Heiner Flassbeck – Il dogmatismo della BCE spinge l’Europa verso la recessione

inflazione bce

Secondo l’autorevole economista tedesco Heiner Flassbeck, l’attuale rallentamento dei prezzi al consumo e il crollo dei prezzi alla produzione rappresentano segnali indicativi di una politica errata da parte della Banca Centrale Europea (BCE), la quale potrebbe concretizzarsi in una profonda recessione nell’economia europea. Ne scrive su Relevante Oekonomik

I dati sull’andamento dei prezzi in Europa sono più che incoraggianti. Il tasso di inflazione dei prezzi al consumo nell’Unione monetaria è stato solo del 2,9% in ottobre. Secondo Eurostat, i prezzi alla produzione a settembre sono scesi del 12,4% rispetto al settembre dell’anno scorso. Ciò conferma l’opinione espressa in molti articoli qui riportati, secondo cui l’impennata dei prezzi nell’Eurozona e in molti altri Paesi è stato un evento temporaneo che si ridurrà nuovamente con il previsto calo dei prezzi delle materie prime a tutti i livelli, compresi i prezzi al consumo.

Ciò è facilmente riscontrabile confrontando l’impennata dei prezzi e la sua normalizzazione a partire dagli anni della crisi finanziaria con l’andamento attuale dei principali indicatori di prezzo. La Figura 1 mostra l’impennata dei prezzi nell’Eurozona prima della crisi finanziaria del 2008 e il successivo crollo. È facile notare che i prezzi al consumo hanno seguito i prezzi alla produzione con un certo ritardo e a un ritmo più lento. Ovviamente, ciò non ha nulla a che fare con la politica dei tassi di interesse dell’epoca.

Immagine 1

L’impennata dei prezzi innescata dalla pandemia nel 2021 e dalla guerra in Ucraina nel 2022, che ha provocato principalmente un’impennata dei prezzi alla produzione, è stata notevolmente più forte (Figura 2), ma i processi sono molto simili a quelli dal 2007 al 2010. Anche in questo caso, il modello di allentamento dei tassi di crescita dei prezzi a partire dall’estate del 2022 non ha nulla a che fare con la politica monetaria. Gli aumenti dei prezzi sono diminuiti molto prima che la restrizione della politica monetaria, iniziata nel luglio 2022, cominciasse ad avere effetto. Ipotizzando un ritardo di impatto di soli quattro trimestri (molti studi arrivano a ritardi molto più lunghi, da sei a otto trimestri), i tassi di crescita annuali dei prezzi alla produzione erano già sotto lo zero quando la politica monetaria avrebbe potuto iniziare ad avere effetto.

Immagine 2

Alla luce di questi sviluppi chiaramente riconoscibili, le reazioni dei vertici della BCE possono essere descritte solo come dogmatiche. Non riconoscono più l’importanza dei prezzi alla produzione come indicatore anticipatore dei prezzi al consumo e ricorrono ad argomenti sempre nuovi e più astrusi per giustificare il mantenimento della politica restrittiva degli ultimi un anno e mezzo, invece di riconoscerla come sbagliata e, soprattutto, di correggerla.

Heiner Flassbeck

Il membro del Comitato esecutivo della BCE Isabel Schnabel, ad esempio, dice che l’ultimo miglio di una maratona è il più difficile. Questo può essere vero per la maratona. Tuttavia, trasferire questa immagine alla politica monetaria per dire che è più difficile passare da un tasso d’inflazione del 2,9% al 2% che dal 10% al, diciamo, 5%, è un’assurdità assoluta. La Presidente della BCE Christine Lagarde sta seguendo la stessa linea inappropriata quando, nella conferenza stampa sulle decisioni sui tassi di interesse di fine ottobre, ha dichiarato che dovremo aspettare il prossimo ciclo di negoziati salariali, che si estenderà fino al 2024, prima di cambiare il corso della politica monetaria, per essere sicuri che da questo angolo non arrivi un nuovo impulso inflazionistico.

Il motivo per cui i vertici della BCE si attengono alla loro politica e apparentemente ignorano gli aspetti empirici dei prezzi alla produzione, nonostante sottolineino costantemente di perseguire un approccio rigorosamente basato sui dati, è l’idea diffusa tra i monetaristi, anche tra i banchieri centrali, che negli ultimi dieci anni si sia creato un notevole potenziale inflazionistico a causa della politica monetaria allentata, sotto forma di un’offerta di moneta fortemente espansa, che deve essere infine contenuta da una politica dei tassi d’interesse persistentemente restrittiva. Questa idea oscura la visione della realtà e porta a un’errata valutazione della causa e della durata della fase di alti tassi di inflazione.

Ciò si evince dalle loro previsioni sull’inflazione. Lo scorso dicembre, ad esempio, la Bundesbank tedesca ha previsto (cfr. grafico 3) che il tasso di inflazione tedesco (armonizzato) sarebbe stato in media del 7,2% nel 2023. Tuttavia, un dato del 6% è attualmente realistico. Per il 2024, la Bundesbank prevedeva ancora il 4,1%. Si tratta chiaramente di un valore troppo alto se si considera il 3,0% che è stato recentemente raggiunto e, come di consueto per le previsioni, non si ipotizzano shock imprevedibili nel periodo di previsione.

Immagine 3

La Bundesbank ha proposto solo un valore medio annuo di previsione del 2,8% per il 2025, che è stato quasi realizzato nell’ottobre di quest’anno. Sembra che il valore previsto dalla Bundesbank per il 2025 sarà raggiunto già nel 2024.

Se partiamo dal presupposto che la politica monetaria impiegherà il consueto tempo per produrre i suoi effetti, c’è da temere che non si sia ancora esaurita la pressione restrittiva dei tassi d’interesse sullo sviluppo economico della Germania e dell’Eurozona, ma che i segnali di un rallentamento della crescita stiano appena iniziando ad emergere. La BCE è ora costretta a rivedere nuovamente al ribasso le previsioni di crescita economica dell’Eurozona, come già avvenuto a settembre: secondo Eurostat, il terzo trimestre del 2023 è stato peggiore di quanto previsto dalla BCE, con un -0,1%. E il vicepresidente della BCE Luis de Guindos ha appena respinto le speranze di un leggero rialzo previsto per il quarto trimestre. La tabella originale di Eurostat qui sotto mostra che i prezzi alla produzione complessivi, esclusa l’energia (la seconda linea), sono in calo da mesi rispetto ai valori precedenti. Ciò significa che nella fase preliminare dei prezzi al consumo non solo non c’è uno sviluppo inflazionistico (anche senza il settore energetico, soggetto a fluttuazioni), ma addirittura deflazionistico.

Figura 4

Qual è il significato dell’ultimo miglio di cui parla Isabel Schnabel, quando è ovvio che non c’è pressione inflazionistica nemmeno in questo miglio, dove ci si aspetterebbe? Lo scorso marzo, la stessa BCE considerava i prezzi alla produzione come il canale più importante per i prezzi al consumo (come documentato qui). Non ne vuole più sapere. Se invece dovesse arrivare un altro shock energetico dall’esterno, sarebbe assurdo, come ha dimostrato Friederike Spiecker qui, reagire nuovamente con restrizioni di politica monetaria.

Ancora più assurdo dell’argomentazione dell’ultimo miglio è l’avvertimento del Presidente della BCE di una contrattazione salariale troppo forte l’anno prossimo. Dovreste immaginarvelo: nonostante tassi di inflazione fino al 10% in un singolo mese, i sindacati sono stati finora molto ragionevoli quando si è trattato di fare accordi salariali e hanno colmato la fase molto problematica, ma chiaramente temporanea, degli alti tassi di aumento dei prezzi con dei pagamenti una tantum. Nonostante i considerevoli pagamenti una tantum, gli aumenti del costo del lavoro sono rimasti al di sotto del 5% anche nel secondo trimestre di quest’anno (come si può leggere qui). Ora che i tassi di inflazione sono quasi tornati alla normalità, la BCE teme che gli aumenti salariali possano mettere a repentaglio la stabilità dei prezzi e vuole quindi rinviare i tagli dei tassi di interesse fino a ben oltre il 2024.

È evidente che la signora Lagarde crede ancora alla favola del mercato del lavoro europeo rigido, in cui i lavoratori possono permettersi di tutto. A parte il fatto che la disoccupazione in Germania sta aumentando visibilmente e che anche il resto dell’UEM rischia la recessione, i livelli di disoccupazione in praticamente tutti i Paesi sono ben lontani da quelli degli anni ’70, quando i lavoratori erano in grado di ottenere aumenti salariali estremamente elevati.

Secondo l’Agenzia federale per il lavoro, il tasso di disoccupazione non armonizzato in Germania era del 5,8% in ottobre su base destagionalizzata, mentre il tasso di sottoccupazione era superiore al 7% (Figura 4). Se si include la riserva silenziosa di circa 3 milioni di persone, si arriva a più di 6 milioni di persone.

Figura 5

La situazione è ancora peggiore nella zona euro (Figura 5). Con tassi (armonizzati) superiori al 7%, né la Francia né l’Italia possono dirsi in una situazione in cui sarebbe facile per i lavoratori far valere richieste salariali elevate, per non parlare di Paesi come la Spagna o la Grecia.
Uno sguardo indietro nel tempo mostra che gli attuali valori dell’UEM (misurati in medie annuali) possono essere descritti come “storicamente bassi”, come sostiene ad esempio Isabel Schnabel, solo se le serie storiche iniziano solo dove il calcolo medio per l’UEM 20 è disponibile nelle statistiche ufficiali (linea verde), o si basa sull’anno di fondazione dell’UEM 1999 con gli Stati membri di allora (Figura 6). Di fatto, la disoccupazione nell’Eurozona nel 2022 era pari a quella dell’inizio della seconda crisi dei prezzi del petrolio alla fine degli anni ’70 e quindi molto più alta di quella dei periodi di boom all’inizio degli anni ’70.

Figura 6

In tutti i principali Paesi dell’UEM, il livello di disoccupazione è ora ben al di sopra di quello che si potrebbe definire il pieno impiego (Figura 7). È una vera e propria catastrofe per l’Europa che la BCE non riesca ad allontanarsi dal percorso sbagliato che ha intrapreso, anche se le prove empiriche sono ormai schiaccianti e dimostrano che gli alti tassi di aumento dei prezzi in Europa erano un fenomeno temporaneo. Anche i tanto decantati effetti di secondo impatto sui salari, che avrebbero potuto comportare un rischio di inflazione, non si sono materializzati nei principali Paesi dell’unione montaria, che determinano essenzialmente il tasso medio di aumento dei prezzi rilevante per la BCE.

È tempo che i politici intervengano: dovrebbero invitare i vertici della BCE ad affrontare la stabilizzazione dei prezzi verificatasi a tutti i livelli, invece di proporre sempre nuove teorie che servono solo a giustificare se stessi e non il bene dell’Europa.

Se i prezzi dell’energia dovessero aumentare di nuovo a causa degli attuali conflitti geopolitici e provocare un’impennata dei prezzi a livello generale, la BCE dovrebbe addirittura aumentare ulteriormente i tassi d’interesse sulla base della sua comprensione delle interdipendenze, già dichiarata in precedenza. La BCE si troverebbe quindi ancora più in bilico tra l’alimentare una forte recessione in Europa e il perdere la propria credibilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *