Reclutamento di infermieri brasiliani in Germania: un progetto in crisi

infermieri brasiliani in germania

Gli operatori sanitari sudamericani avrebbero dovuto alleviare la carenza di personale in Germania. Tuttavia, alcuni infermieri brasiliani si sono sentiti ingannati; a seguito delle preoccupazioni del governo Lula, le autorità tedesche hanno sospeso una cooperazione importante. Resta una domanda: c’erano davvero abbastanza candidati a fare l’infermiere in Germania? Ne scrive Die Welt

Un Progetto Ambizioso

Nell’agosto dell’anno scorso, Hubertus Heil, il Ministro del Lavoro tedesco, volò in Brasile per promuovere il reclutamento di infermiere e infermieri brasiliani in Germania, un’iniziativa volta a contrastare la carenza di personale specializzato in Germania. Le foto mostrano Heil in abiti casual, poi in abito formale durante la firma della dichiarazione d’intenti con il Ministro del Lavoro brasiliano Luiz Marinho. L’accordo doveva simboleggiare una partnership forte e collaborativa.

infermieri brasiliani in germania nel 2024

Le Crepe nell’Alleanza

Ora, l’alleanza mostra delle crepe. Il Ministero del Lavoro federale tedesco (BMAS) e l’Agenzia federale per il lavoro (BA) hanno confermato che l’accordo di intermediazione stipulato nel giugno 2022 con il Consiglio federale degli infermieri brasiliani (Cofen) è stato sospeso dalla fine del 2023. Questo programma permetteva alle aziende tedesche di reclutare infermieri dal Brasile con l’aiuto della BA.

Grandi Speranze e Dubbi

La Germania contava molto sul Brasile per l’immigrazione di lavoratori qualificati. Secondo il Consiglio degli infermieri tedesco (DPR), mancano già oggi 115.000 infermieri e si prevede che nel 2034 potrebbero mancarne fino a 500.000. L’obiettivo era di reclutare 700 infermiere brasiliane ogni anno. Tuttavia, alcuni membri del governo brasiliano e del Cofen hanno espresso dubbi sulle condizioni di lavoro in Germania. Il Ministro del Lavoro brasiliano, Marinho, ha dichiarato alla Deutsche Welle che “la Germania non ha rispettato le procedure concordate”.

Ministro del Lavoro Hubertus Heil alla firma dell’accordo in Brasile nel 2023

Lamentele dei Candidati

I candidati brasiliani hanno lamentato il trattamento ricevuto. Secondo la Deutsche Welle, i mediatori tedeschi avrebbero richiesto il rimborso dei costi dei corsi di tedesco, del viaggio e della procedura di riconoscimento in caso di rescissione del contratto. La BA ha risposto che non era a conoscenza di tali richieste di rimborso e che le aziende coinvolte non cooperavano con la BA.

Christine Vogler, presidente del DPR, ha parlato di “scandalo”, sottolineando che tale pressione è discriminatoria. Alcune infermiere hanno riferito di non aver ottenuto il riconoscimento professionale, impedendo loro di lavorare come infermiere qualificate e ricevendo una paga inferiore.

Formazione in Loco: un’alternativa?

Un altro motivo per la sospensione dell’accordo potrebbe essere una richiesta del Ministero del Lavoro brasiliano di sospendere i tentativi di reclutamento. Maira Lacerda, coordinatrice dei progetti internazionali del Ministero brasiliano, ha suggerito che i paesi che necessitano di personale qualificato dovrebbero formare le persone nelle regioni più povere invece di “rubare” il personale qualificato senza compensare il paese di origine.

Hubertus Heil aveva cercato di evitare questo dibattito, dichiarando che tutti dovrebbero beneficiare dell’immigrazione di lavoratori qualificati. Tuttavia, il nuovo governo brasiliano ha espresso preoccupazioni sull’accordo di intermediazione e sull’effettiva disponibilità di personale qualificato in eccesso.

La Sospensione del Programma

Di fronte alle preoccupazioni del governo brasiliano, la BA ha deciso di sospendere le attività del programma, in linea con i principi della “Mobilità Equa”, che prevedono che non ci siano assunzioni contrarie ai desideri del paese di origine e che si eviti il “brain drain”.

Andreas Berger, che lavora per un’agenzia di reclutamento, ha criticato la reputazione negativa dei mediatori privati, affermando che seguono standard rigidi e trasparenti. Tuttavia, molti infermieri si trovano delusi perché devono affrontare anni di qualifiche aggiuntive in Germania.

Conclusioni

La sospensione del reclutamento di infermieri brasiliani avrà probabilmente pochi effetti pratici, ma potrebbe danneggiare la reputazione della BA. La maggior parte degli operatori qualificati arriva tramite mediatori privati, e gli sforzi del settore pubblico rappresentano solo una piccola parte del totale. Tuttavia, la sospensione dell’accordo con il Brasile renderà più difficile aumentare ulteriormente il numero di reclutamenti necessari per affrontare la carenza di personale infermieristico in Germania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *