Aumento vertiginoso delle insolvenze in Germania: l’ondata di fallimenti continua anche nel 2024

Prosegue l’ondata di fallimenti in Germania che nel 2023 hanno coinvolto principamente le imprese operanti nel settore delle costruzioni, nell’immobiliare e quelle dei trasporti. Anche il 2024 molto probabilmente sarà un altro anno di grandi sofferenze per le imprese tedesche, ne scrive agrarheute.com, ne scrive agrarheute.com

AI

Il numero di insolvenze in Germania aumenta in doppia cifra dalla metà del 2023. Ad essere particolarmente colpiti sono i settori dei trasporti, dei magazzini e delle costruzioni. Sono aumentate soprattutto le grandi insolvenze. L’agenzia di credito Creditreform prevede un aumento delle insolvenze nel 2024.


Secondo i dati provvisori diffusi dall’Ufficio federale di statistica (Destatis), il numero di insolvenze regolari richieste in Germania nel dicembre 2023 è aumentato del 12,3% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Nel novembre 2023 era aumentato del 18,8% rispetto al novembre 2022.

Tassi di crescita a due cifre su base annua vengono quindi osservati costantemente dal giugno 2023. Nell’esaminare i risultati, va notato che le richieste vengono incluse nelle statistiche solo dopo la prima decisione del tribunale fallimentare, dicono gli statistici.

In molti casi, la data effettiva della richiesta di insolvenza risale a quasi tre mesi prima. Le statistiche sull’insolvenza riflettono solo le chiusure di imprese che avvengono nel corso della procedura di insolvenza, ma non quelle per altri motivi o prima dell’insorgere di gravi difficoltà di pagamento.

Sebbene il numero di fallimenti sia in forte aumento, in Germania il numero di aziende che falliscono è nettamente inferiore rispetto al passato. Mentre all’inizio del millennio fallivano dalle 30.000 alle 40.000 aziende all’anno, l’agenzia di credito Creditreform prevede 18.100 imprese insolventi nel 2023. Nel 2022, Creditreform ha contato 14.700 fallimenti. Sempre secondo le stime di Creditreform, nel 2024 potrebbero esserci circa 20.000 imprese insolventi in Germania.

AI

I trasporti, il magazzinaggio e l’industria delle costruzioni sono i più colpiti

Ogni 10.000 aziende, nell’ottobre 2023 si erano verificati in Germania 4,4 fallimenti aziendali. Il settore dei trasporti e del magazzinaggio ha registrato il maggior numero di insolvenze ogni 10.000 aziende, con 8,1 casi. Seguono gli altri servizi alle imprese (ad esempio le agenzie di lavoro temporaneo) con 6,7 casi.

I dati dell’Ufficio Federale di Statistica mostrano che il settore logistico è particolarmente colpito, vale a dire le aziende di autotrasporti, le aziende di trasporto e le aziende che gestiscono magazzini e distribuiscono merci. L’agenzia di credito Creditreform, invece, vede l’industria delle costruzioni come il primo settore per numero di fallimenti.

Il numero di fallimenti di promotori immobiliari e di imprese di costruzione è quadruplicato dal 2022, mentre quello delle imprese di costruzione di strade è triplicato. Quasi la metà dei fallimenti – con una leggera tendenza alla diminuzione – riguarda ditte individuali e società imprenditoriali.

Si tratta in genere di aziende piccole e con poco capitale. Le statistiche ufficiali, che riassumono i rapporti dei tribunali fallimentari tedeschi, mostrano anche che nella metà dei casi sono le nuove imprese ad essere colpite.

AI

Un numero significativamente maggiore di fallimenti importanti rispetto al solito

Secondo uno studio, anche quest’anno il numero di fallimenti di grandi aziende in Germania è aumentato in modo significativo. Secondo lo studio dell’assicuratore creditizio Allianz Trade, infatti, il settore edile è attualmente il più colpito dai fallimenti. “Le grandi insolvenze sono tornate quest’anno e sono in procinto di raggiungere il picco del 2020”, ha dichiarato Maxime Lemerle, esperto di insolvenze di Allianz Trade.

Allianz Trade definisce le grandi insolvenze come fallimenti di aziende con un fatturato annuo di almeno 50 milioni di euro. Secondo lo studio, il numero di grandi insolvenze in Germania è destinato a raggiungere il livello record del 2020 con 45 casi nei primi nove mesi del 2023. A titolo di confronto, nello stesso periodo del 2022 ci sono state 26 grandi insolvenze, un buon terzo in meno, e nel 2021 ci sono state solo 17 insolvenze di questo tipo.

“Il 2020 ha segnato il livello più alto di insolvenze dal 2016, con 58 insolvenze gravi nell’intero anno e 44 casi nel periodo comparativo dei primi nove mesi”, spiega Lemerle. Secondo Allianz Trade, nel 2023 si è registrato un numero particolarmente elevato di grandi insolvenze nei settori del commercio al dettaglio (moda), degli ospedali e dell’ingegneria meccanica.

Secondo lo studio, a settembre 2023 erano fallite in totale dodici grandi aziende tessili e di vendita al dettaglio di moda, oltre a sei ospedali. “Ciò è in linea con la situazione dell’Istituto Ospedaliero Tedesco (DKI), secondo cui due terzi degli ospedali tedeschi descrivono attualmente la loro situazione finanziaria come scarsa o molto scarsa, e ancora di più gli ospedali di medie dimensioni”, scrivono gli esperti di insolvenza di Allianz Trade.

About the author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *