Prosegue il boom delle Tafel in Germania: sempre piu’ bisognosi, sempre meno cibo da distribuire

tafel in germania

 Cresce il numero di persone in difficoltà obbligate a rivolgersi alle Tafel in Germania per mettere insieme il pranzo con la cena. I banchi alimentari però hanno sempre meno cibo da distribuire e sono costretti a bloccare le nuove iscrizioni. Ne scrive il Tagesschau

Più di 960 banchi alimentari sostengono due milioni di persone bisognose in tutta la Germania. Le persone in difficoltà sono in aumento. Allo stesso tempo, però c’è meno personale e meno cibo. In molti luoghi, lo stop alle nuove registrazioni non è più un’eccezione.

Combattere lo spreco di cibo: è per questo che sono stati fondati i primi banchi alimentari in Germania. All’inizio, chiunque poteva ritirare il cibo raccolto presso i punti di distribuzione, ma la situazione è cambiata con le riforme Hartz all’inizio degli anni 2000. 

A causa dell’aumento del bisogno sociale, la distribuzione di cibo è stata limitata solo ai piu’ bisognosi. Da quel momento in poi sono stati fondati sempre più banchi alimentari. Oggi i banchi alimentari hanno un carattere più assistenziale. 

25 anni fa, Uwe Bußmann ha co-fondato il banco alimentare di Saarbrücken pensando alla protezione dell’ambiente. Per oltre dieci anni, il 74enne ne è stato il primo presidente. 

Le risorse scarseggiano

La Saarbrücken Tafel da sola rifornisce un totale di circa 900 famiglie. La maggior parte di coloro che arrivano qui sono rifugiati dall’Ucraina e dal Medio Oriente, beneficiari del reddito di cittadinanza, anziani in condizioni di povertà e lavoratori a basso reddito

Altre 200 famiglie sono ancora in lista d’attesa, perché da maggio la Tafel ha dovuto nuovamente imporre un blocco delle nuove ammissioni – fino alla fine dell’anno. “Il bisogno è superiore a quello che possiamo soddisfare”, afferma Bußmann. Sempre meno soccorritori devono rifornire sempre più persone bisognose con sempre meno cibo. Al momento, l’unico modo per entrare è che un’altra famiglia liberi il suo spazio – ad esempio, se qualcuno si trasferisce, muore o dichiara di non avere più bisogno.

Negli ultimi 25 anni è successo poco nel settore sociale, dice Bußmann. I politici sono troppo preoccupati per se stessi e non ci aiutano, critica l’ex presidente di Tafel. “I poveri non riescono più a provvedere a se stessi in modo sufficiente e non ricevono abbastanza risorse”. Il fatto che i banchi alimentari esistano è un fallimento della politica, afferma, aggiungendo che anche la mentalità di coloro che vengono assistiti è cambiata. Mentre gli anziani, in particolare, si vergognano di dipendere dai banchi alimentari perché le loro pensioni sono troppo basse, il concetto della distribuzione di cibo sta diventando sempre più ovvio per le generazioni più giovani – ed è associato a una sorta di atteggiamento esigente. “Molti pensano di averne diritto”, dice Bußmann.

Volontari sovraccarichi

Da quando esiste la Tafel di Saarbrücken, il 74enne ha sempre sperato che a un certo punto non sarebbe più stato necessario. Come per la prima Tafel di Berlino, che all’inizio voleva combattere lo spreco di cibo. A livello nazionale, la situazione dei banchi alimentari è altrettanto tesa. La pandemia è stata molto onerosa per tutti, afferma Andreas Steppuhn, presidente di Tafel Germania. 

L’alto costo della vita e l’inflazione sin dall’inizio della guerra in Ucraina hanno fatto sì che le Tafel servissero più persone che mai: più di una Tafel su tre in Germania dice di aver introdotto dei blocchi all’ingresso. Più della metà sta distribuendo meno cibo ai singoli clienti. A ciò si aggiunge l’elevato carico di lavoro per i volontari. Oltre allo sforzo fisico, come il trasporto di un numero sempre maggiore di scatole, il lavoro si sta facendo sentire anche a livello psicologico.

“Respingere le persone bisognose non è facile per nessuno”, spiega il presidente dell’associazione. Steppuhn vede anche un fallimento nell’amministrazione e nella politica: “Non è giusto che gli uffici pubblici ora indirizzino le persone colpite dalla povertà ai banchi alimentari”. Steppuhn accoglie con favore misure come l’aumento del reddito di cittadinanza a 563 euro e il previsto assegno di base per i figli. Ma non sono sufficienti per tenere sotto controllo la povertà in Germania nel lungo periodo.

Un pensiero su “Prosegue il boom delle Tafel in Germania: sempre piu’ bisognosi, sempre meno cibo da distribuire

  1. Bene cosi, mandiamo altri 8 milioni di profughi in Germania subito!
    Voglio 1000 navi!
    Vediamo che succede ai panzer manager

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *