Il Bluff dell’ingresso dell’Ucraina nell’UE

von der leyen zelensky

Nel bel mezzo della guerra, la Commissione europea vorrebbe raccomandare l’avvio dei negoziatiper l’ingresso dell’Ucraina e la Moldavia nell’UE. Ma entrambi i Paesi non soddisfano nemmeno i requisiti di base. Ma soprattutto, se l’Ucraina aderisse, riceverebbe circa un ottavo di tutti i fondi del bilancio dell’UE; senza considerare che le forze centrifughe nell’UE aumenterebbero. Ne scrive il sempre ben informato German Foreign Policy

von der leyen zelensky


Gravi sconvolgimenti

Secondo un articolo del Financial Times, le conseguenze dell’ingresso dell’Ucraina all’UE sono state discusse seriamente dai capi di Stato e di governo dell’UE per la prima volta alla fine di giugno. L’idea che il Paese possa fare ingresso nell’UE era considerata “assurda” fino a poco tempo fa. Ora, invece, se ne discute in dettaglio [1]. L’ingresso dell’Ucraina nell’UE comporterebbe gravi sconvolgimenti. In termini di popolazione prebellica, il Paese sarebbe il quinto più grande dell’Unione – dopo Germania, Francia, Italia e Spagna – e allo stesso tempo sarebbe di gran lunga il più povero. Ci si devono quindi aspettare conseguenze di vasta portata per il bilancio dell’UE. Ciò vale in particolare per la Politica agricola comune e il Fondo di coesione dell’UE, che insieme rappresentano circa il 62% del bilancio dell’UE per un periodo di sette anni – circa 370 miliardi di euro nel bilancio attuale (2021-2027). Il Financial Times ha dato un’idea della posta in gioco sottolineando che la superficie agricola dell’Ucraina supera quella dell’Italia; quasi il 14% della popolazione ucraina lavora in agricoltura. Oggi, nell’UE, la percentuale di persone impiegate in agricoltura è inferiore al 2%[2].

Un ottavo per Kiev

All’inizio di ottobre, il Financial Times ha presentato cifre concrete, citando calcoli interni della Commissione UE. Bruxelles ha ipotizzato che l’Ucraina non possa essere integrata senza ammettere contemporaneamente i sei Stati e territori dell’Europa sud-orientale a cui viene promessa l’adesione da decenni: Bosnia-Erzegovina, Serbia, Montenegro, Macedonia del Nord, Albania e Kosovo. Se si include anche l’ammissione della Moldavia e della Georgia, che è solo di secondaria importanza, il bilancio settennale dell’UE dovrebbe essere aumentato del 21%, passando dagli attuali 1,211 trilioni di euro a 1,465 trilioni di euro – ben 256,8 miliardi di euro in più rispetto al caso in cui l’UE a 27 dovesse continuare a esistere. Di questi, 186 miliardi di euro, circa un ottavo del bilancio totale dell’UE, andrebbero solo all’Ucraina, mentre Germania, Francia e Paesi Bassi in particolare dovrebbero versare somme significativamente più alte al bilancio dell’UE; molti degli attuali beneficiari netti diventerebbero contribuenti netti.[3] In particolare, i fondi del bilancio agricolo dell’UE che verrebbero trasferiti agli attuali Stati membri verrebbero ridotti di un quinto, secondo i calcoli della Commissione UE. Si tratterebbe di un crollo superiore a quello che gli Stati membri sarebbero disposti ad accettare.

bandiera UE

Riorganizzazione della politica agricola

Kiev sta inoltre già spingendo per un’ampia correzione di rotta nella politica agricola comune dell’UE. Il viceministro dell’Economia ucraino, Taras Kachka, responsabile dei negoziati commerciali ed economici con Bruxelles, ha dichiarato che l’allargamento dell’UE “richiederà una complessa rivalutazione della Politica agricola comune” [4]. Attualmente, i sussidi agricoli per le aziende agricole con superfici molto grandi sono limitati per sostenere le aziende più piccole e meno forti finanziariamente. Secondo Eurostat, tuttavia, i gruppi agricoli ucraini possiedono oggi superfici particolarmente ampie – in media 485 ettari, mentre la dimensione media in Francia, ad esempio, è di 30 ettari e in Polonia di 8 ettari. Katschka spiega di ritenere che tali meccanismi, sfavorevoli per l’Ucraina, possano essere modificati [5], anche se è dubbio che tali correzioni possano essere attuate a scapito degli attuali Stati membri dell’UE. Le consegne di grano ucraino all’UE hanno già scatenato massicce proteste in diversi Stati membri orientali, in particolare in Polonia; Polonia, Ungheria e Slovacchia a settembre hanno recentemente vietato le importazioni di grano dall’Ucraina. [6] L’adesione del Paese all’UE causerebbe loro perdite molto maggiori.

Forze centrifughe

Gli esperti avvertono anche dell’ulteriore rafforzamento delle forze centrifughe nell’Unione. La Brookings Institution di Washington, ad esempio, ha dichiarato in un’analisi pubblicata a luglio che tali forze sono aumentate in modo significativo da almeno un decennio. Durante la crisi dell’euro, a partire dal 2010, le relazioni tra gli Stati membri più ricchi e quelli più poveri sono diventate “meno cooperative” e “hanno assunto un carattere antagonista” che non è scomparso. [7] Nella “crisi dei rifugiati”, a partire dal 2015, il principio di “equa ridistribuzione” dei rifugiati è stato disatteso dagli Stati membri orientali. Ciò ha danneggiato anche la coesione all’interno dell’UE. Nel 2015, gli Stati membri orientali e sudorientali si sono uniti per formare il raggruppamento dei Nove di Bucarest, che subisce una forte influenza da parte degli Stati Uniti e, con alcune eccezioni – Ungheria e, più recentemente, Slovacchia – è particolarmente facile da mobilitare per gli interessi statunitensi. [8] Nel complesso, “i Paesi dell’Europa occidentale hanno una chiara visione” del fatto che “il centro di gravità delle priorità dell’UE si è spostato verso est”, secondo la Brookings Institution. Con l’adesione dell’Ucraina, questa tendenza è destinata ad aumentare ulteriormente.

Il calendario dei negoziati

La Presidente della Commissione UE Ursula von der Leyen ha raccomandato ieri, mercoledì, agli Stati membri l’avvio dei colloqui di adesione con l’Ucraina; Kiev ha soddisfatto “più del novanta per cento” dei requisiti necessari. [9] Rimangono ancora delle carenze nella lotta alla corruzione; ad esempio, la legislazione sulle lobby deve essere adattata agli standard dell’UE e le dichiarazioni patrimoniali dei dipendenti pubblici devono essere riviste. L’Ucraina deve inoltre migliorare ulteriormente la tutela delle minoranze. L’Ungheria, in particolare, sta discutendo da anni con il governo ucraino su tutti i tipi di diritti speciali per la minoranza di lingua ungherese. Ieri, Bruxelles ha affermato che è importante che alle minoranze di lingua ungherese, polacca e bulgara vengano concessi diritti speciali; tuttavia, ciò non vale per gli ucraini di lingua russa, il gruppo linguistico di gran lunga più importante del Paese. [10] I capi di Stato e di governo decideranno lo stato delle cose e l’inizio effettivo dei colloqui di adesione a metà dicembre. In caso di accordo, la Commissione elaborerà un quadro negoziale che i capi di Stato e di governo potrebbero approvare in primavera. In linea di principio, questo apre la strada all’adesione dell’Ucraina all’UE, ma non c’è alcuna garanzia di adesione. La Turchia può testimoniarlo: l’UE ha iniziato i negoziati di adesione con la Turchia nell’ottobre 2005, ma non ha fatto molta strada. L’adesione della Turchia è ora considerata fuori questione

[1] Sam Fleming, Henry Foy: The ‘monumental consequences’ of Ukraine joining the EU. ft.com 06.08.2023. [2] Farmers and the agricultural labour force – statistics. ec.europa.eu November 2022. [3] Henry Foy: EU estimates Ukraine entitled to €186bn after accession. ft.com 04.10.2023. [4], [5] Gerardo Fortuna: Ukraine’s EU membership will trigger a rewriting of CAP, says Kyiv official. euractiv.com 06.10.2023. [6] Camille Gijs: Poland, Hungary, Slovakia impose own Ukraine grain bans as EU measure expires. politico.eu 16.09.2023. [7] Carlo Bastasin: Want Ukraine in the EU? You’ll have to reform the EU, too. brookings.edu July 2023. [8] S. auch Osteuropas geostrategische Drift. [9], [10] Thomas Gutschker: Ein Feld weiter, immer unter Bedingungen. Frankfurter Allgemeine Zeitung 09.11.2023.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *