Boris Pistorius – La società tedesca deve essere preparata alla guerra in Europa

leopard tedeschi

Per il ministro della difesa Boris Pistorius è arrivato il momento di preparare la società tedesca all’idea di avere una guerra in Europa, lo ha affermato sulla tv pubblica domenica scorsa. Ne scrive Junge Welt

Se qualcuno nutriva ancora la speranza che la classe dirigente tedesca potesse frenare l’attuale feroce escalation dei conflitti globali, domenica sera il ministro della Difesa Boris Pistorius ha rifiutato nettamente questa speranza. “Dobbiamo riabituarci all’idea”, ha dichiarato nel programma “Berlin direkt”, “che il pericolo di una guerra potrebbe incombere in Europa”. Su cosa si intenda per “in Europa”, Pistorius non si è dilungato. Ma poiché si può supporre che non volesse dichiarare l’Ucraina parte dell’Asia, deve aver inteso altre regioni ancora più vicine al centro del continente tedesco, forse addirittura una guerra sul territorio tedesco stesso. “Dobbiamo diventare idonei alla guerra”, chiedeva il socialdemocratico, “dobbiamo essere idonei alla difesa”. E questo a tutti i livelli.

Prima di tutto, questo vale per la Bundeswehr. Per decenni, la Bundeswehr è stata orientata a cacciare i pirati al largo delle coste straniere o a pattugliare il Sahel con i caschi blu. Questo non è più sufficiente per le guerre a cui la classe dirigente ritiene di doversi preparare. Il Cancelliere Olaf Scholz ha quindi proclamato il “cambiamento dei tempi” causando il primo shock finanziario per armare la Bundeswehr al di sopra del normale livello tedesco, fornendo i tanto citati “mezzi speciali“. Persino la Corte dei Conti Federale si lamenta per questo termine: dovrebbe essere “debito speciale”, ha scritto di recente. Ora, secondo Pistorius, il debito speciale sarà esaurito in quattro o cinque anni al massimo. Poi, secondo il ministro, si dovrà spendere ogni anno il 20% in più per le truppe, ben dieci miliardi di euro – oppure, come ha suggerito il vicecancelliere Robert Habeck nel fine settimana, si dovranno semplicemente contrarre nuovi debiti speciali. I prossimi prestiti di guerra, quindi.


E no, il denaro non è tutto. Se la Germania deve essere “adatta alla guerra”, allora non solo la Bundeswehr, ma anche “la società deve essere preparata ad essa“, ha spiegato Pistorius domenica sera. Da un lato, non c’è “nessun Paese al mondo che parli così male delle proprie forze armate” come la Germania, ha denunciato il ministro alla fine della scorsa settimana durante la sua visita inaugurale all’Accademia di comando della Bundeswehr. Questo deve finire il prima possibile. Pistorius, tuttavia, ha anche avvertito di procedere in modo ponderato. Dopo tutto, per tutti coloro che sono stati socializzati dal 1990 in poi, il pericolo di una guerra è sempre stato acuto solo in zone lontane del mondo. La popolazione deve ora abituarsi all’idea che la guerra possa tornare a casa: “Si tratta di un vero e proprio cambiamento di mentalità”. Aiutare la Germania a far emergere la “mentalità di chi è capace di fare la guerra” sarà quindi uno dei compiti che la classe dirigente deve attualmente affrontare. Non possiamo permettere che la facciano franca.

L’intervento di Pistorius sulla ZDF:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *