado di sedurre numerosi politici molto influenti ricevendo importanti aiuti finanziari durante la pandemia. Ne scrive Wirtschaftwoche

Elbtower ad Amburgo attualmente bloccata causa insolvenza gruppo Signa

La vicinanza di René Benko alla politica faceva parte del suo modello di business. Anche nei municipi e nei ministeri tedeschi i legami con Benko e la sua Signa erano stretti. Troppo stretti!

Per il Cancelliere federale austriaco, la questione è chiara: “Non vedo una questione politica, questo è un caso di diritto fallimentare”, ha detto il Cancelliere federale Karl Nehammer sul crollo dell’impero immobiliare e commerciale di René Benko. Non è una questione politica? Anche in Austria, dove la gente è ben abituata a gestire gli scandali, questa affermazione è destinata a suscitare stupore. Perché il caso Benko non solo ha le sembianze di uno scandalo politico, ma lo è già da tempo.

Quando Benko invitava gli ospiti alla sua festa annuale “Törggelen” al glamour Park Hyatt Hotel di Vienna, una festa del raccolto in stile sudtirolese, si presentavano tutti: ricchi e potenti, cancellieri e ministri, boss di banca e caporedattori, star e starlette. L’ex cancelliere austriaco Sebastian Kurz (ÖVP) e il suo vice temporaneo Heinz-Christian Strache (FPÖ), nonché l’ex cancelliere della SPÖ Alfred Gusenbauer. Quest’ultimo è presidente del Consiglio di sorveglianza di Signa Prime e Signa Development e membro del Consiglio consultivo di Signa Holding. Secondo i media, avrebbe anche fatturato milioni a Signa come consulente. Anche Sebastian Kurz sarebbe stato sul libro paga di Benko.

Da monumento a edificio in rovina

Una cosa è certa: L’inopportuna vicinanza tra l’imprenditore e i decisori politici faceva parte del suo modello di business – e non solo in Austria. Anche molti municipi e ministeri tedeschi avevano stretti legami con Signa, con sindaci e urbanisti felici di crogiolarsi nel fascino di progetti audaci.

Le conseguenze sono attualmente visibili ad Amburgo, dove l’allora primo sindaco Olaf Scholz voleva far costruire un monumento chiamato Elbtower e Signa ha pubblicamente certificato nel 2018 di essere “finanziariamente forte” e di godere di “un’ottima reputazione presso banche rinomate”. Sorprendente, perché all’epoca Benko era già stato condannato per corruzione. Oggi Scholz è Cancelliere federale e la sua Torre dell’Elba rischia di diventare un rudere.

Gli aiuti di Stato tedeschi alla filiale Galeria di Signa, in perenne difficoltà, si sono trasformati in un disastro ancora più costoso. Nonostante le numerose critiche, nel febbraio 2021 – durante la pandemia di coronavirus – sono stati erogati 460 milioni di euro a Galeria, seguiti da altri 220 milioni di euro un anno dopo. Anche Benko ha beneficiato di questo denaro: Signa ha potuto continuare a riscuotere affitti sontuosi da Galeria e riportare nei suoi bilanci valutazioni elevate per le proprietà dei grandi magazzini. Nel frattempo, il governo federale ha dovuto cancellare gran parte degli aiuti a Galeria, stimati in oltre 500 milioni di euro. E perché le banche statali tedesche hanno finanziato Signa, perché la Fondazione RAG, il cui consiglio di amministrazione comprende politici di ogni colore, ha preso una partecipazione in Signa?

Non c’è dubbio che il terremoto Benko non sia solo un caso di diritto fallimentare in Germania, ma anche una questione politica.

About the author

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *