Heiner Flassbeck – L’ingovernabilità aprirà la strada all’ascesa di AfD

sostenitori di AfD

L’irrompere di AfD sulla scena politica tedesca impone una revisione dell’attuale sistema politico ed elettorale tedesco che sembra ormai condannato all’ingovernabilità. Ne scrive Heiner Flassbeck su Relevante Oekonomik

sostenitori di AfD

“Et hätt noch jot jejange”, dicono a Colonia, quando qualcosa non può praticamente più andare bene. Così è stato per le elezioni in Assia e Baviera. Ancora una volta è andata bene, ma è stata una pura coincidenza. La democrazia a sei partiti degli ultimi anni sta diventando una democrazia a quattro partiti a causa del rafforzamento di AfD, perché la FDP e la Linke di fatto stanno scomparendo. Di conseguenza, non è più possibile trovare soluzioni per governi in grado di agire, e quello che vogliamo evitare a tutti i costi è proprio ciò che sta accadendo: che AfD diventi sempre più forte.

Anche se la CDU raggiunge circa il 35%, come è accaduto in Assia e in Baviera, avrà difficoltà a perseguire politiche conservatrici – a meno che, come nello Stato Libero, non abbia a portata di mano i Freie Wähler che non differiscono da lei in nulla a livello programmatico e una SPD che semplicemente ha perso le elezioni. In Assia, la CDU, che esclude coalizioni con AfD, deve convincere i Verdi o la SPD, che hanno il 15 percento, perché la FDP considerando il 35 percento della CDU è inutile. Questo porterà a compromessi che alla fine non accontenteranno nessuno, se non AfD.

Sondaggi elettorali 15-10-2023

Se immaginiamo che la CDU rimarrà leggermente al di sotto del 30% a livello federale, come suggeriscono attualmente i sondaggi, questa situazione potrebbe rivelarsi fatale. Se AfD otterrà il 20%, la SPD e i Verdi si attesteranno intorno al 15% (mentre FDP, Partito della Sinistra, Liberi Elettori e altri, come recentemente in Assia, supereranno complessivamente il 15%, ma senza un ruolo politico rilevante), la CDU non avrà più alleati di coalizione sufficienti e sarà costretta a coinvolgere SPD e Verdi. Questo esclude fin dall’inizio una politica conservatrice che possa danneggiare AfD. Al contrario, sembra probabile che AfD guadagni ulteriormente e in modo significativo.

Ma cosa è veramente la democrazia?

In teoria, la democrazia è un sistema molto semplice: la maggioranza governa. Tuttavia, definire chi formerà effettivamente questa maggioranza e come debba essere rappresentata negli organi decisionali è un compito complesso. Inoltre, molte menti brillanti ritengono che la maggioranza non debba decidere in tutti i casi, ma solo quando non viola i diritti umani fondamentali o la tutela delle minoranze. La democrazia nella sua realtà è quindi molto intricata, poiché il diritto di voto determina chi rappresenta chi e in che modo.

Per garantire che la democrazia tedesca possa ancora funzionare efficacemente, è necessario decidere presto la direzione in cui vuole andare, al fine di superare l’attuale stallo causato dal sistema elettorale tedesco. Bisogna chiarire se si desidera seguire il modello degli Stati Uniti, con un sistema elettorale puramente maggioritario in cui vige il principio “il vincitore prende tutto”, o se si preferisce seguire il modello svizzero, in cui i cittadini vengono coinvolti più direttamente e la formazione del governo coinvolge tutti i principali partiti. Senza una scelta chiara, si rischia di trovarsi con governi di emergenza che stanno al governo, ma non riescono a concordare su una politica sostanziale.

Per mezzo secolo, la Repubblica Federale è stata caratterizzata da grandi blocchi politici che erano in gran parte inconciliabili tra loro. Questo periodo è ormai concluso. Il termine “partito popolare” diventerà presto una pagina di storia. Le “grandi coalizioni”, che hanno sostenuto il governo in Germania dall’inizio del secolo, sono anch’esse un fenomeno del passato. La domanda ora è: quale sarà il prossimo passo?

Chiunque parli di coalizioni multicolori deve essere consapevole che questo approccio favorisce la frammentazione del panorama politico, poiché non rimane alcuna figura che i cittadini possano considerare responsabile dei successi e, soprattutto, dei fallimenti. Quando tutti i partiti “borghesi” fanno parte del governo, l'”alternativa” diventa l’unica opzione.

In un sistema del genere, come si può vedere chiaramente con l’esempio della Ampel, non vi sono più dibattiti seri sui contenuti, poiché tutto deve essere concordato in anticipo prima di essere reso pubblico. Questo spinge costantemente gli elettori a votare per il partito che, come AfD, incolpa i partiti esistenti (comunemente chiamati “vecchi partiti” negli slogan di AfD) di tutti i problemi, anche se essi stessi non offrono contenuti significativi.

I governi a tre parti non rappresentano la soluzione ideale. Il compromesso costante tra tre partiti non risolve i problemi. La democrazia prospera grazie al dibattito e alla discussione. Tuttavia, le democrazie hanno bisogno di governi che siano capaci di agire e aperti al cambiamento. Questo è possibile solo se esistono blocchi politici che si confrontano direttamente e che possono alternarsi al potere.

Se non è possibile formare blocchi attraverso un confronto basato sui contenuti (“libertà o socialismo”), è necessario ricorrere a un contrasto formale basato su sistemi di voto maggioritari. Anche se presentano svantaggi, questi assicurano almeno la capacità di prendere decisioni. Che si tratti di elezioni dirette di un presidente con un notevole potere, come negli Stati Uniti, o di un sistema a due livelli come in Francia, dove persino un partito che rappresenta solo una piccola parte degli elettori può ottenere un potere quasi assoluto, la differenza è minima.

Potrebbero esistere soluzioni migliori, ma la situazione attuale richiede una riflessione profonda e una revisione del sistema elettorale tedesco. Sarà una sfida, poiché la maggior parte degli attori in Germania ritiene che il sistema attuale sia intoccabile. Tuttavia, è fondamentale iniziare presto a riconsiderare il sistema attuale, poiché l’ingovernabilità avrà costi elevati a lungo termine e potrebbe aprire la strada all’ascesa di AfD al potere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *