Perchè il fisco tedesco è amico dei super-ricchi e ostile verso la classe media

Stando ai dati OCSE in Germania la pressione fiscale sui lavoratori è seconda solo a quella del Belgio, quando invece si tratta di tassare i redditi da capitale dei milionari e dei miliardari, il fisco tedesco sembra essere particolarmente amichevole. Netzwerk Steuergerechtigkeit ci spiega quali sono le norme fiscali che in Germania permettono ai super-ricchi di pagare meno tasse dei lavoratori dipendenti e cosa si dovrebbe fare per cambiare questa situazione.

Milionari in Germania secondo l’AI

Nel sistema fiscale tedesco, le persone con un elevato patrimonio spesso hanno un trattamento fiscale migliore rispetto a chi guadagna uno stipendio normale. Ciò è dovuto principalmente al fatto che vivono prevalentemente grazie ai redditi da capitale. Negli ultimi trent’anni sono stati creati numerosi privilegi a loro vantaggio. Mostriamo quali sono le norme che favoriscono i ricchi.

La Germania è un Paese ad alta tassazione – questa è la reazione tipica al confronto annuale degli oneri fiscali e contributivi fra i 38 Paesi dell’OCSE. Secondo questo confronto, nel 2022 circa il 48% dello stipendio di un lavoratore medio finiva in tasse e imposte [1]. Secondo l’OCSE, la Germania si colloca al secondo posto dopo il Belgio. Tuttavia, ciò che questo confronto omette di dire è che La Germania è un Paese a bassa tassazione per i redditi e i patrimoni molto elevati.

L’imposta progressiva sul reddito non funziona

In teoria, un’imposta progressiva sul reddito è la soluzione migliore quando si tratta di tassare le persone in base alla loro effettiva capacità contributiva. Le persone con un reddito più elevato non solo pagano più tasse in termini assoluti, ma anche in relazione al loro reddito. In linea di principio, anche il sistema tedesco di tassazione del reddito è progressivo, ma in pratica tutta una serie di riforme degli ultimi trent’anni hanno fatto sì che questo effetto si sia invertito per le persone molto ricche.

Spesso si paga solo l’imposta sulle società

Con questa tassazione troppo bassa dei redditi molto alti e delle grandi fortune, la Germania segue la tendenza internazionale. Secondo il Global Tax Evasion Report 2024, finanziato dall’UE, negli Stati Uniti, in Francia e nei Paesi Bassi i miliardari pagano imposte tra il due per cento (in Francia) e l’otto per cento (negli Stati Uniti) sul loro reddito. In molti casi, l’imposta sulle società rimane l’unica imposta pagata dai miliardari. I nostri modelli di calcolo per un multimilionario tipico e per un miliardario tedesco specifico giungono a una conclusione simile.

Le principali ragioni delle basse aliquote fiscali per i super-ricchi in Germania sono:

Basse imposte sulle società: i profitti delle società sono tassati in due fasi. Al primo livello nella società stessa, attraverso l’imposta sulle società e l’imposta sulle attività produttive, oltre alla sovrattassa di solidarietà del 30% in media. Questo ha il vantaggio che anche gli azionisti stranieri che non sono soggetti all’imposta sul reddito in Germania vengono parzialmente inclusi nella tassazione tedesca. Tuttavia, nell’ambito della concorrenza fiscale internazionale e nazionale, i paradisi fiscali e il trasferimento artificiale dei profitti fanno sì che le aliquote fiscali sia nominali che effettive siano in calo a livello mondiale da molti anni e che soprattutto le imprese di grandi dimensioni e particolarmente efficienti siano in grado di ottenere vantaggi attraverso una strutturazione fiscale aggressiva.

Tassazione forfettaria delle plusvalenze e società “salvadanaio”: oltre all’imposta sulle società, gli utili societari vengono riconosciuti – a un secondo livello – quando vengono distribuiti agli azionisti attraverso l’imposta forfettaria sulle plusvalenze più il supplemento di solidarietà (26,375%). In combinazione con le imposte sulle società, questo corrisponde al 48,5%, un valore leggermente superiore all’aliquota massima dell’imposta sul reddito. Tuttavia, chi risparmia le plusvalenze in una società invece di distribuirle può rimandare questa seconda fase di tassazione a un futuro lontano e beneficiare nel frattempo dell’effetto di interesse composto dei profitti reinvestiti. Questo vale in particolare per le famiglie molto ricche che reinvestono i loro redditi societari e di capitale in società, fondazioni o family office.

Interessi esenti da imposte: la prima fase di tassazione è completamente assente per gli interessi. Sono quindi tassati solo al 25% più la sovrattassa di solidarietà, indipendentemente dal reddito del beneficiario. A differenza dell’imposta sul reddito, anche i contribuenti dell’imposta sulle plusvalenze rimangono completamente anonimi per le autorità fiscali e non sono quindi inclusi nei dati fiscali.

Nessuna imposta sulle vendite di immobili, Bitcoin & Co.: gli aumenti di valore degli immobili di proprietà privata realizzati attraverso le vendite sono completamente esenti da imposte dopo un periodo di detenzione di dieci anni (o anche prima se utilizzati dal proprietario). Bitcoin, oro, auto d’epoca o arte dopo un solo anno. Questi redditi sono quindi favoriti fiscalmente rispetto ad altri tipi di reddito.

Privilegi fiscali per i redditi da locazione: Nel caso di redditi da locazione canalizzati attraverso una GmbH, l’aliquota combinata dell’imposta sulle società e dell’imposta sulle plusvalenze si riduce a poco meno del 30% al momento della distribuzione, in quanto si può evitare l’imposta sulle attività commerciali.

I redditi molto elevati, in particolare, beneficiano delle opzioni di deduzione: L’imposta sui salari viene pagata automaticamente dai datori di lavoro e può essere ottimizzata in misura molto minore. Tuttavia, esistono alcune norme speciali di cui tendono a beneficiare maggiormente i percettori di redditi elevati (ad esempio, la divisione per coniugi, gli assegni familiari).

I contributi sociali colpiscono poco i super-ricchi: anche i contributi sociali aumentano con il reddito. Tuttavia, a differenza delle imposte, i contributi sono di importo limitato. Aumentano solo fino a un reddito di 67.000 euro (assicurazione sanitaria) e 90.000 euro (pensione). Per questo motivo l’aliquota contributiva si riduce nuovamente per le persone con un reddito molto elevato.

Le imposte indirette gravano in particolare sulle persone più povere: L’IVA – come l’imposta sugli oli minerali e sul tabacco – è regressiva. Ciò significa che a coloro che acquistano questi beni viene addebitato lo stesso importo in relazione alla quantità acquistata, senza tenere conto della capacità finanziaria dei consumatori. Poiché i super-ricchi spendono una parte minore del loro reddito in consumi, l’imposta grava su di loro in misura significativamente inferiore rispetto ai lavoratori medi.

Nessuna imposta sul patrimonio: l‘imposta sul patrimonio è stata sospesa in Germania dal 1997. A parte i terreni, da allora i beni non vengono ufficialmente riconosciuti o tassati.


L’insieme di questi problemi fa sì che l’aliquota fiscale effettiva per i proprietari di società miliardarie e per chi ha un reddito milionario non si avvicini all’aliquota fiscale massima. Al contrario, in alcuni casi la loro aliquota fiscale è appena superiore a quella sui redditi da lavoro medi. Per i lavoratori della classe media ci sono anche i contributi previdenziali, che non incidono quasi per niente sul patrimonio netto elevato a causa, tra l’altro, della soglia di valutazione dei contributi.

Imposta patrimoniale per i super-ricchi

Un’imposta patrimoniale per i super-ricchi potrebbe garantire una maggiore equità fiscale. Un’aliquota moderata del 2% porterebbe a un’aliquota di circa il 40-50% del reddito per il nostro multimilionario tipico e per il nostro miliardario esemplare, basata sulla somma dell’imposta sulle società, delle imposte sul reddito e della nuova imposta sul patrimonio – a seconda della redditività del patrimonio. Ciò corrisponderebbe all’incirca a quanto il cittadino medio paga in tasse e imposte. Anche l’aliquota del 2%, che sembra radicale per la discussione in corso, non metterebbe a rischio la ricchezza dei miliardari nella stragrande maggioranza dei casi e si limiterebbe a far sì che i patrimoni dei miliardari crescano meno rapidamente.

[1] Oltre alle imposte del 18%, l’OCSE include anche i contributi sociali per i dipendenti e la quota a carico del datore di lavoro.

About the author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *