Nord Stream 2: cosi’ Habeck avrebbe fermato il gasdotto Nord Stream II

sabotaggio nord stream

Il gasdotto Nord Stream 2 è considerato, a torto o ragione, uno dei grandi errori dell’era Merkel. Ora, documenti appena usciti mostrano come Robert Habeck abbia fermato la pipeline poco dopo il suo insediamento. Da T-Online

Era il secondo giorno festivo di Natale quando Robert Habeck preparò una “bomba politica”. Così descrisse ciò che scriveva il 26 dicembre 2021 alle 18:50 in un’email ai suoi collaboratori più stretti, con tanto di auguri festivi: “Buone feste, R”.

coalizione ampel

“R”, ossia Robert Habeck, era nel suo nuovo ruolo di Ministro federale per l’Economia e la Protezione del Clima da meno di tre settimane. Trascorse quindi il primo Natale nel suo nuovo ruolo a esaminare documenti e a condividere poi le sue conclusioni con i suoi collaboratori.

L’obiettivo di Habeck era tanto delicato quanto urgente: in un’email di due pagine contenente 25 domande, esprimeva i suoi enormi dubbi su un megaprogetto che la precedente Grande Coalizione aveva portato avanti fino all’ultimo nonostante gli avvertimenti internazionali e che stava per entrare in funzione: Nord Stream 2.

La notizia in 1 minuto di video!

L’email di Habeck segnò l’inizio della fine improvvisa della pipeline del Mar Baltico. Un’inversione di rotta. L’email e altri documenti, ottenuti da t-online, mostrano come i predecessori di Habeck nel governo federale e nella burocrazia ministeriale del Ministero dell’Economia avessero chiuso gli occhi fino all’ultimo. Per non vedere ciò che era ormai evidente: che la Germania sarebbe diventata ancora più vulnerabile al ricatto della Russia una volta che la pipeline fosse stata attivata.

gasdotti nord stream

Nonostante gli Avvertimenti Internazionali

C’erano già da tempo motivi di preoccupazione. L’invasione completa dell’Ucraina da parte di Vladimir Putin era ancora a qualche settimana di distanza. Anche l’interruzione delle forniture di gas russo alla Germania era ancora lontana.

Già a giugno 2021, però, la Polonia avvertì i partner che le truppe russe si stavano ammassando al confine ucraino. Il parlamento polacco esortò ancora una volta la Germania a fermare la costruzione di Nord Stream 2. Da anni, anche il più importante alleato della Germania, gli Stati Uniti, avvertiva delle dipendenze cementate dalla pipeline.

Nel tardo autunno, i funzionari del Ministero dell’Economia informarono il loro allora ministro Peter Altmaier della CDU di un ulteriore sviluppo che avrebbe potuto essere un segnale d’allarme. In una nota del 6 agosto 2021, i funzionari scrissero al ministro che i depositi di gas tedeschi si stavano riempiendo “molto lentamente”. “A fine luglio erano pieni solo a metà”, si leggeva. E le importazioni di gas dalla Russia e il GNL dalla Norvegia “sono al di sotto del possibile”.

Peter Altmaier

I funzionari attribuirono la responsabilità di ciò all’alto prezzo del gas, ma anche ad altro: la Russia e i suoi interessi su Nord Stream 2. “Con una riduzione delle forniture di gas, la Russia potrebbe cercare di forzare un’entrata in funzione anticipata.” I funzionari ammettevano quindi che Vladimir Putin poteva già ricattare in parte la Germania. Tuttavia, minimizzarono rapidamente le loro stesse preoccupazioni. Una grande azienda di commercio del gas non era d’accordo: “Il mercato funziona, i prezzi attuali delle importazioni sono semplicemente troppo alti.”

La Grande Coalizione Stabilì i Fatti

Per la Grande Coalizione e il ministro dell’Economia di allora, Peter Altmaier, tutto ciò non fu motivo di inversione. Un mese dopo l’avvertimento sui depositi di gas mezzo vuoti e il potenziale di ricatto, la costruzione della pipeline sul fondo del Mar Baltico fu completata il 6 settembre 2021. E il governo federale fece tutto il possibile per farla entrare rapidamente in funzione.

Ancora l’ultimo giorno del suo mandato, la Grande Coalizione cercò di stabilire i fatti. Il Ministero dell’Economia certificò a Nord Stream 2 nel rapporto sulla sicurezza dell’approvvigionamento del 26 ottobre 2021 che la pipeline avrebbe persino aumentato la resilienza del sistema di approvvigionamento del gas europeo. E respinse così tutte le preoccupazioni internazionali.

sabotaggio nord stream

Fu proprio questo rapporto che mancava alla Bundesnetzagentur per poter certificare l’operatività di Nord Stream 2. Ed erano proprio queste 54 pagine che Robert Habeck esaminò e commentò a Natale 2021. Senza il rapporto, non ci sarebbe stata alcuna attivazione, questo era il calcolo. Come una profezia che si autoavvera.

Robert Habeck e i suoi Verdi avevano da anni delle preoccupazioni che Nord Stream 2 avrebbe aumentato la già alta dipendenza della Germania dal gas russo a basso costo. All’opposizione, potevano fare poco più che avvertire e fare della pipeline un tema della campagna elettorale. Al Ministero dell’Economia, però, Habeck poteva fare di più. Ad esempio, smontare il rapporto sulla sicurezza dell’approvvigionamento. “Il rapporto sembra una profezia che si autoavvera”, scrisse Habeck a Natale 2021 ai suoi collaboratori, “con formulazioni quasi comiche.” Il giudizio del nuovo ministro dell’Economia è chiaro: “Non credo che dimostri la sicurezza dell’approvvigionamento. Ma metterla in discussione è ovviamente una bomba politica.”

Per supportare questa “bomba politica” con contenuti, Habeck formulò inizialmente 25 domande. E lo fece rivolgendosi ai suoi stessi collaboratori del Ministero dell’Economia, cosa che rendeva la questione delicata per lui. Tanto più che le domande erano di natura molto fondamentale.

“Sembra Assolutamente Inquietante!”

Già all’inizio del suo elenco di domande, Habeck notò che il Ministero dell’Economia stesso definiva cosa significasse “sicurezza dell’approvvigionamento”, per poi verificarla e certificare la sicurezza da solo. “In che misura non si tratta di un circolo vizioso?”, chiese Habeck. “La definizione non dovrebbe essere ottenuta da una terza parte, ad esempio dalla Commissione Europea?”

Successivamente, Habeck mise in dubbio l’affermazione del rapporto secondo cui “dall’espansione delle capacità di importazione dalla Russia non segue necessariamente un aumento della dipendenza”. Habeck notò: “Ma è quindi possibile? Non sarebbe compito del rapporto esaminare esattamente questa possibilità, non respingerla?”

“Sembra assolutamente inquietante!”, commentò Habeck sulla formulazione secondo cui il Ministero “non ha al momento conoscenze su circostanze che dimostrino con sufficiente certezza che esiste un comportamento politicamente guidato.” Il nuovo ministro chiese retoricamente e quasi sarcasticamente: “Dalla mancanza di prove certe si può dedurre che la sicurezza dell’approvvigionamento non è minacciata?”

esercito russo in parata

Poi Nord Stream 2 Diventa Storia

L’obiettivo delle domande era chiaro: il rapporto doveva essere ritirato per bloccare la certificazione di Nord Stream 2. Pochi giorni dopo l’email di Habeck, il Ministero dell’Economia riesaminò il rapporto all’inizio del 2022. Il 15 febbraio fu presa la decisione, come si legge in una nota su una “riunione a livello dirigenziale”. “Le verifiche delle ultime settimane hanno mostrato”, si legge, che il rapporto “deve essere revisionato”. Solo una settimana dopo, il 22 febbraio, Nord Stream 2 era praticamente storia. Poiché Putin aveva riconosciuto le autoproclamate “repubbliche popolari” di Donetsk e Luhansk, il governo federale bloccò la certificazione. Temporaneamente – come si disse allora. Prima dell’invasione russa dell’Ucraina due giorni dopo. “Ci siamo lasciati ingannare troppo a lungo dall’illusione,” disse Habeck la sera del blocco alla ARD, “che la pipeline potesse essere vista solo come una questione di politica economica.” Ma la politica energetica è sempre “anche politica di sicurezza”, disse Habeck. Sarebbe stato più saggio non costruire Nord Stream 2.

Lascia qui sotto il tuo indirizzo email per ricevere la newsletter di VdG con gli ultimi articoli!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *