Perché i lavoratori stranieri non vogliono restare a lavorare in Germania?

La vita in Germania per gli stranieri, si sa, è dura e spesso difficile: frustrazioni, incomprensioni ed emarginazione sono all’ordine del giorno. Eppure la società tedesca ha un grande bisogno di lavoratori stranieri qualificati, che però alla prima occasione tornano a casa nel loro paese. Ma perché non vogliono restare a lavorare in Germania? Prova a rispondere Focus.de

l bisogno di lavoratori specializzti stranieri in Germania è elevato, tuttavia, pochi professionisti internazionali sono inclini a trasferirsi nel Paese. Ciò è dovuto a ostacoli burocratici, incomprensioni culturali e un sistema di immigrazione poco trasparente che scoraggia i talenti migliori.

La Germania sta attualmente affrontando una crisi demografica in cui la popolazione invecchia, ma la domanda di lavoratori qualificati continua a crescere. Nonostante gli sforzi delle aziende e dei politici tedeschi, come il ministro federale del Lavoro Hubertus Heil, l’attrattività della Germania per i lavoratori specializzati stranieri rimane limitata. Ad esempio, l’anno scorso, nonostante gli sforzi intensi, l’Agenzia federale per il lavoro è riuscita a reclutare solo 656 infermieri dall’estero, mentre ne servirebbero migliaia. Questa carenza di lavoratori qualificati è un problema in diversi settori.

Gli economisti sottolineano che la Germania avrebbe bisogno di circa 1,5 milioni di immigrati qualificati all’anno per colmare la carenza di manodopera, ma considerando anche coloro che lasciano il Paese ogni anno, il numero netto di lavoratori stranieri aggiunti è di soli circa 400.000. Ciò è dovuto in parte al costo della vita percepito come elevato, specialmente nelle aree metropolitane, che spesso supera le possibilità finanziarie dei lavoratori specializzati.

Un’altra preoccupazione è la discriminazione e il razzismo. Un sondaggio dell’Istituto per la Ricerca Economica Applicata (IAW) dell’Università di Tubinga ha rivelato che il 51% dei 1.885 intervistati ha dichiarato di essere stato discriminato a causa della propria origine etnica o per altri motivi, sia dalle autorità che nel contesto lavorativo. Questi incidenti sono stati segnalati soprattutto nella Germania orientale.

Il Ministro federale del Lavoro Heil ha riconosciuto che la concorrenza con altri Paesi con tradizioni di immigrazione più solide o lingue più diffuse è una delle principali ragioni di questa sfida.

Inoltre, molti di coloro che sono arrivati in Germania lasciano nuovamente il Paese. Secondo lo “Spiegel”, più di un milione di persone se ne va ogni anno. Ciò indica che la Germania non è percepita ovunque come aperta e luogo dove vale la pena vivere.

Per affrontare questa situazione, molti esperti suggeriscono che la Germania dovrebbe rivedere i requisiti per i lavoratori qualificati. Ad esempio, l’apprendimento del tedesco non dovrebbe essere un prerequisito per ogni lavoro, e i dipendenti delle autorità per gli stranieri dovrebbero essere in grado di comunicare in inglese. Nel complesso, la Germania deve diventare più attraente per i lavoratori qualificati internazionali e garantire che vogliano rimanere una volta trasferitisi nel Paese.

Un pensiero su “Perché i lavoratori stranieri non vogliono restare a lavorare in Germania?

  1. Facile.
    Il tedesco ovviamente discrimina il musulmano, dopo essere stati invasi dai turchi.
    Tuttavia vuole servi, perché i suoi sacri cittadini devono fare i manager, quindi giustamente l’italiano non va in Germania a farsi comandare dai crucchi o dai mangiarane

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *