Vecchi alleati

alleanza croato tedesca

I vecchi alleati Croazia e Germania portano avanti l’integrazione delle forze armate croate all’interno delle strutture della Bundeswehr tedesca, del resto quella fra Germania e Croazia è un’alleanza che arriva da lontano e sin dalle guerre Jugoslave degli anni 90 Berlino ha avuto un ruolo centrale nello smembramento della ex-Jugoslavia. Ne scrive German Foreign Policy

amicizia tedesco-croata
Amicizia tedesco croata

La Bundeswehr sta attualmente integrando parti delle forze armate croate nella sua rete logistica multinazionale, che è in fase di allestimento. Secondo quanto riportato dalle Forze Armate, il personale militare croato partecipa già come osservatore alle esercitazioni congiunte tedesco-ungheresi, durante le quali le truppe della Repubblica Federale e dell’Ungheria mettono in campo operazioni logistiche congiunte. A partire dal prossimo anno, si prevede inoltre una possibile integrazione attiva delle unità croate nel Partenariato logistico strutturato (SpiL), istituito da Berlino e Budapest.

Dal punto di vista economico e politico, la Croazia è già strettamente legata alla Germania. La Repubblica Federale rappresenta il suo principale partner commerciale e un importante investitore nella regione dell’Europa sud-orientale. Inoltre, esistono stretti legami politici che influenzano anche la vicina Bosnia-Erzegovina. Questi legami risalgono al ruolo cruciale svolto dalla Repubblica Federale tedesca nella secessione della Croazia dalla Jugoslavia negli anni Novanta. Tuttavia, va notato che questo sostegno deciso della Germania alla Croazia ha comportato notevoli conflitti con la Francia e all’interno della NATO, di cui la Croazia è membro da tempo.

Un passo significativo in questa direzione si è verificato nel dicembre 1991, quando il governo tedesco ha annunciato di essere il primo Paese a riconoscere diplomaticamente la Croazia. Questo riconoscimento era in contraddizione con le decisioni dell’allora Comunità Europea (CE), che il governo tedesco aveva precedentemente accettato. Tale mossa era finalizzato a realizzare l’obiettivo della “politica estera tedesca” di creare due “Stati sulla periferia dell’Adriatico”, come sostenuto dall’esperto di intelligence Erich Schmidt-Eenboom.

Pavelic e Hitler
Pavelic e Hitler

Con il benestare delle autorità tedesche, le aziende produttrici di armi della Repubblica Federale Tedesca hanno fornito armi alla Croazia, tra cui il mitra MP-5 e il bazooka “Armbrust”. Inoltre, veicoli e armi provenienti dalle vecchie scorte dell’ex Esercito Popolare Nazionale sono stati inviati in Croazia. La Repubblica Federale Tedesca ha quindi svolto un ruolo fondamentale nella secessione della Croazia dalla Jugoslavia.

Conflitti Accettati

Per ottenere l’indipendenza della Croazia, il governo tedesco fu consapevole che ci sarebbero stati problemi con altre potenze della NATO. Questo avveniva in un momento in cui, dopo lo scioglimento dell’Organizzazione del Trattato di Varsavia (OMC) nel luglio 1991, la competizione tra Germania, Francia, Gran Bretagna e Stati Uniti stava plasmando le dinamiche all’interno dell’alleanza militare occidentale. L’ambasciatore tedesco a Parigi, Jürgen Sudhoff (in carica dal 1991 al 1995), riportò al Ministero degli Esteri all’inizio del 1992 che il riconoscimento tedesco della Croazia aveva inflitto ferite a Parigi che non si erano ancora rimarginate nemmeno dopo diverse settimane. Tutto ciò era parte di un impegno tedesco per garantire una “zona di influenza tedesca nell’Adriatico” e aveva comportato il dover accettare considerevoli conflitti all’interno dell’Alleanza Nord Atlantica.

Ricostruzione con l’aiuto tedesco

La guerra d’indipendenza croata aveva già avuto inizio nella primavera del 1991. Il neonato esercito croato era riuscito a respingere l’Esercito Popolare Jugoslavo nei primi due anni di conflitto. Tuttavia, i combattimenti sono proseguiti dal 1992 al 1995, con le truppe croate che avevano affrontato la repubblica de facto della Krajina serba. Quest’ultima controllava all’epoca parti della Slavonia e delle aree confinanti con la Bosnia-Erzegovina.

Durante l'”Operazione Oluja” (“Operazione Tempesta”) nell’agosto 1995, i soldati croati avevano espulso circa 200.000 serbi dalla Krajina e avevano messo fine alla repubblica non riconosciuta. Le aree della Slavonia sono state successivamente amministrate dalle Nazioni Unite per tre anni, e i poliziotti serbi ivi presenti avevano ricevuto pagamenti temporanei in marchi tedeschi per agevolarne l’uscita dalla ex Jugoslavia. Nel 1998, queste zone sono poi passate sotto il controllo della Croazia.

Croazia nell'UE e nell'euro

Il governo croato aveva già istituito la Banca croata per la ricostruzione e lo sviluppo (HBOR) nel 1992, con la Kreditanstalt für Wiederaufbau tedesca che aveva svolto un ruolo di modello di riferimento e aveva inviato consulenti alla HBOR. La metà del capitale iniziale della HBOR, pari a un miliardo di marchi tedeschi, proveniva dal governo tedesco.

Tra Repubblica Federale Tedesca e Stati Uniti

Dopo la secessione della Croazia, il Servizio federale di intelligence tedesco (BND) aveva assunto il controllo completo dei nuovi servizi di intelligence croati. Inizialmente, il governo degli Stati Uniti aveva tentato di stabilire una “divisione geopolitica del lavoro” in cui la Germania avrebbe mantenuto la Croazia come sua “sfera di influenza primaria”, mentre gli Stati Uniti si sarebbero concentrati sulla Bosnia-Erzegovina. Tuttavia, a metà degli anni ’90, il governo degli Stati Uniti aveva cercato di minimizzare l’accesso tedesco ai servizi di intelligence croati, operando direttamente da Washington.

Cartina della Croazia

Apertura all’UE

Verso la fine del millennio, il governo croato ha avviato un processo di privatizzazione delle aziende chiave e di allineamento degli scambi commerciali con l’Unione Europea (UE). Nel 1999, Deutsche Telekom ha acquisito il monopolista telefonico croato dell’epoca, Hrvatski Telekom (Telecom croata). In una fase di maggiore apertura agli investitori stranieri a partire dal 2000, le imprese tedesche, insieme a quelle austriache, hanno svolto un ruolo di primo piano. È importante notare che l’Austria ha tradizionalmente funto da “ponte” per la Germania verso il sud-est fin dagli anni ’30.

Convergenza di interessi delle grandi potenze

Già nella primavera del 1991, il segretario generale tedesco della NATO, Manfred Wörner (in carica dal 1988 al 1994), aveva dichiarato in un’intervista alla stampa che la Croazia avrebbe dovuto essere ammessa alla NATO insieme ad altri Stati dell’Europa centro-orientale sulla base delle loro “storia, cultura e religione comuni”. Tuttavia, negli anni ’90, questa opzione non era ancora concreta. Dai primi anni 2000, le forze croate hanno partecipato, insieme ai soldati tedeschi, alle operazioni della NATO, tra cui la KFOR nel Kosovo, l’operazione “Active Endeavour” nel Mediterraneo e l’ISAF in Afghanistan. La Croazia è poi entrata a far parte dell’Alleanza militare del Nord Atlantico nell’aprile 2009.

Sistema partitico

Sin dall’indipendenza, la politica croata è stata dominata dalla destra conservatrice dell’HDZ (“Comunità democratica croata”). Per oltre due terzi degli ultimi tre decenni, l’HDZ ha governato la Croazia. Negli anni ’90, l’HDZ era guidato dal nazionalista Franjo Tudjman, con una fazione minoritaria che ha cercato di trasformare l’HDZ in una “CDU croata”. Nei primi anni 2000, i modernizzatori liberal-conservatori all’interno dell’HDZ hanno prevalso e hanno riformato il partito seguendo il modello della CDU. Da allora, l’HDZ è stato strettamente allineato con i partiti dell’Unione tedesca. Tuttavia, il partito mantiene un forte nazionalismo e conserva legami con l’eredità degli ex collaborazionisti nazisti. L’attuale partito socialdemocratico croato (SDP), che ha dato al paese il primo ministro dal 2000 al 2003 e dal 2011 al 2016, non è fondamentalmente diverso dall’HDZ. Durante il suo governo, la SDP si è concentrato sull’allentamento delle leggi sul lavoro e sulla promozione delle privatizzazioni. Nel panorama politico croato, esiste un forte consenso neoliberale.

Cooperazione tra partiti e fondazioni

A Zagabria, la capitale croata, sono presenti numerose istituzioni statali e politiche tedesche. La Fondazione Friedrich Ebert, affiliata al Partito Socialdemocratico tedesco (SPD), la Fondazione Heinrich Böll, affiliata ai Verdi, la Fondazione Hanns Seidel, affiliata alla CSU, e la Fondazione Konrad Adenauer, affiliata alla CDU, hanno uffici nella città. Inoltre, il Goethe-Institut, il Servizio tedesco per gli scambi accademici (DAAD) e l’Agenzia centrale per le scuole all’estero, che è un dipartimento dell’Ufficio federale per gli affari esteri e dipende dal Ministero federale degli Affari esteri, hanno le loro sedi in loco.

Il Principale Partner Commerciale

La Repubblica Federale Tedesca rappresenta il principale partner commerciale della Croazia. Nel corso dell’ultimo anno, quasi tre milioni di turisti provenienti dalla Germania hanno costituito il gruppo più numeroso tra i vacanzieri stranieri nel Paese. Nel 2018, la Repubblica Federale ha rappresentato il 13,1% delle esportazioni croate e il 15,2% delle importazioni provenienti dalla Germania. Tuttavia, in termini di investimenti diretti esteri, la quota tedesca è diminuita dal 23,7% nel 2000 al 9,4% nel 2018, mentre la quota austriaca è rimasta relativamente stabile nello stesso periodo (2000: 21,9%, 2018: 23,2%). Va notato che la Croazia occupa una posizione moderata nella lista dei partner commerciali tedeschi: si trova al 45° posto per quanto riguarda le esportazioni tedesche, davanti a Ucraina ed Egitto, e al 54° posto per quanto riguarda le importazioni, davanti ad Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti. Mentre la Germania riveste un’enorme importanza per l’economia croata, la Croazia non è particolarmente significativa per l’economia tedesca.

Sostegno ai Nazionalisti Radicali

L’alleanza tra Germania e Croazia influisce anche sulla vicina Bosnia-Erzegovina, dove dall’agosto 2021 il politico della CSU, Christian Schmidt, è stato nominato “Alto Rappresentante”. In questa veste, ha il potere di licenziare funzionari della Bosnia-Erzegovina, modificare o promulgare leggi e persino istituire nuove autorità statali. Negli ultimi due anni, il politico della CSU è stato al centro dell’attenzione soprattutto per il suo “sostegno ai nazionalisti radicali”. Ad esempio, ha sostenuto il partito bosniaco gemello dell’HDZ croato, “ideologicamente ancora strettamente legato allo Stato croato degli Ustasha durante la Seconda guerra mondiale”. Durante tali incontri, Schmidt è stato ripreso in diverse occasioni in compagnia di estremisti croati bosniaci sotto la bandiera di Herceg-Bosna, una repubblica croata de facto fortemente nazionalista esistita dal 1992 al 1995.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *