Gerhard Schröder – Perché la pace in Ucraina si decide a Washington

Nell’intervista alla Berliner Zeitung uscita ieri l’ex cancelliere Gerhard Schröder rilancia una versione dei fatti sulla guerra in Ucraina molto vicina a quella del Cremlino ma che tuttavia sembrerebbe credibile: secondo Schröder nel marzo 2022 ci sarebbe stata la disponibilità degli ucraini per arrivare ad un accordo di pace, ma gli americani avrebbero bloccato il processo.

L’ex cancelliere Gerhard Schröder parla della politica di Israele di Olaf Scholz, dell’antisemitismo dei migranti, della morale di Baerbock e di come potrebbe essere un nuovo piano di pace per porre fine alla guerra in Ucraina. […]


Gerhard Schröder: Nel 2022 ho ricevuto una richiesta dall’Ucraina che mi chiedeva di fare da mediatore tra Russia e Ucraina nella guerra in Ucraina. La domanda era se potevo trasmettere un messaggio a Putin. Sarebbe arrivato anche qualcuno che aveva un rapporto molto stretto con lo stesso presidente ucraino. Si trattava di Rustem Umjerov, l’attuale ministro della Difesa ucraino. È un membro della minoranza tatara di Crimea. Allora la domanda era: come possiamo porre fine alla guerra?


Come?


Gerhard Schröder: Ci sono cinque punti. Primo, la rinuncia all’adesione dell’Ucraina alla Nato. L’Ucraina non può comunque soddisfare le condizioni. Secondo: il problema della lingua. Il Parlamento ucraino ha abolito il bilinguismo. Questo deve essere cambiato. Terzo: il Donbass rimane parte dell’Ucraina. Ma il Donbass ha bisogno di maggiore autonomia. Un modello funzionante sarebbe quello dell’Alto Adige. Quarto: l’Ucraina ha bisogno di garanzie di sicurezza. Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e la Germania dovrebbero fornito queste garanzie. Quinto: la Crimea. Da quanto tempo la Crimea è russa? Per la Russia la Crimea non è solo una striscia di terra, ma fa parte della sua storia. Si potrebbe porre fine alla guerra se non fossero in gioco interessi geopolitici.


E il diritto internazionale.


Gerhard Schröder: Sì, ma non si tratta solo di una questione legale. Gli unici che potrebbero risolvere la guerra nel rapporto con l’Ucraina sono gli americani. Nei negoziati di pace del marzo 2022 a Istanbul con Rustem Umjerov, gli ucraini non hanno accettato la pace perché non potevano farlo. Dovevano prima verificare con gli americani tutto ciò di cui parlavano. Ho avuto due colloqui con Umjerov, poi uno a tu per tu con Putin e poi con l’inviato di Putin. Umjerov ha aperto la conversazione con i saluti di Selenskyj. Il modello austriaco o il modello 5+1 è stato proposto come compromesso per le garanzie di sicurezza dell’Ucraina. Umjerov lo ha trovato valido. Ha mostrato disponibilità anche sugli altri punti. Ha anche detto che l’Ucraina non vuole entrare nella NATO. Ha anche detto che l’Ucraina vuole reintrodurre la lingua russa nel Donbass. Ma alla fine non è successo nulla. La mia impressione: non poteva succedere nulla, perché tutto il resto era deciso a Washington. È stato fatale. Perché il risultato finale sarà che la Russia sarà sempre più legata alla Cina, cosa che l’Occidente non dovrebbe volere.


E gli europei?


Gerhard Schröder: Hanno fallito. Ci sarebbe stata una finestra nel marzo 2022. Gli ucraini erano pronti a parlare della Crimea. Anche il giornale Bild lo aveva confermato all’epoca.

Ne scrive anche T-online:

Gerhard Schröder, ex cancelliere e amico del presidente russo Vladimir Putin, suggerisce che gli Stati Uniti hanno impedito un rapido accordo di pace poco dopo l’inizio della guerra di aggressione russa all’Ucraina. Ai negoziati di Istanbul del marzo 2022, gli ucraini non hanno accettato la pace “perché non gli è stato permesso”, ha dichiarato il socialdemocratico alla Berliner Zeitung. “Dovevano prima verificare con gli americani tutto ciò di cui parlavano”.

La leadership del Cremlino aveva già mosso accuse simili agli Stati Uniti in passato. Su cosa Schröder abbia basato la sua valutazione in termini concreti è rimasto aperto nell’intervista. Il 79enne è stato criticato per aver dichiarato la sua amicizia con Putin nonostante la guerra in Ucraina.

Nel febbraio 2022, si dice che ci sia stato un accordo iniziale.


L’ex cancelliere ha mantenuto stretti legami economici con la Russia anche dopo il suo mandato. È stato a capo del consiglio di sorveglianza del gigante energetico russo Rosneft per quasi cinque anni e si è dimesso dall’incarico nel maggio 2022 senza fornire alcuna motivazione.

Dopo l’inizio della guerra, nel febbraio dello scorso anno, i rappresentanti di Russia e Ucraina si sono incontrati più volte per i negoziati, anche in Turchia. Secondo fonti russe, sarebbe stato raggiunto un accordo, che però non è stato attuato.

Mosca ha accusato Kiev di aver fatto deragliare gli accordi raggiunti per porre fine al conflitto su ordine di Washington. L’Ucraina ha giustificato la rottura dei negoziati, tra l’altro, con la scoperta di crimini di guerra a Butsha. Nel villaggio vicino a Kiev sono stati trovati centinaia di cadaveri di civili.

Schröder ha cercato di mediare da solo


Il presidente ucraino Volodymyr Selensky ha quindi emesso un decreto che vieta ulteriori negoziati con la Russia. Putin ha sottolineato nei giorni scorsi che non ci sarebbero stati nuovi negoziati fino alla revoca del divieto.

Schröder si è recato a Mosca nel marzo 2022, ben due settimane dopo l’inizio della guerra, per parlare con Putin, ma senza consultare il governo tedesco. Secondo quanto riportato all’epoca dal New York Times, fu accolto al Cremlino come un capo di Stato o di governo.

Sia la Russia che l’Ucraina erano disposte a fare concessioni


Schröder ha dichiarato alla “Berliner Zeitung” di aver ricevuto una richiesta dall’Ucraina nel 2022 per mediare tra il Paese e la Russia. “La domanda era se potevo trasmettere un messaggio a Putin. Ci sarebbe stato anche qualcuno che aveva un rapporto molto stretto con lo stesso presidente ucraino. Si trattava di Rustem Umjerow, l’attuale Ministro della Difesa ucraino”, ha dichiarato Schröder.

Schröder ha avuto due colloqui con Umjerov, poi un incontro a tu per tu con Putin e infine con l’inviato di Putin. Nei colloqui del 7 e del 13 marzo 2022 non si sapeva nulla di Butscha, ha detto.

Fallita la procedura di espulsione del partito contro Schröder


Umjerov si era dimostrato disposto a fare concessioni durante i negoziati, ad esempio sul fatto che l’Ucraina non voleva entrare nella Nato. “Ha anche detto che l’Ucraina voleva reintrodurre il russo nel Donbass. Ma alla fine non è successo nulla. La mia impressione è che non poteva succedere nulla, perché tutto il resto è stato deciso a Washington”. Ha anche detto: “Gli americani pensano che si possano tenere a bada i russi”.

Schröder ha sempre criticato la guerra di aggressione russa, ma ha sostenuto il mantenimento delle relazioni con la Russia e ha ripetutamente parlato, ad esempio, della disponibilità del Cremlino a negoziare. Questo posizionamento e i suoi legami con la Russia gli sono valsi molte critiche.

Dopo l’invasione russa, la leadership della SPD ha ripetutamente preso le distanze da Schröder e lo ha dichiarato isolato all’interno del partito. Tuttavia, una procedura di espulsione dal partito avviata da 17 sezioni del partito è fallita.

Un pensiero su “Gerhard Schröder – Perché la pace in Ucraina si decide a Washington

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *