La ricchezza privata delle famiglie tedesche è fra le piu’ basse d’Europa

“La Germania è ricca, ma i tedeschi sono poveri e arrabbiati” scrive Bloomberg e probabilmente ha ragione, perchè guardando gli ultimi dati di Bundesbank e BCE sulla distribuzione della ricchezza privata fra le famiglie tedesche si ha la conferma della enorme disparità nella ripartizione dei patrimoni privati, che nemmeno il generoso stato sociale riesce a compensare. Ne scrive la Berliner Zeitung

AI

Per molto tempo la Germania è stata un faro di prosperità e stabilità politica. Ora la sua economia è in fase di stagnazione e c’è il rischio di un inasprimento sociale e di una divisione nella società. L’umore sta cambiando.

L’estrema disuguaglianza nella distribuzione della ricchezza privata fra le famiglie tedesche è uno dei problemi più antichi della Germania e la ragione per cui così tante persone in questo Paese si sentono sempre più impoverite. O, come ha recentemente riassunto l’editorialista di Bloomberg Chris Bryant in un articolo: “La Germania è ricca, ma i tedeschi sono poveri e arrabbiati”.

La famiglia mediana in Germania ha un patrimonio netto di 106.600 euro – cosa significa?

I dati confermano questa sensazione: secondo l’ultima indagine della Bundesbank del 2021, il primo decile delle famiglie ha un patrimonio netto di almeno 725.000 euro e controlla più della metà della ricchezza del Paese, mentre il 40 per cento delle famiglie più basse non supera i 44.000 euro. La mediana, cioè la famiglia media, ha accumulato un patrimonio di appena 106.600 euro.

La mediana mostra la ricchezza del centro di una società. Dimezza la serie di dati in modo che una metà dei dati sia al di sotto e l’altra al di sopra della mediana, e in questo caso fornisce un quadro chiaro della distribuzione della ricchezza in Germania. Il valore medio, invece, crea l’impressione che tutti in Germania siano relativamente benestanti dal punto di vista finanziario. Nel 2021 la famiglia media in Germania aveva un patrimonio netto di circa 320.000 euro, ma questo non significa che la maggior parte delle persone abbia questo denaro.

AI

La triste verità: la distribuzione della ricchezza in Germania è ben al di sotto della mediana dell’eurozona.

Il quadro si fa più fosco se si confrontano i valori mediani della Germania con quelli degli altri Paesi dell’UE. Emerge improvvisamente che la famiglia mediana tedesca ha una ricchezza netta solo leggermente superiore a quella della famiglia greca del centro della distribuzione: 106.206 euro in Germania nel secondo trimestre del 2023 rispetto ai 97.749 euro della Grecia.

Solo le famiglie mediane di Estonia, Ungheria, Lituania e Lettonia stanno peggio, secondo gli ultimi dati della Banca centrale europea (BCE) del secondo trimestre 2023 – tutti gli altri Paesi dell’Europa orientale e meridionale, invece, stanno molto meglio della Germania. Ad esempio: In Slovacchia, una famiglia mediana ha un patrimonio netto di 116.244, in Portogallo di 126.605, in Slovenia di 154.025, in Italia di 161.062 e in Spagna di 197.236 euro. Le famiglie mediane più ricche si trovano in Lussemburgo, con un patrimonio netto di 734.745 euro. La Germania è quindi ben al di sotto della mediana della zona euro (circa 150.000 euro).

Non c’è da stupirsi che negli ultimi giorni gli agricoltori arrabbiati abbiano bloccato le strade di tutto il Paese per protestare contro i tagli ai sussidi agricoli. Ma molti lo sanno: È solo l’occasione, perché sono preoccupati per il quadro generale. La destra populista AfD sta cercando di capitalizzare questi sentimenti.

milionari in germania
Milionari in Germania

Il fatto è che l’inflazione sta divorando i salari reali e la povertà è in aumento.

Da un lato, l’autore di Bloomberg sostiene che i tedeschi non hanno bisogno di molti soldi per vivere comodamente grazie a servizi pubblici di alta qualità. In alcuni Stati federali gli asili nido sono gratuiti, così come le tasse scolastiche. Di recente, i sindacati hanno spinto gli aumenti salariali, mentre i risparmiatori hanno ricevuto tassi di interesse più alti sui depositi bancari; anche gli agricoltori hanno realizzato profitti più elevati.

D’altra parte, solo circa un tedesco su sei investe ancora nel mercato azionario e meno della metà delle famiglie possiede una casa di proprietà e quindi non beneficia dell’aumento dei prezzi degli immobili, scrive Chris Bryant. Inoltre, secondo la Bundesbank, la ricchezza media delle famiglie tedesche in affitto è di soli 16.000 euro e l’aumento degli affitti non fa che contribuire all’impoverimento delle famiglie in affitto.

Inoltre, i dati della Bundesbank del 2021 non includono ancora gli sviluppi successivi allo scoppio della guerra in Ucraina. L’inflazione ha intaccato i salari reali e il potere d’acquisto delle famiglie e la povertà in termini di reddito è aumentata notevolmente in Germania. Secondo l’Istituto di Scienze Economiche e Sociali della Fondazione Hans Böckler, vicina ai sindacati, nel 2022 quasi il 17% delle persone in Germania viveva in condizioni di povertà, di cui circa il 10% in condizioni di grave povertà. Il numero di persone molto povere, che hanno a disposizione meno del 50% del reddito mediano, è aumentato di ben il 40% tra il 2010 e il 2019. Un quarto dei bambini di Berlino vive in povertà.

L’autore di Bloomberg suggerisce come neutralizzare AfD

L’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) e i principali economisti tedeschi hanno a lungo criticato il sistema fiscale tedesco, in quanto l’onere fiscale ricade in maniera pesante sui salari, mentre le imposte sul patrimonio e sulle successioni sono basse per le classi più elevate. Ad esempio, esistono esenzioni generalizzate dall’imposta di successione per gli imprenditori, perché diversamente potrebbero essere messi a repentaglio posti di lavoro e investimenti.

Queste regole sono troppo convenienti e il risultato è che le tasse sulle grandi eredità sono spesso inferiori a quelle sui lasciti più piccoli, critica l’autore di Bloomberg. Egli suggerisce: A lungo termine, la più grande economia europea dovrebbe riformare il suo sistema fiscale, che penalizza soprattutto il lavoro, e promuovere una più ampia distribuzione del capitale. Tuttavia, è scettico su ulteriori riforme per ridurre la disuguaglianza in Germania, anche se le buone idee non mancano.

About the author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *