Bild – Fuga dal lavoro nel settore delle pulizie in Germania per incassare il reddito di cittadinanza

settore delle pulizie germania

Secondo la Bild nel settore delle pulizie sarebbe in corso una massiccia ondata di dimissioni da parte dei lavoratori per poter incassare il reddito di cittadinanza. Dalla Bild Zeitung

Quanti lavoratori dipendenti in Germania hanno lasciato il loro lavoro per ottenere l’assegno di cittadinanza invece di continuare a lavorare? Un recente sondaggio condotto tra le imprese di pulizia ha rivelato che la situazione potrebbe essere più diffusa di quanto si pensasse.

L’indagine, condotta dal Bundesinnungsverband des Gebäudereinigerhandwerks (BIV), ha coinvolto oltre 2500 aziende associate, rappresentando un totale di 700.000 dipendenti nel settore delle pulizie. I risultati rivelano che più di due terzi dei dirigenti azienda intervistati hanno affrontato il problema di dipendenti che lasciano il lavoro con l’obiettivo di beneficiare dell’assegno di cittadinanza.

Secondo il BIV, il 28,4% delle aziende ha riferito che “diversi dipendenti si sono dimessi o hanno annunciato l’intenzione di farlo in relazione al reddito di cittadinanza”. Un altro 40% ha confermato questa tendenza, ma ha descritto tali casi come ancora isolati. Un terzo leggermente più piccolo non ha ancora rilevato alcuna influenza negativa del reddito di cittadinanza sulle dinamiche del personale.

La preoccupazione principale emersa dal sondaggio riguarda il timore che il reddito di cittadinanza possa entrare sempre più in competizione con i salari. Su una scala da 1 a 10 (dove 10 rappresenta la massima preoccupazione), il punteggio medio è stato di 8,8, un chiaro segnale di allarme.

Il reddito di cittadinanza per i percettori adulti (single, senza figli) sarà aumentato a partire da gennaio 2024, raggiungendo 563 euro al mese, un incremento del 12,2%. Al contrario, i lavoratori a salario minimo vedranno solo un aumento di 41 centesimi all’ora, portando il salario minimo lordo a 12,41 euro all’inizio del prossimo anno, un incremento del 3,4%.

In Germania, 3,9 milioni di persone ricevono il reddito di cittadinanza, mentre circa sei milioni di persone lavorano duramente in cambio di un salario minimo. Questi lavoratori coprono una vasta gamma di professioni, dal settore della ristorazione all’edilizia, passando per il commercio e altro ancora. È importante notare che nel settore delle imprese di pulizia esistono salari minimi fissati collettivamente, superiori al salario minimo legale, attualmente di 12 euro l’ora.

La crescente fuga dal lavoro verso l’assegno di cittadinanza rappresenta una sfida significativa per il mercato del lavoro tedesco. Gli esperti avvertono che è essenziale mantenere un equilibrio tra la domanda di assistenza sociale e l’incoraggiamento al lavoro per evitare uno sviluppo pericoloso per il mercato del lavoro e per l’economia nel suo complesso.

Thomas Dietrich, Meister nella corporazione federale degli addetti alle pulizie degli edifici, vede un pericolo corrispondente anche al di fuori del suo settore. “Il fatto che il nuovo reddito di cittadinanza stia aggravando la carenza di personale in sette aziende su dieci del settore con il maggior numero di occupati della Germania dovrebbe essere un urgente motivo di allarme per i politici”, afferma. Non si deve perdere “l’equilibrio tra assistenza sociale e incoraggiamento al lavoro, nonché tra uguaglianza sociale e incentivo al lavoro”. Altrimenti, c’è il rischio di uno sviluppo pericoloso per il mercato del lavoro, l’economia e la performance del nostro paese”.


A luglio, il leader dell’SPD Lars Klingbeil (45 anni) ha avanzato l’idea di un ulteriore aumento del salario minimo in un’intervista alla BamS – fino a 14 euro lordi all’ora!

Kai Whittaker (38 anni, CDU), relatore sul reddito di cittadinanza per il gruppo parlamentare CDU/CSU, non ne ha una grande opinione: “La Ampel ha reso troppo attraente non lavorare. Il risultato sono numerosi casi di persone che scelgono il reddito di cittadinanza invece di lavorare. Chi lavora duramente è quello che ci rimette: una palese aberrazione a cui noi della CDU/CSU vogliamo porre fine molto rapidamente”.

In passato, il presidente dell’associazione dei datori di lavoro, Rainer Dulger (59), ha ripetutamente messo in guardia contro le interferenze politiche nel livello del salario minimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *